1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Martedi, 22 Settembre 6:44:pm

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

'La Corneliani non si tocca': la piazza si fa 'rossa' in difesa del lavoro. Palazzi : 'la cittĂ  non va presa in giro'

Mantova Corneliani Manifestazione-26Giugno2MANTOVA, 26 feb. - "Voglio il mio lavoro alla Corneliani". Lo striscione su cui sono state scritte queste parole è appeso ai cancelli della Corneliani dal novembre scorso, il mese in cui il piano di rilancio dell'azienda si tradusse, in sintesi, in 130 esuberi.

Non si sa chi l'abbia scritto e il tempo, le intemperie l'hanno segnato e ieri anche lui, lo striscione, era in piazza Sordello insieme a centinaia di manifestanti che si sono riuniti, a distanza di sicurezza e con le mascherine, per dire no all'affossamento dell'azienda di moda e alla conseguente perdita dei posti di lavoro.

A citarlo, lo striscione simbolo di una lotta iniziata prima del Natale scorso e oggi viva più che mai, il segretario di Filctem Cgil Mantova Michele Orezzi: "La Corneliani - ha detto Orezzi - non è stata ammazzata dal Covid, ma da azionisti irresponsabili e manager incompetenti che hanno giocato a risiko sulla pelle degli operai. Dobbiamo essere chiari e dire a quei manager e a quegli azionisti che se ora vogliono andarsene, prima devono mettere i soldi, come avevano promesso".

Orezzi ha ribadito le richieste, ormai note, che le sigle sindacali unite stano portando avanti: "ricapitalizzazione - ha detto dal palco il segretario Filctem - e immediato ritiro del concordato in bianco. Il lavoro c'è, ci sono collezioni da finire e la fabbrica potrebbe ripartire domani". Altro punto fermo della mobilitazione è il presidio tuttora attivo davanti ai cancelli dell'azienda, presidio che "rimane - ha detto Orezzi - perché da lì non ci muoveremo fino a quando la fabbrica non ripartirà". Una parola anche alla politica e ai politici: "Abbiamo bisogno di tutti - ha proseguito Orezzi che al termine del suo discorso ha avuto anche un breve dialogo con l'onorevole della Lega Andrea Dara, in piazza con il candidato sindaco del centrodestra Stefano Rossi - ma non siamo diponibili a offire vetrine. Chi vuole e può faccia qualcosa per la Corneliani e i suoi operai".

Prima del segretario Ficltem, sul palco sono saliti il presidente della Provincia, Beniamino Morselli, alcuni operai Rsu dell'azienda e il sindaco Mattia Palazzi. "Ho parlato con il Fondo proprietario della Corneliani - ha detto il sindaco - e ho chiesto loro di mettere 5 milioni di euro nell'azienda per dare cotinuità. La situazione è molto complicata, ma gli impegni presi vanno mantenuti, la città non va presa in giro. E dico la città perché la Corneliani è Mantova". Palazzi ha anche ricordato il cruciale appuntamento con il Mise del 15 luglio e ha detto di aver chiesto di "anticiparlo e, soprattutto, ho chiesto che al tavolo ci sia anche la proprietà, altrimenti risovliamo poco".

Mantova Corneliani Manifestazione-26Giugno1Anche il segretario generale di Cgil Mantova, Daniele Soffiati, che ha parlato anche per Cisl e Uil presenti in piazza, ha ribadito che "Mantova è già stata duramente colpita dalla crisi e non può permettersi di perdere altri posti di lavoro. La città e la provincia hanno già pagato un dazio molto pesante",

Il segretario provinciale di Uil, Paolo Soncini, non ha parlato dal palco ma ha ricordato: "Siamo in piazza per fare quadrato intorno alle lavoratrici e ai lavoratori Corneliani. Sono loro che ogni giorno con dignità portano avanti la produzione e le loro vite non possono essere sacrificate per interessi di profitto di manager, fondi e proprietà. Alla politica non chiediamo polemiche strumentali o attacchi al sindacato, ma una attenzione all'economia, la cui azione non può essere affidata al caso".

Emanuele Bellintani dell'associazione eQual, ha detto "esserci e far sentire alle lavoratrici e ai lavoratori che non sono soli è importante: la Corneliani sono loro, non i giochi di potere tra azionisti e manager vari. Le vite di chi sta lottando valgono più dei profitti di pochi".

Presente in piazza anche Marco Rossi di Potere al Popolo che dice: "Di fronte a questa crisi è necessario che lo Stato in tutte le sue articolazioni abbia il coraggio di intervenire concretamente: se gli azionisti e i manager sono incapaci o non hanno la volontà di mantenere la produzione, deve essere lo Stato ad intervenire con capitali e un piano industriale all'altezza con il controllo condiviso dai lavoratori."

(e.s.)

Powered by Bullraider.com


Ultimi Articoli

22 Set, 2020

Viadana, ballottaggio Cavatorta (43,15%) - Zaffanella (23,9%)

VIADANA, 22 set. - SarĂ  necessario il ballottaggio per eleggere…
22 Set, 2020

Ministro Gualtieri: 'La previsione sul calo del Pil sarĂ  a una cifra'

ROMA, 22 set. – Il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri ha…
22 Set, 2020

Curtatone, ruba un rasoio in un supermercato e poi, pentito, lo rimette al suo posto

CURTATONE, 22 set. - Lo scorso sabato pomeriggio il personale di…
22 Set, 2020

Satira: Vita su Venere

AIUTA L'Altra Mantova

Da giorni stiamo lavorando senza sosta e tra mille difficoltĂ  per garantire un'informazione aggiornata e sempre precisa sull'emergenza covid-19.
Abbiamo bisogno del vostro sostegno. Un piccolo contributo che per noi è molto importante.
Grazie

CineCity Mantova

Partner

OficinaOcm1 Dedicated
IlNotturno1 Dedicated

Sport media

CalcioA5 Mantova1
Calcio Mantova1911 1
Basket Sting1

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information