1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Giovedi, 6 Maggio 2:30:am

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Sanità, visite e interventi rimandati per 35 milioni di italiani a causa della pandemia

Ospedale Corsia2ROMA, 18 apr. – Causa pandemia 35 milioni di Italiani hanno avuto problemi a utilizzare servizi e prestazioni sanitarie per patologie non-Covid.

In particolare, le cancellazioni e rinunce hanno coinvolto circa 10 milioni di persone. Di queste, circa 400 mila hanno rinunciato (o visto cancellare) interventi di ricovero; 600 mila non hanno potuto fare interventi chirurgici e circa 1 milione di persone non hanno avuto le prestazioni di day hospital. Il servizio che ha visto lo stop più importante è quello delle visite specialistiche, cancellate o a cui hanno dovuto rinunciare circa 7 milioni di Italiani. Un problema che ha riguardato in specifico l'83,9% degli over 65 anni.

È il quadro che emerge dalla ricerca "Gli italiani e il Covid-19. Impatto socio-sanitario, comportamenti e atteggiamenti della popolazione Italiana" della Fondazione Italia in Salute, e realizzata da Sociometrica, per quantificare su scala nazionale le conseguenze dell'epidemia sul sistema sanitario impegnato nelle patologie non-Covid. I risultati sono stati illustrati questa mattina nel corso di una conferenza stampa. Molti Italiani, anche al di là delle disposizioni di legge, hanno modificato spontaneamente alcuni comportamenti quotidiani. Il 63,3% evita di prendere mezzi pubblici, oltre la metà non frequenta più negozi, bar e ristoranti; circa 7 persone su 10 hanno scelto di non vedere più amici e conoscenti dentro casa. Altre modifiche comportamentali e d'impatto sullo status psicologico messe in rilievo dalla ricerca sono il 49,1% della popolazione che avverte una crescita dello stress; il 43,9% che ha smesso, o fortemente ridotto, l'attività fisica; il 28,8% che ha difficoltà del sonno; il 27,1% che ha malesseri psicologici di tipo generale; il 25,7% che mangia di più o ha smesso di controllare la propria dieta; il 16,5% che accusa sintomi di depressione.

La ricerca ha un focus anche sulle conseguenze dell'epidemia sui minori. Quasi il 60% dei genitori intervistati ritiene che la pandemia abbia avuto un impatto psicologico sui figli minorenni. Per 1 genitore su 4, i minori sono stati "colpiti molto pesantemente", soprattutto nel caso di famiglie poco istruite. La ricerca rivela, al proposito, una "legge di proporzionalità" tra livello di istruzione dei genitori e impatto sui minori: più basso è il titolo di studio dei genitori e più grave è l'effetto dell'epidemia sui minori.

Discorso tutto particolare per i vaccini. Gli italiani mostrano un atteggiamento molto differenziato: il 7,5% non intende farlo, il 9,9% attende di capire di più, mentre il 7,6% vorrebbe poter scegliere quale vaccino fare. Un Italiano su quattro, però, "non vede l'ora" di fare il vaccino e il 40,5% attende tranquillamente il proprio turno. Le persone che però hanno patologie di vario tipo vogliono tutte essere vaccinate, e anche dal punto di vista sociale ci sono significative differenziazioni, perché sono le persone più istruite a essere più favorevoli ai vaccini.

Il pericolo del contagio ha determinato effetti psicologici anche sull'utilizzo dei servizi sanitari, perché il 63,9% della popolazione preferisce evitare di frequentare ospedali e ambienti della sanità. Solo il 13,8% non ha timore a entrare in strutture mediche. La paura maggiore si riscontra tra la popolazione più giovane.

(askanews)


Ultimi Articoli

06 Mag, 2021

Ricerca Usa, il coronavirus non è una malattia respiratoria ma vascolare

NEW YORK, 06 mag. - "Il Covid-19 non è una malattia…
06 Mag, 2021

Coronavirus, la metà dei casi e il 25% dei decessi avvengono in India

LONDRA, 06 mag. – Secondo l'Organizzazione mondiale della Sanità…
05 Mag, 2021

Dalla Giunta. Istituiti tre posteggi temporanei per la vendita di alimentari nel quartiere di Lunetta

MANTOVA, 05 mag. - Per far fronte ai disagi derivati dalla…
05 Mag, 2021

Coronavirus, da metà maggio l'Italia riapre ai turisti. Oggi 10.585 casi e 267 decessi.

ROMA, 05 mag. - Da metà maggio l'Italia riapre ai turisti: si…

AIUTA L'Altra Mantova

Da giorni stiamo lavorando senza sosta e tra mille difficoltà per garantire un'informazione aggiornata e sempre precisa sull'emergenza covid-19.
Abbiamo bisogno del vostro sostegno. Un piccolo contributo che per noi è molto importante.
Grazie

Partner

OficinaOCM2 Dedicated
IlNotturno1 Dedicated

Sport media

Calcio Mantova1911 1
Basket Sting1

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information