1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Giovedi, 25 Febbraio 1:04:am

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Donazione dell’antiquario Serra a Palazzo Ducale: una scultura trecentesca e un bronzo di Aldo Falchi

Mantova PalazzoDucale DonazioneSerraMANTOVA, 14 gen. – Grazie alla donazione dell'antiquario Gian Pietro Serra, le collezioni di Palazzo Ducale si arricchiscono di una scultura di fine Trecento e di un busto in bronzo dell'artista contemporaneo Aldo Falchi.

L'antiquario Gian Pietro Serra ha deciso di lasciare alla città di Mantova queste due importanti opere esprimendo l'autentica soddisfazione per la collocazione all'interno della reggia gonzaghesca.

"Con commozione ed enorme piacere doniamo queste due opere alla città di Mantova - affermano Gian Pietro e Paolo Serra -. In esse troviamo racchiusa l'essenza stessa della vita di nostro padre, il prof. Giovanni Serra, rinomato chirurgo e grande amante dell'arte".

Il primo manufatto è una scultura che rappresenta una "figura di santo" inquadrata tra due colonne che sostengono un arco carenato. Non si conosce il nome del santo, ma è possibile soltanto ipotizzare che la scultura sia stata eseguita alla fine del Trecento, massimo agli inizi del XV secolo.

La formella in pietra, di circa 35 per 14 centimetri, è parte dello stesso complesso scultoreo del quale Palazzo Ducale conserva – da oltre un secolo – altri tre frammenti. Si tratta di parti di un monumento medievale donate nel 1869 dal conte Massimiliano Alberigi Quaranta di Torricella alle collezioni del Museo Patrio, poi confluite nel 1915 presso la reggia gonzaghesca.

La notizia dell'esistenza di un quarto pezzo dello stesso monumento si diede solamente nel 1985: fu rinvenuto nella corte Tedolda di Villa Saviola e diventò proprietà di Gian Pietro Serra, che ha deciso di donarla al Palazzo Ducale, affinché andasse a completare i resti già lì conservati.

Il monumento è un sepolcro funebre di rara tipologia, ossia a pilieri laterali riccamente decorati e figurati, come nella tomba del doge Michele Morosini nella chiesa dei Santi Giovanni e Paolo a Venezia.

La seconda donazione, convenuta insieme al fratello Paolo Serra, è una scultura di differente provenienza: si tratta di un busto in bronzo del 1980 dell'artista contemporaneo Aldo Falchi, nato a Sabbioneta nel 1935 e da poco scomparso (2019); la sua opera più celebre è il Rigoletto in bronzo posto proprio nella casa omonima in piazza Sordello. L'opera donata ritrae il dott. Giovanni Serra (1893-1975), a lungo attivo presso l'Ospedale Carlo Poma di Mantova. Per questo motivo la Direzione di Palazzo Ducale ha deciso, con il consenso e la collaborazione dell'Istituto sanitario, di esporlo proprio all'interno dell'ospedale mantovano.


Ultimi Articoli

25 Feb, 2021

Coronavirus, Iss: 'Vaccino AstraZeneca più efficace con lungo intervallo fra dosi'

ROMA, 25 feb. – Per l'Istituto Superiore della Sanità,…
25 Feb, 2021

Politica, Decaro: 'Il Pd ostaggio delle correnti, rischia di sparire'

OMA, 25 feb. – Per Antonio Decaro, presidente dell'Anci e…
24 Feb, 2021

Coronavirus, oggi 16.424 nuovi casi e 318 decessi. Alto Adige prolunga il lockdown

ROMA, 24 feb. - Il bollettino di oggi sulla pandemia da covid-19…

AIUTA L'Altra Mantova

Da giorni stiamo lavorando senza sosta e tra mille difficoltà per garantire un'informazione aggiornata e sempre precisa sull'emergenza covid-19.
Abbiamo bisogno del vostro sostegno. Un piccolo contributo che per noi è molto importante.
Grazie

APAM Servizi per la mobilità

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information