1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Venerdi, 1 Marzo 11:51:am

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

'Lo sguardo di Rubens su Palazzo Te', convegno internazionale di studi a cura di Raffaella Morselli. Webinar, martedì 30 maggio dalle 10.30 alle 16.00

Mantova PalazzoTe WebinarRubens-LocandinaMANTOVA, 25 mag. - La programmazione culturale di Fondazione Palazzo Te si basa da sempre sulla ricerca scientifica e la restituzione pubblica, e anche quest'anno, nell'ambito della stagione espositiva 2023 "Mantova. L'Europa delle cittĂ ", presenta due importanti occasioni di approfondimento.

Martedì 30 maggio "Lo sguardo di Rubens su Palazzo Te", un primo webinar tenuto dalla curatrice Raffaella Morselli con gli interventi di numerosi studiosi che anticipa i contenuti della mostra autunnale dedicata a Rubens; dal 6 giugno al 4 luglio "Per un'Europa della cultura", un ciclo di 5 conferenze online a cura di Stefano Baia Curioni e Cristina Loglio che vede la partecipazione di ospiti internazionali, importanti studiosi e politici sul tema Europa, patria di una pratica culturale e artistica capace di custodire il valore della libertà.

Il ciclo "Per un'Europa della cultura" apre la quinta edizione della Scuola di Palazzo Te, anche quest'anno articolata nei moduli Fare Arte, Studiare Arte e Pensare Arte, con il coinvolgimento degli studiosi Guido Rebecchini, Stefania Gerevini, e del coreografo Virgilio Sieni.

"Lo sguardo di Rubens su Palazzo Te. Costruendo l'Europa della pittura" è il convegno storico e storico artistico su Rubens e la formazione di una pittura Europea che si terrĂ  in forma di webinar martedì 30 maggio 2023 dalle ore 10.30 alle 16.00, organizzato da Raffaella Morselli, curatrice della mostra prodotta da Fondazione Palazzo Te, Il convegno è online in inglese e italiano. La partecipazione è gratuita con iscrizione obbligatoria al link: https://bit.ly/3MqUmp7 

Mantova PalazzoTe26 EsedraProdotto e realizzato da Fondazione Palazzo Te con il contributo della Direzione generale Educazione, Ricerca e istituti Culturali del MiC. "La mostra Rubens a Palazzo Te. Trasformazione, pittura e libertĂ , che si terrĂ  a partire dal mese di ottobre, è dedicata al gesto di libertĂ  creatore con cui il pittore fiammingo rielabora la pittura italiana inventando nuovi mondi a partire da racconti antichi - sottolinea Stefano Baia Curioni, direttore Fondazione Palazzo Te. Le ricerche che hanno dato sostanza e ispirazione alla mostra saranno presentate nel convegno Lo sguardo di Rubens su Palazzo Te. Costruendo l'Europa della pittura curato da Raffaella Morselli."

 

Peter Paul Rubens fin da giovanissimo fu educato alla cultura classica e italiana: il padre Jan, scabino di Anversa ed esiliato in Germania per le simpatie calviniste, si laureò a Padova, dunque conosceva il latino e l'italiano. Insieme al fratello Philip, Rubens aveva frequentato, ancora bambino, la Scuola Latina del Capitolo della cattedrale di Nostra Signora. Anche grazie agli studi antiquariali di Philip, Peter Paul ebbe interessi legati all'archeologia, attività che in Italia si andava formando già all'inizio del XVI secolo con il ritrovamento dei pezzi più celebri della statuaria antica.

D'altro canto, però, Rubens si era formato, giovanissimo, su fonti iconografiche nordiche (in particolare Hans Holbein e Hendrick Goltzius), come testimonia Joachim von Sandrart, che raccolse i ricordi del grande maestro durante un viaggio su una chiatta tra Utrecht e Amsterdam.

Questa fusione di due culture diverse, quella italiana e quella nordica, e un atteggiamento più distaccato e intellettuale nei confronti dei dettami della Controriforma (Rubens ebbe una tardiva formazione cattolica, successiva alla morte del padre, convertito al Calvinismo), fu la principale motivazione di quella pittura universale (così definita da Giovanni Pietro Bellori) che rese Rubens una celebrità in Italia, in Inghilterra, nelle Fiandre, in Spagna, ma anche nelle regioni olandesi protestanti. Rubens, dunque, fu a tutti gli effetti l'uomo che inventò un nuovo linguaggio figurativo europeo, oltre i confini religiosi, geografici e politici.

Senza dubbio, gli anni italiani furono fondamentali per la creazione di questo immaginifico vocabolario che mescola antico e rinascimento, suggestioni mitologiche e fondamenti religiosi. Sotto tale punto di vista, per il giovane fiammingo una palestra ideale fu Palazzo Te a Mantova, decorato da Giulio Romano attraverso una vera e propria enciclopedia di citazioni letterarie e anatomiche. Proprio le sale di Palazzo Te sono l'ambientazione ideale per la mostra Rubens a Palazzo Te. Pittura, trasformazione e libertà (7 ottobre 2023 – 7 gennaio 2024), attraverso un percorso che sottolinea la corrispondenza tra ciò che il maestro fiammingo imparò in Italia e ciò che trasmise ai suoi allievi.

Partendo dall'esposizione, dunque, l'intendimento del convegno è riflettere sul carattere universale della cultura di Rubens: in un momento storico e sociale difficile ma fondamentale per la creazione dell'Europa, spaccata in due dai conflitti religiosi e dalle rotte commerciali verso il Nuovo Mondo, l'universale linguaggio del pittore fiammingo, unito alla sua attività di diplomatico e ambasciatore, fu testimonianza di una nuova, anticonvenzionale interpretazione del mito, della storia e della religione.

PROGRAMMA

Ore 10.30 INTRODUZIONE

STEFANO BAIA CURIONI, Fondazione Palazzo Te

Ore 10.40 PROGETTO RUBENS!

FRANCESCA CAPPELLETTI e LUCIA SIMONATO, Galleria Borghese di Roma

Il tocco di Pigmalione. Rubens e la scultura a Roma

STEFANO L'OCCASO, Museo di Palazzo Ducale di Mantova

Rubens a Mantova dentro e fuori Palazzo Ducale

RAFFAELLA MORSELLI, UniversitĂ  di Teramo

Rubens a Palazzo Te. Pittura, trasformazione e libertĂ 

Chair: Raffaella Morselli

Ore 11.00

ALBERTO BIANCO, Archivio Congregazione Oratorio di Roma

Il Rubens di Grenoble: un capolavoro dall'iconografia sbagliata

Ore 11.20

CECILIA PAOLINI, UniversitĂ  di Teramo

Travolti dal mito. La magniloquenza in Rubens attraverso l'interpretazione del classico di Giulio Romano

Ore 12.00 DISCUSSIONE

PAUSA

Chair: Sabine van Sprang – Academia Belgica di Roma

Ore 14.00

ANA DIÉGUEZ-RODRÍGUEZ, Istituto Moll di Madrid

Rubens before he becomes Rubens. His Knowledge of Italy and the classical sources through his training with Otto van Veen

Ore 14.20

GIACOMO MONTANARI, UniversitĂ  di Genova

VirtĂą e vizi tra storia e mito. Pietro Paolo Rubens a Genova tra memorie antiquarie, collezionismo librario e filosofia contemporanea.

Ore 14.40

LUCA SIRACUSANO, UniversitĂ  di Teramo

"Il les trasformoit ainsi dans son propre goût". Rubens e i disegni della Sala degli Stucchi

Ore 15.00

MASSIMO MORETTI, La Sapienza UniversitĂ  di Roma

Ut pictura philosophia. Rubens e Lipsio per un immaginario neostoico

Ore 15.20

LEEN KELCHTERMANS, Phoebus Foundation di Anversa

Ore 15.40 DISCUSSIONE


Ultimi Articoli

01 Mar, 2024

Preziosi abiti storici a Palazzo della Ragione con la mostra 'Festa a Corte'. Da sabato 9 marzo al 9 giugno

MANTOVA, 1 mar. – Pezzi unici di pregiata fattura, mirabili…
01 Mar, 2024

'La Lombardia SiCura', al via raccolta firme per chiedere diritto alla salute per tutti e piĂą sanitĂ  pubblica

MANTOVA, 01 mar. - Presentata ieri mattina nella sede della Cgil…
01 Mar, 2024

Virus Dengue, in Brasile è emergenza con quasi 1 milione di casi nel 2024

SAN PAOLO, 1 mar. - E' sempre piĂą emergenza Dengue in Brasile.…
01 Mar, 2024

Gaza, dall'inizio della guerra oltre 30mila morti (70% donne e bambini)

TEL AVIV, 1 mar. - Secondo il ministero della sanitĂ  palestinese…
29 Feb, 2024

Al Campiani la presentazione del libro di Aragona su Ravel

MANTOVA, 29 feb. - Lunedì 4 marzo, presso la biblioteca "Luigi…

CineCity Mantova

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information