1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Venerdi, 18 Giugno 5:07:am

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Energia, Dodaro (Enea): 'La fusione nucleare sarĂ  realtĂ , ma ci vuole tempo'

EnergiaNucleare1ROMA, 19 mag. – SarĂ  la fusione nucleare, e non certamente la decarbonizzazione, il fulcro della transizione energetica che ha l'obiettivo di raggiungere i target di emissioni di CO2 fissati dall'Europa al 2030 e al 2050.

Si tratta di replicare sulla terra il processo di fusione che avviene nelle stelle per ottenere una sorgente di energia elettrica pulita, senza scorie di lunga durata, sicura e libera da CO2. Una sfida scientifica e tecnologica su cui la ricerca mondiale è impegnata da anni e in cui anche il nostro Paese gioca un ruolo importante.

L'Italia – con ENEA in prima fila grazie alla lunga esperienza maturata in questo campo di ricerca – sta lavorando al DTT (Divertor Tokamak Test facility), che servirà a studiare la fusione termonucleare controllata, un tassello importante nel più ampio panorama europeo e mondiale per lo studio della fusione, direttamente collegato all'esperimento ITER (International Thermonuclear Experimental Reactor) in costruzione a Cadarache in Francia e al quale partecipano Unione Europea, Giappone, Corea, Cina, Russia, Stati Uniti e India e al successivo DEMO, il reattore che dopo il 2050 dovrà produrre energia elettrica da fusione nucleare. Già, ma quanto dopo?

Al progetto italiano DTT, che vede coinvolti ENEA, Eni e il Consorzio CREATE, ad oggi sono stati assegnati contratti per oltre 85 mln di euro, nel consorzio sono entrati sei nuovi soci.

'Le attività di progettazione dei componenti procedono nonostante le difficoltà causate dalla pandemia: sono in corso di pubblicazione o assegnazione gare per altri 100 milioni di euro che porteranno, a fine anno, ad aver completato il commitment di ben oltre un terzo del totale previsto. L'ENEA – annuncia l'Ing. Alessandro Dodaro direttore del Dipartimento Fusione e Tecnologie per la Sicurezza nucleare dell'ENEA – è in procinto di assegnare al Consorzio nuove risorse di personale (circa 20 unità), selezionate nell'ultima tornata concorsuale appositamente per il progetto DTT, allo scopo di incrementare, insieme agli altri due soci fondatori, ENI e Consorzio CREATE, l'impegno fin qui dedicato".

"Naturalmente, l'apporto tecnico-scientifico dei nuovi partner del Consorzio (l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, il Consorzio RFX e le UniversitĂ  di Tor vergata, della Tuscia, Milano Bicocca e Politecnico di Torino, senza dimenticare il Consiglio Nazionale delle Ricerche che sta finalizzando l'ingresso nella compagine societaria), saranno estremamente utili per mantenere tempi di realizzazione della facility coerenti con la programmazione ed ottenere il primo plasma nello stesso periodo in cui sarĂ  'acceso' ITER'.

(askanews)


Ultimi Articoli

18 Giu, 2021

Pilyoga all’aria aperta a Parco delle Bertone

GOITO, 18 giu. - La rassegna Ben-essere in natura promossa dal…
18 Giu, 2021

Variante Delta, vaccino Pfizer efficace al 79% mentre Astrazeneca al 73%

MILANO, 18 giu. - Il direttore del reparto di Malattie infettive…
18 Giu, 2021

Ostiglia, la Regione approva la dismissione del deposito oli minerali a uso industriale di 'Ep Produzione Spa'

OSTIGLIA, 18 giu. - La Giunta di Regione Lombardia, su proposta…
18 Giu, 2021

Pandemia, la Sardegna anticipa il green pass: niente tampone per chi arriva

CAGLIARI, 18 giu. – In Sardegna niente piĂą obbligo di tampone…
17 Giu, 2021

Covid, in Lombardia 232 casi e tasso di positivitĂ  allo 0,62%. In provincia di Mantova 5 casi

MANTOVA, 17 giu. - Sono 232 (ieri 256) i nuovi casi di covid…

AIUTA L'Altra Mantova

Da giorni stiamo lavorando senza sosta e tra mille difficoltĂ  per garantire un'informazione aggiornata e sempre precisa sull'emergenza covid-19.
Abbiamo bisogno del vostro sostegno. Un piccolo contributo che per noi è molto importante.
Grazie

Segni

Partner

OficinaOCM2 Dedicated
IlNotturno1 Dedicated

Sport media

Calcio Mantova1911 1
Basket Sting1

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information