1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Venerdi, 28 Gennaio 10:23:am

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

AIDS, dopo 40 anni la ricerca continua a portare risultati

AIDS1TORINO, 02 dic. – L'AIDS a distanza di 40 anni dalla sua comparsa, è ancora una malattia colpisce molte persone nel mondo, anche se mediaticamente appare essere stata silenziata.

Nel corso del tempo però sono anche stati fatti enormi passi avanti nella ricerca di terapie, che oggi portano risultati molto significativi. Se ne è parlato in occasione del XX Congresso SIMIT a Milano.

"Oggi nelle migliori condizioni di esercizio terapeutico le aspettative di vita di un soggetto affetto da HIV si approssima a quella della popolazione generale. Quindi questo è al momento il miglior obiettivo raggiungibile, ma non lo raggiungono tutti. Ci sono variabili legate al momento dell'infezione quando viene iniziata la terapia, legate all'aderenza, quindi a fattori comportamentali dell'individuo, ma anche alle caratteristiche dei farmaci che oggi impieghiamo" ha detto il virologo Giovanni Di Perri direttore Malattie infettive all'ospedale Amedeo di Savoia di Torino.

In particolare sul tema della ricerca sul virus HIV si muove fin dagli anni Ottanta anche Gilead, casa farmaceutica che ha lanciato per prima i farmaci a singola assunzione e lavora allo sviluppo di nuovi trattamenti long acting, che hanno l'obiettivo di trovare una cura per la malattia attraverso approcci innovativi.

"C'è stata un'evoluzione molto interessante – ha aggiunto il professor Di Perri – sia scientificamente sia per le ricadute cliniche che ha dato, quella della farmacopea retrovirale. Oggi abbiamo una pretesa di cura e di mantenimento del risultato che si fonda su un'attività antivirale intrinseca estremamente potente dei farmaci, su una loro tollerabilità che ha raggiunto valori che solo dieci anni fa sarebbero sembrati un sogno; abbiamo una affidabilità e una facilità di assunzione: questa storia iniziò con tre prese giornaliere di diverse pillole, oggi siamo alla singola pillola che contiene tre molecole".

Una situazione che semplifica e, in un certo senso anche demitizza un contesto terapeutico che aveva preso il via, come dice lo stesso professore, "con una certa drammaticitĂ " e che ha aperto scenari diversi sui quali la scienza e la ricerca continuano a lavorare.

(askanews)


AIUTA L'Altra Mantova

Da giorni stiamo lavorando senza sosta e tra mille difficoltĂ  per garantire un'informazione aggiornata e sempre precisa sull'emergenza covid-19.
Abbiamo bisogno del vostro sostegno. Un piccolo contributo che per noi è molto importante.
Grazie

Partner

OficinaOCM2 Dedicated
IlNotturno1 Dedicated

Sport media

Calcio Mantova1911 1
Basket Sting1

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information