1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Martedi, 5 Marzo 4:14:pm

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Gianluca Bianchi confermato presidente di Federalbeghi Confcommercio Mantova

Mantova Vista3MANTOVA, 10 ott. - Gianluca Bianchi è stato confermato ancora una volta presidente di Federalberghi-Confcommercio Mantova, la sigla che rappresenta le strutture ricettive alberghiere e che è punto di riferimento del comparto per l'intera provincia.

Bianchi, al suo quinto mandato, lavora nel settore dell'ospitalità da oltre 40 anni ed è proprietario di numerosi alberghi in città - Hotel Mantegna Stazione (ex Abc), Antica Dimora, Hotel dei Gonzaga, Ca' Uberti Palace Hotel - e di altre strutture ricettive nel capoluogo e in provincia.

In occasione dell'assemblea elettiva, è stato rinnovato il consiglio direttivo dell'associazione (il quale ha poi confermato Bianchi) che resterà in carica per i prossimi 5 anni e che rappresenta in maniera trasversale i diversi segmenti e peculiarità del turismo virgiliano. Ne fanno parte Matteo Bianchi dell'Hotel Bianchi Stazione, Marco Dovier dell'Hotel Italia e Alessandro Schiavon dell'Hotel San Lorenzo in città, tutti e tre al loro primo ingresso nell'organo decisionale dell'associazione. Conferme invece per Mauro Serafini, direttore dell'Hotel Cristallo di Borgo Virgilio, del Dunant di Castiglione e del Broletto in città, e per Carlotta Bianchi, titolare dell'hotel a quattro stelle Antica Dimora.

"Sono onorato che i colleghi abbiano rinnovato la loro fiducia nei miei confronti – dichiara Bianchi – in questi anni abbiamo svolto un buon lavoro di squadra. Essere alla guida degli albergatori mantovani è per me un ruolo di grande responsabilità che cerco di ricoprire con il massimo impegno e dedizione. Vogliamo lavorare in sinergia per un turismo 5.0, sempre al passo con i tempi. Abbiamo una squadra che unisce esperienza, competenze e nuove energie, grazie alla presenza di imprenditori giovani".

L'assemblea è stata l'occasione per fare il punto sul settore.

Tra gli obiettivi del prossimo mandato, il contrasto sempre più forte all'abusivismo nel settore ricettivo: "Partiamo da una premessa fondamentale: il turismo deve essere considerato per ciò che è, ovvero un'industria vera e propria, che crea il 10% del Pil nazionale e una fetta importante di posti di lavoro. Da qui la necessità che al comparto venga dato il giusto riconoscimento e la giusta attenzione da parte della politica, con interventi organici di regolamentazione e riordino e, al contempo, di lotta a storture e abusivismo, per garantire il sacro principio del 'stesso mercato e stesse regole'. Sarebbe un sogno se anche in Italia venisse applicato quanto previsto a New York di recente per gli affitti brevi, ovvero soggiorni minimi, in appartamenti e affittacamere, di almeno 30 giorni. Il cosiddetto 'fenomeno Airbnb', oltre a creare concorrenza sleale quando illegale, snatura il mercato immobiliare con pesanti ripercussioni per l'intera città, soprattutto nelle località più turistiche: sempre meno appartamenti disponibili per residenti e studenti e, per quelli rimasti, vengono chiesti affitti proibitivi che costringono le persone a spostarsi in periferia. Ricordiamo che una località senza residenti, si snatura e poi muore".

Bianchi traccia anche un bilancio della stagione turistica 2023: "Questo è stato un anno positivo, siamo tornati ai livelli pre covid del 2019, anche se nel frattempo il mercato è cambiato. La tendenza del turista, a livello generale, è quella di fare short weekend, quindi soggiorni più corti ma molto più frequenti e spalmati sull'intero anno, e questo gioca a favore delle città d'arte. E' una tendenza che si registra anche nelle località balneari e in destinazioni 'tradizionali' come Roma o Firenze. Certo, oggi facciamo i conti con l'inflazione e la conseguente ridotta capacità di spesa delle persone. Rispetto al 2022, abbiamo registrato una lieve flessione delle presenze, pari a circa il -10% contro il -30% a livello nazionale: il 2022è stato un anno anomalo, di grande rinascita del turismo dopo due anni di stop dovuti al covid (le persone avevano molta voglia di viaggiare e soldi da spendere), che ha fatto registrare numeri record. Nel mantovano, grazie ad una politica lungimirante, quest'anno gli operatori hanno assorbito i rincari attuali tenendo i prezzi delle camere stabili, riducendo parte della loro marginalità. E questo ha permesso di contenere il calo di turisti".


Ultimi Articoli

05 Mar, 2024

'La vertigine dell'esistenza' a Studiottantuno la presentazione della graphic novel su Maya Deren

MANTOVA, 05 mar. - Studiottantuno Contemporary Art Projects…
05 Mar, 2024

Virus Dengue, ricerca italiana: 'Serve forte sorveglianza genomica e tracciare i casi'

ROMA, 05 mar. - La preparazione dei sistemi sanitari…
05 Mar, 2024

Lavoro, a gennaio occupati in calo (-34mila unità)

ROMA, 05 mar. - In base ai dati diffusi dall'Istat, a gennaio,…
05 Mar, 2024

Ponte Acquanegra-Calvatone: Provincia di Mantova individua esperto, 7 marzo sopralluogo

MANTOVA, 04 mar. - "Ci siamo attivati per individuare un…
04 Mar, 2024

Gonzaga: reading, cinema e speech sulla violenza di genere per la Giornata Internazionale della Donna

GONZAGA, 04 mar. - Reading, cinema, speech sulla violenza di…

CineCity Mantova

Partner

OficinaOCM2 Dedicated
IlNotturno1 Dedicated

Sport media

Calcio Mantova1911 1
Basket Sting1

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information