1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Domeinca, 22 Maggio 12:43:am

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

‘Savoir faire a tavola’: dal 14 maggio al 25 settembre in mostra lo stile conviviale dei conti d’Arco con un programma di eventi speciali

Mantova PalazzoDArco SavoirFaire-LocandinaMANTOVA, 12 mag. – Un invitante percorso che rievoca lo stile e la cura che i conti d'Arco dedicavano alla tavola e al vivere quotidiano è ciò che propone la mostra "Savoir faire a tavola" con cui il Museo di Palazzo d'Arco esibisce i preziosi oggetti che costituivano le apparecchiature otto-novecentesche della dimora nobiliare.

Aperta dal 14 maggio al 25 settembre, la mostra si snoda in quattro sezioni tra gli ambienti del Palazzo preposti ad accogliere il pasto in famiglia e il banchetto o particolari occasioni conviviali meno formali ed impegnative come il brunch. Il percorso tra i raffinati oggetti di casa d'Arco, tra stoviglie di pregiata fattura, posateria, ornamenti, cristalli e tovaglie accuratamente selezionate si arricchisce dei manuali ottocenteschi di galateo, provenienti dalla biblioteca di famiglia, che sono esposti per illustrare il modo di allestire e apparecchiare la tavola secondo le regole imprescindibili del bon ton dell'epoca.

Un "savoir faire" a tavola che testimonia l'importanza attribuita dai conti d'Arco al saper accogliere i propri ospiti con cura ed eleganza, nel scegliere per loro le giuste stoviglie, gli adeguati ornamenti per la tavola, il menĂš perfetto e il servizio impeccabile.

Mantova PalazzoDArco SavoirFaire-PresentazioneLa presentazione della mostra è avvenuta questa mattina a Palazzo d'Arco con interventi del presidente della Fondazione Palazzo d'Arco Livio Giulio Volpi Ghirardini e delle curatrici Silvia Tosetti e Francesca Rapposelli che hanno guidato una visita in anteprima dell'esposizione. Quattro, dunque le sezioni in cui si articola la mostra:

Prima sezione – Il banchetto.

  • Nel Settecento e nell'Ottocento si mantiene viva la tradizione del banchetto e del suo cerimoniale che si manifesta nell'apparecchiatura e negli ornamenti, nel servizio e nella gastronomia nonchĂŠ nell'abitudine ad allestire il pranzo sotto gli occhi degli antenati. Nella Sala degli Antenati si trovano a confronto due tavole: sulla prima è esposto il servizio in porcellana inglese della fabbrica di Josiah Wedgwood, mentre la seconda presenta il corredo del conte Antonio d'Arco, il cui elenco sembra rubato da una pagina delle Regole del Saper vivere nella SocietĂ  Moderna della Baronne Staffe (pseudonimo di Blanche-Augustine-Angèle Soyer): il servizio in porcellana bianca Ginori del 1872, che conta 196 pezzi, il candore immacolato del tovagliato in fiandra, con decoro "a bouquet" e monogramma ricamato, acquistato nel 1881 dalla pregiata fabbrica milanese "G Baroncini" e la posateria d'argento per servire. Mestoli, singolari utensili e vetri scintillanti raccontano di sontuose pietanze e pregiati vini serviti su tavole apparecchiate in maniera formale come si vede nella sala delle Nature Morte.

Seconda sezione – La tavola in famiglia.

  • La Sala di Diana, che in origine era la sala da pranzo per la famiglia come si rileva dalla presenza della credenza ricavata tra le mura della sala con il passavivande aperto sul salone degli Antenati, mostra la tavola, il buffet settecentesco a doppia porta e una seconda credenza con due servizi Richard Ginori in porcellana bianca: quello del 1906 a roselline e quello "Italia" del 1903.

Terza sezione - Il brunch.

  • Dal 1895 l'appuntamento conviviale del Sunday morning è il brunch, frutto della fusione di breakfast e lunch, la colazione ed il pranzo, due pasti precedentemente ben distinti nell'Inghilterra dell'Ottocento. Nella sala delle carte da parati la tavola del brunch trionfa con gli argenti e le produzioni galvaniche vittoriane servendo in tavola un pasto generoso ed elegante fatto di carni fredde, uova e pesce ma anche crostate, pane, burro e marmellata, il tutto annaffiato da una buona tazza di tè o da un raffinato e non troppo alcolico cocktail.

Quarta sezione – Gastronomia e attrezzatura culinaria.

  • Entrando in cucina la tavola è traboccante di pentolame, come doveva essere quando la cuoca e aiutanti erano indaffarate nella preparazione di un lungo e abbondante menĂš. L'attrezzatura culinaria, perlopiĂš in rame, diventa "parlante" e racconta delle abitudini gastronomiche tra Sette e Ottocento e del ruolo rivestito dal rame nella casa dei secoli scorsi. Accanto al pentolame pronto per la preparazione di gustose ricette sono esposti alcuni ricettari antichi di famiglia e alcune delle innumerevoli liste della spesa conservate nell'archivio del Palazzo.

Mantova PalazzoDArco SavoirFaire-OggettiAlla mostra "Savoir faire a tavola" vengono abbinate alcune speciali opportunitĂ  per fare esperienze nelle occasioni conviviali. Ecco il programma:

  • 22/05 e 12/06 ore 10.00 e ore 10.30 Il Brunch a Palazzo d'Arco – Una tradizione anglosassone antica quanto la caccia alla volpe, un evento mondano dell'America degli anni venti, l'appuntamento irrinunciabile della domenica mattina: il brunch sarĂ  a Palazzo d'Arco nella splendida cornice dell'orangerie e del giardino. Dopo la visita nelle sale del palazzo gli ospiti potranno gustare il brunch proposto in chiave moderna da Il Bianchi, caffetteria gelateria di San Biagio (MN). Costo visita guidata e degustazione del brunch: 25 euro
  • 21/06 ore 19.00 Il Sorbetto per il Solstizio d'estate – Una sera magica, in cui il sole indugia sulla notte, per raccontare le tradizioni ancestrali della nostra terra che parlano di erbe, di natura e dei loro poteri, e che si riflettono anche nella gastronomia. Nel giardino di Palazzo d'Arco con Daniela e Fernando Aldighieri si festeggerĂ  la notte di mezza estate con la preparazione e degustazione di un sorbetto dal gusto speciale. Costo visita guidata e showcooking: 12,00 euro
  • 26/06 dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 17.00 Pic nic a Palazzo d'Arco – Dame e gentiluomini dell'Associazione Napoleonica Italiana, in abiti dei primi anni dell'Ottocento coloreranno il giardino del palazzo con coperte, cestini in vimini, danze e mode prettamente napoleoniche. I visitatori potranno passeggiare liberamente, assistere alle merende degli "attori" e intrattenersi con loro a cricket o altri giochi d'epoca. Inoltre sono previsti alcuni momenti prettamente didattici per poter conoscere piĂš da vicino il perchĂŠ di alcune tendenze o particolari consuetudini. Costo: 5,00 euro
  • 24/09 2022 Un dolce di casa d'Arco - Cake Star, la nota trasmissione televisiva in onda su Real Time, unisce Palazzo d'Arco, location dell'edizione 2022, e Derecò la pasticceria di Castiglione delle Stiviere vincitrice della puntata mantovana. La collaborazione continua con un evento dove l'alta pasticceria si lega alle tradizioni storiche e culinarie della famiglia d'Arco. In questa occasione il set da pasticceria arricchirĂ  l'esposizione della cucina e l'arte del pasticcere Fabio Marmorio si realizzerĂ  in un dolce di famiglia che racconta le antiche origini trentine. Costo visita guidata e showcooking: 12,00 euro
  • 22/09 ore 18.00 Presentazione del libro di Lydia Capasso Il passato è servito. Racconti e ricette di piatti che hanno fatto la storia, Milano 2022. Presentano Italo Scaietta, Conservatore di Palazzo d'Arco, e il dott. Omero Araldi, Delegazione di Mantova dell'Accademia Italiana della Cucina.

Inoltre, il progetto della mostra prevede anche in una collaborazione didattica, declinata sul piano tecnologico e laboratoriale, con L'Istituto Superiore E.Fermi di Mantova. Un gruppo di studenti, nell'ambito di un progetto scolastico ampio che vede come attori anche il Fablab, hanno applicato le tecniche della scansione 3D e della fotogrammetria su alcuni stampi antichi della cucina per riprodurli perfettamente. I rari esemplari in rame potranno essere poi realizzati in un materiale idoneo per il loro utilizzo moderno in cucina.

  • "Savoir faire in tavola. L'apparecchiatura e le occasioni conviviali"
  • Museo di Palazzo d'Arco, dal 14 maggio al 25 settembre
  • Info e prenotazioni: tel. 0376322242 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  
  • www.museodarcomantova.it 


Ultimi Articoli

22 Mag, 2022

Nucleare, Ue segnala infrazione all'Italia per depositi scorie non a norma

BRUXELLES, 22 mag. – GiovedĂŹ 19 maggio la Commissione europea ha…
22 Mag, 2022

Netflix, chiuso con 55,85 milioni il contenzioso con il Fisco italiano

MILANO, 22 mag. – Il colosso multimedia Netfix ha dichiarato di…
21 Mag, 2022

'Capaci di resistere ancora': al Baratta libri sulla legalitĂ  e al Bibiena spettacolo sulla 'Ndrangheta

MANTOVA, 21 mag. - La rassegna "Capaci di resistere ancora" in…
21 Mag, 2022

Covid, 138 casi in provincia di Mantova. In Lombardia 3287 contagi e 24 decessi

MANTOVA, 21 mag. - Sono 138 i nuovi casi di covid registrati…
21 Mag, 2022

Mantova, Giornata Verde Pulito: raccolti oltre 300 chili di rifiuti

MANTOVA, 21 mag. - Il Comune di Mantova ha aderito anche…
21 Mag, 2022

Archeologo, ma anche fotografo e musicista. Senza dimenticare la natura. Tornano i corsi dell'Accademia dei Ragazzi

MANTOVA, 21 mag. - Impossibile annoiarsi nell'estate mantovana.…

AIUTA L'Altra Mantova

Da giorni stiamo lavorando senza sosta e tra mille difficoltĂ  per garantire un'informazione aggiornata e sempre precisa sull'emergenza covid-19.
Abbiamo bisogno del vostro sostegno. Un piccolo contributo che per noi è molto importante.
Grazie

OCM Tempo d'Orchestra

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information