Autismo, in Italia 80mila casi. La pandemia stravolge la routine di chi ne soffre

  • Stampa

Autismo2ROMA, 04 apr. – La pandemia e le relative restrizioni hanno creato situazioni molto difficili per le circa 80mila persone con autismo in Italia; 270 mila con diagnosi di Disturbi dello Spettro Autistico.

L'autismo è una condizione complessa che impatta sulle doti comunicative e sulle abilità sociali, soprattutto dei più piccoli.

Una delle figure 'chiave' in questa fase è il logopedista, importante nell'accompagnare il bambino a una interazione con il mondo e in grado di aiutare a stimolare abilità – come comunicare, comprendere, parlare, leggere e scrivere – fondamentali nel vivere socio-relazionale e scolastico. Inoltre il Logopedista ha svolto un ruolo importante nel sostenere le famiglie per far comprendere ai loro piccoli pazienti i cambiamenti nella routine quotidiana e nelle regole sociali. Infine è stato chiamato ad adattare il proprio intervento alle restrizioni dovute alla pandemia.

Per alcuni pazienti, in specifici periodi, è stato necessario attivare forme di tele-riabilitazione, particolarmente difficili da gestire in persone con disturbo dello spettro dell'autismo, data la complessità di questa condizione, che oltre alle ridotte abilità sociali può comportare difficoltà di attenzione e problemi comportamentali. Un vero 'stravolgimento', che è stato affrontato sempre insieme alle altre figure professionali coinvolte: il neuropsichiatra infantile, lo psicologo, il terapista della neuropsicomotricità, il terapista occupazionale, il fisioterapista, il nutrizionista.

In occasione della giornata mondiale svoltasi il 2 aprile la Federazione dei Logopedisti ha fatto il punto in un incontro aperto al pubblico sul proprio canale YouTube (raggiungibile e rivedibile dal sito www.fli.it)

"A causa della pandemia la persona con autismo si è trovata catapultata in un mondo nuovo, in cui sono improvvisamente cambiate le modalità interattive – spiega Sara Isoli, docente di logopedia all'Università di Verona e Padova, specialista al Centro Regionale per i Disturbi dello Spettro dell'Autismo dell'Azienda Ospedaliera Integrata di Verona -. Pensiamo anche solo al contatto fisico, o alla necessità di interagire con persone che indossano mascherine, privando il paziente di un importante canale comunicativo come quello dato dalla lettura labiale e dalla mimica della metà inferiore del volto. Inoltre a modificarsi sono state anche le routine quotidiane: apertura e chiusura di scuole; delimitazioni specifiche di spazi a cui il bambino con autismo, prima abituato ad avere comodo ingresso, li trova improvvisamente negati e inaccessibili; interruzioni delle terapie e degli sport; lunghi periodi di isolamento domestico".

(askanews)


Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information