1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Lunedi, 10 Maggio 1:00:am

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Quirico: 'Il giornalismo ha fallito, di immigrazione parlino i migranti'. Akbari: 'Afghanistan ingannato da parole come libertĂ  e democrazia'

Mantova Festivaletteratura Quirico-AkbariMANTOVA, 13 set. - "Sono nove anni che scrivo e parlo di immigrazione e in questi nove anni cos'è cambiato? Nulla. Ne deduco che siano stati nove anni totalmente inutili perchÊ gran parte del mondo è ancora sordo. Ci troviamo ancora con gli stessi problemi".

E' un j'accuse in piena regola quello che il giornalista, esperto di immigrazione e medio oriente, Domenico Quirico - sabato sul palco di piazza Castello insieme a Enaiatollah Akbari e Fabio Geda -, fa nei confronti della categoria a cui appartiene.

Quirico, che nel 2011 si infiltrò su un barcone di migranti per raccontarne il viaggio, punta il dito contro il giornalismo che ha fallito perchÊ "non siamo riusciti, evidentemente, a raccontare i migranti" che "ce l'hanno fatta da soli. Per cui, l'unica cosa che ci rimane da fare è ascoltare i migranti perchÊ solo loro hanno il diritto di parlare di immigrazione. Gli altri devono tacere, non hanno nulla da dire".

E autorizzato a parlare di migrazioni è lo scrittore afgano Akbari che nel 2001, quand'era ancora un bambino, intraprese un lungo viaggio per fuggire dal suo paese, l'Afghanistan per arrivare in Italia dopo aver attraversato Pakistan, Iran e Turchia affrontando numerose difficoltà e lasciando la propria famiglia nel paese d'origine. Akbari, con Geda, ha raccontato la sua storia nel libro "Nel mare ci sono i coccodrilli".

"Nel mio paese - spiega - la situazione è molto complessa e nonostante in questi anni siano arrivati molti aiuti economici, questi non vanno a finire dove dovrebbero. Il sistema politico afgano è corrotto a tutti i livelli. Per questo la gente continua ad andarsene, perchÊ qualcosa non funziona nel sistema".

La promessa di democrazia e libertà, arrivata insieme alle bombe dopo gli attentati alle Torri Genelle nel 2001, "si è rivelata un grande inganno - spiega Quirico - perchÊ è stato fatto credere che il mondo occidentale avrebbe portato la modernità ma in realtà gli afghani sono stati abbandonati al loro destino quando ci si è accorti che l'operazione costava troppo".

E Akbari condivide questi concetti sottolineando come "democrazia e libertĂ  sono belle parole utilizzate per ingannare il popolo afghano. Che continua ad aspettare che questi concetti trovino applicazione. Gli afghani continuano a sperare che qualcosa cambio e io con loro".

Ma non è solo colpa dell'inganno occidentale se l'Aghanistan non esce dal pantano di corruzione e inertezza politica in cui è invischiato: "noi afghani siamo bravi a distruggere, ma facciamo fatica a costruire qualcosa. La condizione di guerra continua in cui viviamo ci ha reso orfani di cultura, ma io spero che un giorno parta proprio dalla scuola un pecorso d rinascita e crescita per il mio paese".

 (e.s.)

------------------------ 

Scaricate, consultate e stampate gratuitamente Speciale Festivaletteratura firmato L'Altra Mantova. La versione cartacea sarĂ  reperibile nei principali punti di interesse del Festivaletteratura.

 


Ultime dal Festival

14 Set, 2020

La burocrazia è un iperoggetto che vagheggia su di noi. La storia dell’apparato pubblico raccontata da De Masi

MANTOVA, 14 set. – I giudizi sulla burocrazia italiana sono, da…
14 Set, 2020

Sparwasser e il gol che scosse l'Ovest

MANTOVA, 14 set. - Mondiale di calcio del 1974, Germania…
13 Set, 2020

Le ragioni storiche e culturali dell'antifascismo spiegate da Carlo Greppi

MANTOVA, 13 set. - È il docente mantovano ed esperto di cultura…
13 Set, 2020

Di migranti e terre promesse, Riva e Agus ne parlano al Festival

MANTOVA, 13 set. - Scrittori a confronto: Gigi Riva e Milena…
13 Set, 2020

Patrizio Roversi con Boscardin e Raffaelli: 'Il cibo è una ricchezza, storica, culturale ed etica'

MANTOVA, 13 set. - Coratella, trippa, lingua, lampredotto:…

AIUTA L'Altra Mantova

Da giorni stiamo lavorando senza sosta e tra mille difficoltĂ  per garantire un'informazione aggiornata e sempre precisa sull'emergenza covid-19.
Abbiamo bisogno del vostro sostegno. Un piccolo contributo che per noi è molto importante.
Grazie

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information