1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Domeinca, 9 Maggio 12:44:am

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Ricerca, scoperta proteina che determina disturbi neurologici legati all'etĂ 

CorpoUmano Cervello2ROMA, 03 mag. – Un gruppo di neuroscienziati della University of Pittsburgh Schools of the Health Sciences – legata all'Italia attraverso UPMC, gruppo sanitario affiliato all'ateneo statunitense – ha individuato la proteina (un trasportatore di glutammato sulla membrana delle vescicole che trasportano la dopamina nei neuroni) che determina la vulnerabilità del cervello alla perdita di neuroni legata all'invecchiamento, che risulta diversa tra uomo e donna.

I ricercatori hanno potuto osservare che la proteina, chiamata VGLUT, risulta piĂą abbondante nei neuroni di dopamina di moscerini della frutta, roditori ed esseri umani di sesso femminile rispetto ai maschi, e hanno potuto collegare questa scoperta alla maggiore resilienza delle donne alla perdita di neuroni legati all'invecchiamento, e all'insorgere di problemi motori.

Utilizzando una combinazione di tecniche biochimiche e genetiche, così come studi comportamentali in cui la locomozione delle mosche è stata monitorata per un periodo di 24 ore, gli scienziati hanno potuto dimostrare che riducendo geneticamente i livelli di VGLUT nelle mosche femmine, diminuisce anche la loro resistenza alla neuro-degenerazione associata all'invecchiamento. "Dalle mosche ai roditori agli esseri umani, abbiamo scoperto che i livelli di VGLUT distinguono i maschi dalle femmine durante l'invecchiamento sano", spiega Zachary Freyberg, M.D., Ph.D., professore assistente di psichiatria e biologia cellulare della University of Pittsburgh, "il fatto che questo marcatore di sopravvivenza dei neuroni della dopamina è conservato in tutto il regno animale, ci suggerisce che siamo davanti a un fenomeno fondamentale della biologia. Capire come funziona questo meccanismo può aiutarci a prolungare la resilienza dei neuroni della dopamina, e a ritardare l'invecchiamento".

I disturbi neurodegenerativi come il morbo di Parkinson hanno maggiori probabilità di svilupparsi con l'età. Il morbo di Parkinson – una lenta ma inesorabile perdita di neuroni di dopamina nel cervello che compromette la capacità di muoversi o parlare – è noto per colpire prevalentemente gli uomini. Ma mentre le differenze biologiche di genere, che derivano da una combinazione di influenze ormonali, genetiche e ambientali, sembrano spiegare perché le donne sono protette dalle prime fasi del Parkinson, il driver e regolatore di queste protezioni era, fino ad ora, sconosciuto.

"Abbiamo scoperto i livelli di VGLUT sono più alti negli organismi femminili che in quelli maschili, che aumentano con l'avanzare dell'età, e che è proprio questa proteina a "proteggere" dall'insorgere di disturbi neurodegenerativi", aggiunge Silas Buck, candidato al dottorato al Pitt Center for Neuroscience, "tutto questo, ci suggerisce che la proteina può avere un ruolo nel regolare le differenze di sesso nella vulnerabilità alla neuro-degenerazione nel Parkinson, e in altri disturbi neurologici per cui l'incidenza risulta minore nelle donne".

Poiché i tassi del morbo di Parkinson sono in rapido aumento – si prevede che il numero di persone colpite dalla malattia in tutto il mondo raggiunga i 20 milioni entro il 2040 – gli scienziati della University of Pittsburgh sperano di sondare ulteriormente il ruolo di VGLUT nella neuro protezione negli esseri umani. "Il Parkinson sta assumendo volumi epidemici, dobbiamo capire come rendere i nostri neuroni più resistenti", conclude Freyberg, "questa proteina è la chiave non solo per capire la biologia fondamentale al centro della sopravvivenza dei neuroni della dopamina, ma anche per sviluppare nuove terapie".

(askanews)


Ultimi Articoli

09 Mag, 2021

Ambiente, la Cina emette piĂą gas serra del totale degli altri Paesi sviluppati

NEW YORK, 09 mag. – Secondo uno studio del think-tank americano…
09 Mag, 2021

Pandemia, India al collasso. In Germania ancora molti contagi

NUOVA DELHI, 09 mag. - Non si arresta l'ondata di contagi da…
08 Mag, 2021

Covid, in Lombardia 1584 casi e 43 decessi. In provincia di Mantova altri 99 contagi: 10 a Suzzara

MANTOVA, 08 mag. - Sono 1584 (ieri 1759) i nuovi casi di covid…
08 Mag, 2021

Coronavirus, oggi in Italia 10.176 contagi e 224 decessi. Draghi: 'Riaprire ma in sicurezza'

ROMA, 05mag. - Sui 338.436 tamponi effettuati nelle ultime 24…
08 Mag, 2021

Suzzara, durante i controlli anti covid i Carabinieri trovano cocaina e hashish

SUZZARA, 08 mag. - Nella serata di venerdì scorso, 7 maggio, i…
08 Mag, 2021

'From the desk of Donald', Trump ha lanciato la sua piattaforma social

NEW YORK, 08 mag. – L'ex presidente degli Stati Uniti Donald…

AIUTA L'Altra Mantova

Da giorni stiamo lavorando senza sosta e tra mille difficoltĂ  per garantire un'informazione aggiornata e sempre precisa sull'emergenza covid-19.
Abbiamo bisogno del vostro sostegno. Un piccolo contributo che per noi è molto importante.
Grazie

Partner

OficinaOCM2 Dedicated
IlNotturno1 Dedicated

Sport media

Calcio Mantova1911 1
Basket Sting1

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information