Bike Garage: sicurezza, accoglienza e servizi per i turisti in bicicletta. Un modello adatto anche a Mantova

  • Stampa

Mantova BikeGarage Esempio1MANTOVA, 17 lug. – Il turista che arriva in città con la sua amata bicicletta e vuole godersi una passeggiata in centro, visitare i musei o le atre attrattive storiche, ha inevitabilmente il problema di dove lasciare, in sicurezza, il suo "mezzo" che, non di rado, ha un consistente valore economico e può essere particolarmente "appetibile".

L'amante della mobilità sostenibile, infatti, possiede sempre una bicicletta di alto livello, tipo quelle supertecnologiche o le e-bike che si stanno rapidamente diffondendo e si avviano ad essere il veicolo elettrico più popolare al mondo.

Io credo che una soluzione praticabile ci sia e mi è capitato di vederne un esempio a Massa Marittima (Maremma, Gr), una città d'arte che ha diversi punti in comune con Mantova.

Centro storico affascinante, un contorno di edifici preziosi e dimensioni contenute che invitano il turista a muoversi in piacevole tranquillità, lasciando riposare per un po'... il sellino della bici. Lì, proprio a ridosso della piazza centrale, hanno realizzato un Bike Garage dove è possibile lasciare la bicicletta, bloccata e custodita, eventualmente ricaricare la batteria dell'e-bike e utilizzare alcuni piccoli servizi accessori.

Mantova BikeGarage Esempio2Una soluzione che è già ampiamente diffusa con successo in diverse località europee con modalità anche "smart", come quelle proposte dalla ditta Bikeep.

E quindi, penso che una cosa del genere sarebbe utile e molto apprezzata anche a Mantova che alla sua vocazione turistica negli ultimi anni ha abbinato una crescente attenzione per la mobilità leggera incrementando i collegamenti ciclabili tra i quali spicca quello con il Garda, bacino di straordinario interesse turistico che ospita tantissimi cultori internazionali delle due ruote.

Mi pare che, a parte l'individuazione del punto in cui realizzare il Bike Garage, non dovrebbero esserci grandi complicazioni per realizzarlo in modo semplice, efficiente ed economico. Magari affidandone la gestione a una delle tante associazioni di volontariato operanti in città e includendo qualche altro servizio essenziale per il ciclista (acqua, assistenza tecnica, ecc.).

Io credo che potrebbe essere un elemento di ulteriore attrattività (da pubblicizzare) per Mantova. Che ne dite?

(Claudio)


Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information