1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Giovedi, 2 Dicembre 8:10:pm

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Senologia, studio sul trattamento dei linfonodi ascellari. Il Poma partecipa a una ricerca internazionale

Mantova OspedaleCarloPoma2MANTOVA, 23 ott. - La Chirurgia Senologica del Poma partecipa a uno studio internazionale multicentrico sul trattamento dei linfonodi ascellari. Si tratta di valutare diversi metodi chirurgici di stadiazione - biopsia del linfonodo sentinella, dissezione ascellare selettiva, dissezione ascellare totale - nelle pazienti affette da neoplasia mammaria che, all'esordio, presentano linfonodi ascellari positivi e che vengono candidate a una chemioterapia neoadiuvante (preoperatoria).

Il direttore della Chirurgia Senologica Massimo Busani spiega come si procederà: "Al termine della chemioterapia, la paziente viene ristadiata, cioè ripete gli accertamenti di diagnostica per immagini con lo scopo di valutare la risposta al trattamento chemioterapico. Se dagli esami risulta che ha avuto una risposta clinica palpatoria e strumentale completa a livello ascellare, anziché procedere con la dissezione come prevedono gli attuali protocolli, si eseguirà la biopsia del linfonodo sentinella. In caso di negatività del linfonodo non sarà effettuata la dissezione ascellare. Un ulteriore passo avanti nel trattamento conservativo del tumore al seno".

Lo specialista precisa che, al di là dello studio, questo approccio è già utilizzato in alcuni casi selezionati all'ospedale di Mantova, sulla base di studi meno selettivi già esistenti, in corso o conclusi: "Occorre però valutare con cura ogni situazione e informare adeguatamente la paziente, perché a fronte di indubbi vantaggi, si può incorrere in qualche rischio. La dissezione ascellare può comportare conseguenze come dolori articolari, riduzione della forza e linfedema, con limitazioni funzionali nell'uso del braccio. Evitarla può dare quindi benefici notevoli".

Lo studio è in fase di validazione e dovrebbe partire a novembre. Durerà 10 anni, 5 dei quali dedicati al follow-up, e coinvolgerà complessivamente 3mila donne (a Mantova una ventina all'anno), in un'ottica multidisciplinare, come per altro già accade in generale per l'attività che si svolge nell'ambito della Breast Unit di ASST Mantova. Parteciperanno infatti alla ricerca radiologi, chirurghi, oncologi, anatomopatologi, radioterapisti. Capofila in Italia dello studio è il San Raffaele.

Gli obiettivi primari: valutare la sopravvivenza libera da malattia invasiva a 5 anni, il tasso di recidiva ascellare a 3 anni, la qualitĂ  di vita e la morbilitĂ  del braccio. Saranno inclusi donne e uomini sopra i 18 anni.


Ultimi Articoli

02 Dic, 2021

San Benedetto Po, iniziate le operazioni di spostamento del primo arco del nuovo ponte

SAN BENEDETTO PO, 02 dic. - Sono iniziate poco dopo le ore 12 di…
02 Dic, 2021

Concerti della Domenica. Omaggio a Saint- Saëns con il duo pianistico Sollini-Barbatano al Bibiena domenica 5 dicembre

MANTOVA, 02 dic. - Domenica 5 dicembre il Teatro Bibiena ospita…
02 Dic, 2021

Omaggi Natalizi 2021 a Dipendenti e Collaboratori. Problematiche fiscali e contributive

In questo periodo, come di consueto, è opportuno soffermarsi…
02 Dic, 2021

AIDS, dopo 40 anni la ricerca continua a portare risultati

TORINO, 02 dic. – L'AIDS a distanza di 40 anni dalla sua…

AIUTA L'Altra Mantova

Da giorni stiamo lavorando senza sosta e tra mille difficoltĂ  per garantire un'informazione aggiornata e sempre precisa sull'emergenza covid-19.
Abbiamo bisogno del vostro sostegno. Un piccolo contributo che per noi è molto importante.
Grazie

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information