1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Martedi, 3 Ottobre 5:51:am

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Cartellino rosso?

GunnlaugssonSigmundur1L'Islanda é tornata in piazza e ogni volta che torna in piazza, tutti sembrano accorgersi di lei.

√Č bastata una folla radunatasi davanti al Parlamento e il premier islandese Sigmundur Dav√≠√į Gunnlaugsson si √© dimesso, prima e finora unica vittima dei Panama Papers. Non √© servito nessun rinvio a giudizio, nessuna condanna in primo grado o definitiva. A prima vista, un grande esempio di trasparenza e moralit√°. Ma solo a prima vista.

Sigmundur si é dimesso per qualcosa che in Italia sarebbe stato facilmente nascosto sotto il tappeto, é vero. Un profondo conflitto di interesse fra pubblico e privato, visto che dopo la crisi finanziaria del 2008 che portó il paese alla bancarotto, la societá off-shore all di proprietá della famiglia era profondamente esposta nei confronti del sistema bancario islandese appena collassato. E poco importa se poco dopo ha ceduto tutte le sue quote alla moglie per la cifra simbolica di un dollaro. Per la legge islandese avrebbe dovuto dichiarare questa proprietá all'estero non appena eletto in Parlamento.

Si √© dimesso perch√© il suo partito glielo ha imposto, per salvare le apparenze pi√ļ che per ragioni di sostanza. Sigmundur rimane infatti deputato, segretario di partito e gi√° girano su internet fotomontaggi e vignette che lo ritraggono come il burattinaio dietro le quinte.

Nel frattempo, il governo non é caduto, ma ci si é limitati a un rimpasto all'italiana. Il ministro di pesca e agricoltura, nonché delfino del Premier, é stato promosso premier. Una esponente dello stesso partito é stato catapultata nel posto lasciato vacante dal nuovo primo ministro.

Elezioni anticipate? All'inizio si √© parlato di sei mesi (c'√© da fidarsi? Sono le stessa facce che promisero un referendum sull'adesione alla UE in campagna elettorale, salvo rimangiarsi la parola il giorno dopo le elezioni). Ufficialmente, per permettere al Parlamento di chiudere pratiche pendenti su questioni di estrema importanza. Pi√ļ realisticamente, per guadagnare tempo e attendere che lo scandalo si sgonfi. E sulla durata stessa del governo, nessuno si sbilancia.

Per questo la protesta continua, ogni giorno davanti al Parlamento. Pur se con un'adesione molto, molto ridotta rispetto a quella del primo giorno. √Č una protesta a tratti chiassosa, ma pacifica. Sui muri del centro appare ogni giorno un manifesto nuovo, contro il governo. Un negozio di t-shirt del centro ha fiutato l'affare e ha in vetrina magliette con la faccia dell'ex-premier condita da commenti ironici. All'ingresso della piazza, vengono distribuiti cartellini rossi, invitando a essere tutti come arbitri sul campo dal calcio. E come allo stadio ci sono tamburi e qualche coro, ma c'e anche spazio per le famiglie con i bimbi in braccio o nella carrozzina. L'impressione di un'isola a misura d'uomo rimane. Ma dove, come in tutto il resto d'Europa, la distanza fra elite e gente normale aumenta ogni giorno di pi√ļ. Come quella fra la politica e il resto del paese.

(g.f.)


Ultimi Articoli

03 Ott, 2023

Dengue, con il caldo casi in aumento fino a novembre

ROMA, 03 ott. - Da agosto continuano ad aumentare i casi di…
03 Ott, 2023

Mantova-Prop Patria al Martelli per la Coppa Italia: ecco le modifiche alla viabilità

MANTOVA, 03 ott. - Marted√¨ 3 ottobre alle 18.30 si svolger√† allo…
03 Ott, 2023

Meteo, permane l'altra pressione con nuovi picchi di caldo anomali

ROMA, 03 ott. - Permante in Italia una siituazione anomala a…
02 Ott, 2023

I Carmina Burana inaugurano la nuova stagione al Teatro Sociale di Mantova

MANTOVA, 02 ott. - Per il Teatro Sociale di Mantova √® il momento…

OCM Tempo d'Orchestra

Partner

OficinaOCM2 Dedicated
IlNotturno1 Dedicated

Sport media

Calcio Mantova1911 1
Basket Sting1

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information