Dentisti SIdP, dal 30 aprile cure gratis per i più fragili

  • Stampa

Medico Dentista3ROMA, 03 apr. – La pandemia sta mettendo sempre più in difficoltà gli italiani più fragili.

La crisi economica che ha accresciuto il numero di cittadini bisognosi di cure dentali, in parte perché a causa dell'emergenza sanitaria è diminuita ulteriormente la possibilità di accesso alle prestazioni odontoiatriche offerte dal Servizio Sanitario Pubblico, che anche prima di Covid-19 riuscivano a coprire solo il 5% del totale delle cure dentali.

E' per questo che la Fondazione SIdP Onlus e la Società Italiana di Parodontologia e Implantologia (SIdP), insieme alla Società San Vincenzo De Paoli, avvieranno dal 30 aprile il progetto 'Il dentista solidale', che garantirà ai cittadini più fragili e in difficoltà cure dentali urgenti, gratuite e di qualità, presso gli studi degli odontoiatri aderenti. All'iniziativa, lanciata in occasione della Giornata Mondiale della Salute del 7 aprile, hanno già aderito oltre 250 dentisti e igienisti dentali SIdP che dedicheranno un'ora alla settimana a visite e prestazioni odontoiatriche gratuite per gli italiani meno abbienti, segnalati e accompagnati da un volontario della Società San Vincenzo De Paoli.

Il progetto 'Il dentista solidale', oltre a intervenire in un contesto di emergenza per permettere alle fasce più deboli di affrontare le cure urgenti riveste anche un ruolo educativo e sociale: sensibilizzare sull'importanza della prevenzione e le pratiche corrette di igiene orale – spiega Mario Aimetti, presidente della Fondazione SIdP Onlus e professore di Parodontologia dell'Università di Torino – in Italia le prestazioni odontoiatriche sono essenzialmente private con una minima copertura da parte del sistema pubblico nazionale e con conseguenti barriere economiche per i cittadini.

I dati ISTAT dimostrano che nel 2019 un italiano su due è andato dal dentista ma questo dato scende al 14% per i cittadini che si trovano in una situazione di povertà relativa e sotto il 9% per coloro che si trovano in uno stato di povertà assoluta. Inoltre – aggiunge Aimetti – tra i cittadini stranieri l'accesso alle cure odontoiatriche è meno della metà rispetto ai cittadini italiani e la pandemia, con i suoi effetti negativi sui bilanci familiari, ha sensibilmente aggravato queste diseguaglianze. Per questo abbiamo chiesto ai colleghi di dare il proprio contributo al fine di diminuire le disparità sociali nell'accesso alle cure odontoiatriche con il progetto 'Il dentista solidale', che potrà fare la differenza per molti cittadini fragili".

(askanews)


Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information