1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Lunedi, 1 Marzo 2:30:pm

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

SocietĂ  della Musica, sabato tocca alla Camerata RCO

CamerataRCO1MANTOVA, 08 mag. - Sabato 11 maggio alle ore 20.45, presso l'Auditorium Monteverdi di via Conciliazione, avrĂ  luogo per SocietĂ  della Musica l'attesissimo concerto della Camerata RCO, ensemble strumentale composto dai musicisti della Royal Concertgebouw Orchestra di Amsterdam, tra le piĂą prestigiose compagini orchestrali a livello mondiale.

A Mantova si esibirà il sestetto d'archi formato da Marc Daniel van Biemen, Annabeth Webb (violino), Santa Vizine, Vilem Kijonka (viola), Maartje-Maria den Herder e Clément Peigne (violoncello), i quali attraverso i loro strumenti dialogheranno su musiche di P.I. Tschaikovsky - con il celeberrimo Souvenir de Florence – a A. Dvorak (Sestetto per archi op. 48).

Il 20 novembre 1878 Tschaikovsky giunse per la prima volta a Firenze, dove in seguito tornò spesso: qui nacquero o furono ideati alcuni suoi capolavori e alla città egli dedicò un sestetto per archi che intitolò Souvenir de Florence. Tschaikovsky doveva riconoscersi "italiano" nell'uso della melodia ed il Souvenir ne è la riprova, per quanto la melodia sia tipicamente russa già dal primo movimento, il cui tema iniziale è di stampo folkloristico. Nell'Adagio cantabile dominano il primo violino e il primo violoncello, che si abbandonano ad un vero e proprio duetto, accompagnato dai pizzicati degli altri strumenti e ripreso dopo una breve e nervosa sezione centrale. L'Allegretto sfrutta il registro grave della viola e contiene un trio che ricorda da vicino le danze esotiche dello Schiaccianoci. Di nuovo un tema russo apre l'ultimo tempo, ricco di sorprendenti episodi. Ma il sapore "italiano" di quest'opera risiede al di là di tutto nel fatto che il souvenir è il ricordo dei giorni felici, ricchi di fermenti creativi, che Čiaikovskij aveva passato proprio a Firenze.

Il 1878 fu anche l'anno di composizione del Sestetto op. 48 di Antonin Dvorak, ricco di reminiscenze della musica boema, specialmente nel secondo movimento, una Dumka (elegia), articolata in varie sezioni: una malinconica polka cui segue uno struggente episodio di sapore zigano e poi una ninna-nanna, che sfocia nuovamente nella polka iniziale, sebbene il movimento sia concluso da una mesta coda. Il terzo movimento, un vivacissimo scherzo, porta anch'esso il titolo di una danza popolare ceca (Furiant).

INGRESSO POSTO UNICO EURO 10,00

GIOVANI UNDER 25 EURO 2,00

PRENOTAZIONE CONSIGLIATA TEL. 0376/355566 (da lunedì a sabato – dalle 10 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18)


Ultimi Articoli

01 Mar, 2021

Rocco Casalino: 'Per 2 milioni lavorerei per Berlusconi, mai con Renzi'

ROMA, 01 feb. – Rocco Casalino, ex portavoce di Giuseppe Conte,…
01 Mar, 2021

Golden Globe, 'Nomaland' Miglior film. Pausini vincitrice per la miglior canzone

LOS ANGELES, 01 mar. - 'Nomadland' di Chloe Zhao ha vinto il…
01 Mar, 2021

Satira: Renzi a pezzi

01 Mar, 2021

Basket A2, passo indietro per la Staff che perde a Bergamo. Non bastano i 26 punti di Cortese

BERGAMO, 01 mar. - Passo indietro della Staff Mantova che dopo…
01 Mar, 2021

Alle Grazie la 70ÂŞ Giornata del Ringraziamento di Coldiretti Mantova

GRAZIE (CURTATONE), 01 mar. - Coldiretti Mantova ha celebrato…

AIUTA L'Altra Mantova

Da giorni stiamo lavorando senza sosta e tra mille difficoltĂ  per garantire un'informazione aggiornata e sempre precisa sull'emergenza covid-19.
Abbiamo bisogno del vostro sostegno. Un piccolo contributo che per noi è molto importante.
Grazie

CineCity Mantova

Partner

OficinaOCM2 Dedicated
IlNotturno1 Dedicated

Sport media

Calcio Mantova1911 1
Basket Sting1

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information