1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Mercoledi, 8 Dicembre 12:55:pm

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Economia, imprese 'bloccate' dal Covid e dai ritardi nei pagamenti

Crisi Negozi3ROMA, 28 ott. – In base ad un recente sondaggio, il 72% delle aziende e dei professionisti intervistati dichiarano enormi difficoltà nel recupero crediti, il 14% è stato costretto a chiudere temporaneamente o definitivamente. La paura è che il nuovo DPCM incrementi i dati di un ulteriore 11%.

La crisi economica innescata dal coronavirus non sembra volersi arrestare, soprattutto per le piccole e medie imprese che rappresentano la stragrande maggioranza delle realtà italiane, e per i professionisti. Sono questi gli attori che, spesso, risultano essere i più vulnerabili, con una minor disponibilità di cassa.

Le difficoltà che stanno investendo tutti i settori economici, stanno provocando un ritardo diffuso dei pagamenti che genera un effetto domino di mancati saldi. Se, infatti, A non paga i servizi erogati da B, quest'ultimo non potrà pagare le materie prime di C che, a sua volta, non pagherà i dipendenti. A evidenziare la problematica è il Gruppo IREC, azienda specializzata nella gestione e nel recupero del credito, che ha somministrato un questionario a 1.200 dei loro assistiti tra imprese e professionisti, per un volume di affari totali di 1 miliardo di euro. Per la rilevazione è stato utilizzato un campione eterogeneo a livello sia territoriale (tutte le regioni), sia settoriale (alimentare, edile, servizi, studi professionali, settore tecnologico ecc.).

Il primo dato allarmante che salta all'occhio è che il 72% delle aziende e dei professionisti intervistati ha dichiarato di aver riscontrato enormi difficoltà nel recupero dei propri crediti da marzo ad oggi, e il 14% non ha più riaperto dopo il lockdown, per una chiusura che in molti casi si preannuncia come definitiva. Con l'entrata in vigore del nuovo DPCM del 26 ottobre 2020 che impone nuove chiusure per intere categorie (parchi divertimento, palestre, centri benessere) e pesanti limitazioni per altre (ristoranti, pizzerie, bar, pasticcerie, gelaterie), si teme un peggioramento dell'incidenza di questi fenomeni che da qui alla fine dell'anno potrebbero crescere di un ulteriore 11%, rendendo la ripartenza per moltissime realtà estremamente difficoltosa, se non impossibile.

"Le aziende nella situazione post covid19, hanno registrato un calo del fatturato medio del 20%, ma a preoccupare maggiormente è il calo dell'utile medio che si attesta addirittura a – 37%. – Spiega il presidente del Gruppo IREC, Victor Khaireddin – Quando parliamo di utile, parliamo del dato più delicato, e cioè del guadagno vero e proprio che si riesce a generare. In questo caso, quindi, ci troviamo a dover affrontare un mercato in cui un'azienda dalla propria attività non riesce quasi più a metter da parte danaro, con il quale dovrebbe fare investimenti, nuove assunzioni, pagare tasse ecc. Se poi a questo calo aggiungiamo il calo del fatturato e il non incassare più le fatture in tempi accettabili o non riuscire ad incassarle poiché, magari, il cliente ha chiuso, questo dato dipinge uno scenario ancora più drammatico".

Il lockdown di marzo e aprile, dunque, ha segnato profondamente molti settori e moltissime realtà imprenditoriali che, ancora oggi a distanza di mesi, non riescono a ripartire concretamente, proprio per una mancanza di liquidità, per questo è fondamentale scongiurare in ogni modo la possibilità di una seconda chiusura generalizzata.

(askanews)


Ultimi Articoli

08 Dic, 2021

Suzzara: torna 'Un libro per le mani', sezione dello storico concorso 'Un Libro per la testa'

SUZZARA, 08 dic. - Dopo una decina d'anni di sospensione torna a…
08 Dic, 2021

Sciopero lavoratori igiene urbana il 13 dicembre

MANTOVA, 08 dic. - Mantova Ambiente informa che le…
08 Dic, 2021

Vaccini, Bassetti: 'Nel 2022 quarta dose quasi certa'

TORINO 8 dic. - "Il primo ciclo vaccinale iniziato nel 2021 si…
08 Dic, 2021

Politica, Renzi: 'Conte senza coraggio, vive di like. Rischio voto nel 2022'

ROMA, 08 dic. – "Conoscendo la sua proverbiale mancanza di…
07 Dic, 2021

Covid, salgono i contagi in provincia di Mantova: 170. In Lombardia 2783 contagi

MANTOVA, 07 dic. - Impennata di contagi nel mantovano dove oggi…

AIUTA L'Altra Mantova

Da giorni stiamo lavorando senza sosta e tra mille difficoltà per garantire un'informazione aggiornata e sempre precisa sull'emergenza covid-19.
Abbiamo bisogno del vostro sostegno. Un piccolo contributo che per noi è molto importante.
Grazie

Partner

OficinaOCM2 Dedicated
IlNotturno1 Dedicated

Sport media

Calcio Mantova1911 1
Basket Sting1

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information