1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Mercoledi, 20 Gennaio 2:03:am

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Scuola, Azzolina: 'Decideranno le regioni quando riaprire. Chiederò ristori formativi per gli studenti'

Italia Coronavirus ScuolaMedia1ROMA, 13 gen. – "Decideranno le regioni quando riaprire le scuole visto che hanno il potere di farlo, lo hanno dimostrato in questo ultimo periodo. Noi come governo abbiamo posto in essere tutto ciò che poteva permettere la riapertura delle scuole" ha dichiarato la ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina ieri a Unomattina, su Rai1.

"Abbiamo lavorato il mese di dicembre insieme ai prefetti città per città", ha ricordato la ministra. "Ci sono piani per l'ingresso nelle scuole con orari scaglionati, con più mezzi anche di trasporto, abbiamo anche questa estate lavorato su mascherine, igienizzanti, distanziamento, banchi, più insegnanti, più personale ATA, Sono tutte azioni concrete e reali per riportare i nostri studenti a scuola".

"Quando i presidenti di regione decideranno che i nostri studenti potranno tornare a scuola potranno farlo perché è stato predisposto tutto affinché questo accadesse" ha detto ancora Azzolina, "non a caso la Toscana, l'Abruzzo, la Val d'Aosta e il Trentino hanno riportato gli studenti delle scuole superiori in classe".

La ministra ha detto anche che chiederà i "ristori formativi" per consentire agli studenti di recuperare dopo mesi di didattica a distanza causa Covid, escludendo l'attivazione di corsi di recupero la prossima estate: "Io non penso che si possa pensare di recuperare d'estate, bisogna recuperare oggi, nel senso che uno degli errori più grandi che si fa è quello di dire che è più facile chiudere la scuola perché la scuola non ha bisogno di ristori".

"Se io chiudo un negozio, il negozio a fine serata sa bene quanto ha perso, e questo è valutabile immediatamente, è computabile, con le scuole no. Allora – ha dichiarato Azzolina – sarò io adesso a chiedere i ristori, i ristori formativi, perché io ho bisogno immediatamente dei corsi di recupero per gli studenti che sono rimasti più indietro, e non sono solo quelli della scuola superiore".

"Io ho anche bambini della scuola primaria che sono sì adesso a scuola ma ci sono dei territori dove sono andati un po' meno. E' vero che il 7 gennaio sono tornati in 5 milioni i bimbi della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado. Però io so bene che vengono anche da tre mesi di didattica a distanza dell'anno scolastico precedente e devo poterli recuperare adesso".

(askanews)


Ultimi Articoli

20 Gen, 2021

Conte dopo fiducia al Senato: 'Ora rendere più solida questa maggioranza. Subito al lavoro'

ROMA, 20 gen. - "Il Governo ottiene la fiducia anche al Senato.…
20 Gen, 2021

Imprese mantovane, prosegue l'emorragia: -1,3% nel 2020. A livello regionale è mantovano il valore più basso

MANTOVA, 20 gen. - Sono numeri a dir poco preoccupanti quelli…
20 Gen, 2021

Ricerca, in Italia creato primo modello 3D di microbiota intestinale umano

PISA, 20 gen. – Un team di ricercatori italiani ha creato per la…
19 Gen, 2021

Crisi di Governo, Conte incassa la maggioranza anche al Senato con 156 si

ROMA, 19 gen. - Dopo la fiducia "larga" incassata alla Camera,…

AIUTA L'Altra Mantova

Da giorni stiamo lavorando senza sosta e tra mille difficoltà per garantire un'informazione aggiornata e sempre precisa sull'emergenza covid-19.
Abbiamo bisogno del vostro sostegno. Un piccolo contributo che per noi è molto importante.
Grazie

Partner

OficinaOCM2 Dedicated
IlNotturno1 Dedicated

Sport media

CalcioA5 Mantova1
Calcio Mantova1911 1
Basket Sting1

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information