1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Sabato, 24 Luglio 6:01:am

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Segni d'Estate tra il Giglio e Mantova

Mantova Segni Camaleonte1MANTOVA, 07 giu. - Il programma completo del Festival Segni New Generations è stato presentato oggi in conferenza stampa in diretta dall'Isola del Giglio, dalla meravigliosa terrazza con vista mare dell'Hotel Castello Monticello, e trasmessa online su segninonda.org.

Un progetto artistico, quello pensato per l'isola, che pone l'attenzione all'ambiente, alla cura e alla simbiosi fra scena naturale e spettacolo, e che è stato ideato dalla Direttrice artistica Cristina Cazzola con la consulenza, in situ, di Andrea Giannoni, attore e regista dell'associazione Hey there! I am using theater. Il programma prevede 40 eventi tra rappresentazioni teatrali e spettacoli itineranti, laboratori artistici e appuntamenti con gli autori, spazi d'incontro e dibattito sulla ripresa del teatro inseriti fra i suggestivi spazi architettonici, panoramici e naturalistici dell'isola, per offrire una proposta culturale di alta qualità che si configuri anche come forte esperienza sinestetica.

Festival di teatro e arte dedicato a bambini e bambine, ragazzi e ragazze, famiglie, ma anche operatori culturali e insegnanti - che da sedici anni ha come palcoscenico la città di Mantova, sbarca all'Isola del Giglio dal 21 al 25 giugno, per un'anteprima d'eccezione. Questa solo una delle novità di quest'anno: il festival infatti si sdoppia e si spalma su un periodo più lungo e a cavallo fra due stagioni con oltre 300 eventi. E dopo 5 giorni di teatro tra la natura e il mare dell'Isola dà appuntamento tra i laghi mantovani e l'arte della città dei Gonzaga, dal 26 giugno al 17 luglio e poi dal 23 ottobre al 2 novembre. Un festival che si trasforma come strategia di sopravvivenza proprio come fa il Camaleonte, animale simbolo di quest'anno, disegnato da un maestro delle trasformazioni, Arturo Brachetti, artista testimonial di SEGNI 2021.

"Credo che il valore aggiunto di SEGNI per la nostra città - ha detto Chiara Sortino, assessore alle Politiche e ai servizi per la famiglia del Comune di Mantova - sia quello di un'offerta socio culturale, educativa, senza pari, un'opportunità per grandi e piccini di stupirsi e lasciarsi incantare. Credo che l'edizione di quest'anno abbia un significato speciale perchè rappresenta davvero un primo vero segnale di rinascita per le nuove generazioni. Come amministrazione continueremo ad essere al fianco di chi come gli organizzatori di SEGNI si spende per la nostra città offrendo opportunità culturali, sempre più necessarie, creatività ed energie positive a bambini e bambine, ragazzi e ragazze, famiglie, recuperando insieme un pezzettino di benessere che è venuto meno, a tutta la comunità, in questo difficile periodo".

SEGNI al Giglio rientra nel progetto "L'isola dei festival" che ha visto sette associazioni mettersi in rete e lavorare alla creazione di una proposta di festival ed eventi da maggio a ottobre che spaziano dalla musica all'archeologia, dal teatro alla fotografia, fino all'enogastronomia. Da Mantova, l'associazione Segni d'infanzia esporta un brand culturale di respiro internazionale rivolto al giovane pubblico e lo declina alle specificità dell'isola. Cosa farebbero gli abitanti del Giglio se una mattina il sole, da dietro l'Argentario, sorgesse quadrato? Provano a raccontarlo gli artisti fiamminghi di Diorama (3 – 8 anni) che vanno in scena in Piazzetta Lombi con uno spettacolo che salta fuori da una valigia e fa scoprire come le trasformazioni, anche le più assurde, possono diventare divertenti. A evocare il connubio tra natura e fiabe tradizionali, cifra stilistica del festival al Giglio, ci pensa il protagonista di Lupus in fabula (dai 3 anni in su), un lupo appunto – interpretato dall'attrice Sara Zoia - che aiuta a parlare di emozioni. Le emozioni entrano in gioco anche nello spettacolo di Factory Compagnia Transadriatica, Primo Studio da Hamelin (da 6 anni in su), presentato in anteprima al Giglio, che sperimenta un'inedita fruizione della narrazione in cuffia, offrendo un'esperienza particolarmente immersiva e coinvolgente ad adulti e bambini che si ritrovano nel grande gioco del teatro, a ricostruire la storia del noto pifferaio. Sempre grazie a un dispositivo con cuffie si possono ascoltare, sussurrate all'orecchio, anche le Favole della buonanotte (da 4 anni in su), un rituale immancabile alla sera, da fare in spiaggia al mare a Campese presso il Bagno da Meco, guardando le stelle. Per esplorare la vastità di storie legate al meraviglioso mare che circonda l'isola c'è, in Piazzale della Fonte, lo spettacolo Fiabe di Mare (da 5 anni in su), tre racconti ispirati alla tradizione popolare italiana parte di una trilogia nata dal progetto "Paese che vai, fiaba che trovi" dell'associazione Hey there! I am using theater, con adattamento e regia di Andrea Giannoni e tre giovani attori Emma Abdelkerim, Moreno Corà, Gaia Rum. Un incredibile gioco teatrale che intreccia la poesia alle discipline circensi è invece lo spettacolo On the road della compagnia ArteMakìa con la regia e la drammaturgia di Milo Scotton che chiude, il 25 sera alle 22:00, l'edizione speciale di SEGNI al Giglio.

Dal teatro ai laboratori. Al ricco programma di spettacoli, si aggiungono anche due diverse tipologie di laboratori: al mattino tutti i giorni, per bambini dai 6 anni, lo Spazio Lombi si trasforma in atelier sui linguaggi artistici con Sara Zoia e I segreti del Camaleonte; per i ragazzi dai 12 anni invece, al pomeriggio, l'appuntamento è con il workshop Gli amici del pifferaio in compagnia degli attori della Compagnia Factory per scoprire come nasce uno spettacolo teatrale e contribuire al processo di creazione. E ancora: ogni giorno, all'ora dell'aperitivo, un autore diverso, di passaggio sull'isola, incontrerà nelle più suggestive piazzette – Lombi, Piazza della Cisterna e Piazzale della Fonte - grandi e piccini, parlando, leggendo o giocando con la propria opera letteraria nell'appuntamento Laboratorio con l'autore (dai 5 in su). Ci saranno Federico Taddia con il libro Vi teniamo d'occhio scritto insieme a Potito Ruggero, un ragazzino di 13 anni che è l'equivalente italiano di Greta Thunberg; Matteo Corradini con "Solo una parola" per scoprire come si può raccontare la memoria e con "Annalilla" che parla dell'estate come un'avventura bellissima; Lucia Vaccarino con "Attenti al clima" e Carlotta Cubeddu che ci fa esplorare le parole e la musica al tempo dei social con "Penso, parlo, posto".

Le nuove generazioni nel dibattito internazionale. Al fine di inserire SEGNI al Giglio all'interno di un più ampio dibattito internazionale sul Teatro per le nuove generazioni, agli appuntamenti sull'Isola si aggiunge la Teen Academy Lighthouse Dialogues con la presenza di operatori culturali e adolescenti, critici teatrali e artisti da diverse parti d'Italia e d'Europa: una serie di incontri giornalieri con workshop, dibattiti, scambio di pratiche e competenze. Gli scenari ogni giorno diversi, dalla pineta sopra al Castello fino ai fari del Giglio, aiuteranno i cambi di prospettiva per confrontarsi ogni volta su un tema diverso. Il gruppo condividerà la visione degli spettacoli e l'aggiornamento di un diario di bordo, fatto di video e podcast. SEGNI ha anche un programma OFF ricco di eventi promossi dagli abitanti e dalle associazioni dell'isola, tra cui la performance Cosa Cosò il Giglio che sul traghetto Maregiglio (partenza Porto Santo Stefano) dà il benvenuto durante le giornate del festival e per tutta l'estate. Appuntamento con il Giglio, il 23 giugno alle 21:00 in Piazzale della Fonte, è invece uno spazio d'incontro tra gli operatori culturali dell'isola e quelli "forestieri", approdati al Giglio per il festival SEGNI, in cui viene presentata la lunga tradizione culturale del territorio e raccontato il nuovo progetto "L'isola dei Festival".

SEGNI D'ESTATE A MANTOVA. Dopo l'avventura al Giglio il festival aspetta le famiglie a Mantova, dal 26 giugno al 17 luglio, con 80 eventi in 20 giorni e in spazi outdoor che portano a sperimentare nuove location, nuove tematiche e nuove tecniche. Spettacoli e laboratori, dedicati a spettatori dai 18 mesi ai 18 anni, sono distribuiti tra la mattina, il tardo pomeriggio e la sera in modo da offrire sia una proposta di attività da integrare a quelle dei campi estivi che un tempo da condividere con la famiglia. Per i nidi e le scuole dell'infanzia, ancora aperte in quel periodo, SEGNI d'ESTATE diventa l'occasione per chiudere l'anno scolastico portando i piccolissimi a teatro. Nel weekend di apertura, a inaugurare questa edizione speciale di SEGNI ci sono due eventi imperdibili: il laboratorio TxC – Teatro per corrispondenza (da 4 anni in su e per tutti) e lo spettacolo acrobatico con uno spunto di riflessione sulla sostenibilità, Petit, in programma grazie al contributo di Gruppo Tea. TxC vede le famiglie coinvolte nella costruzione dello spazio scenico attraverso l'allestimento della propria tenda nel Chiostro del Museo Diocesano, dove poter poi esplorare le emozioni legate alle paure guidati dall'artista Simone Guerro e interagendo con gli oggetti di uno speciale kit di teatro da tavolo che i partecipanti porteranno con sè. Un'esperienza che non si conclude al festival, ma continua a casa, o dove ciascuno vorrà, con due appuntamenti in collegamento via podcast (il 4 e l'11 luglio) per l'ascolto di nuove fiabe da mettere in scena.

Grandi temi ambientali. Per riflettere sull'importanza dei piccoli gesti sostenibili arrivano i due acrobati di Red One Duo con lo spettacolo, adatto a tutte le età, Petit, un magico gioco aereo alla ricerca del giusto equilibrio, evento che rientra nella collaborazione con il Gruppo Tea che rinnova il sostegno al festival con il quale porta avanti una missione di sensibilizzazione ambientale delle nuove generazioni che include anche i laboratori Le mille trasformazioni della materia (6 – 10 anni) per spiegare e mettere in pratica in maniera creativa le regole delle 4R (riduci – riusa - ricicla – recupera) che racchiude il segreto per limitare il nostro impatto ambientale. L'acqua, elemento che ci riporta alle origini e che è fortemente legato anche alla città di Mantova, è protagonista dello spettacolo H2Ops! (3 – 10 anni) di Consorzio Balsamico che ne raccontano la natura come una favola scientifica che si fonde con la poesia del crescere. Per la ricerca dell'acqua, bene vitale, inizia il viaggio e l'avventura del protagonista de Il respiro del vento (6 – 10 anni) di Cada Die Teatro. E ancora, per ricordarci dell'importanza di prenderci cura dell'ambiente che ci sta intorno, Storia d'amore e alberi (da 6 e per tutti) della compagnia INTI.

Per i più piccoli. Per la fascia dei 18 mesi due le proposte in programma: una nuovissima, di Scarlattine Teatro – Campsirago Residenza, Corpo lib(e)ro, che è una vera e propria avventura esplorativa fra corpo e libri, e l'altra di Teatro all'improvviso che con Piccola ballata per Peu immagina la vita nella pancia della mamma e il viaggio verso il mondo esterno come una danza di colori, luce e musica. Dai 2 anni invece l'ultima produzione de La Baracca Testoni Ragazzi, Cornici, che esplora la dimensione del ricordo, usando segni e disegni per costruire una sorta di alfabeto emozionale della memoria. Dopo essere stati al Giglio gli artisti fiamminghi della compagnia Hanafabuki continuano il loro tour in Italia portando anche a Mantova Diorama (3 – 8 anni): spettacolo che esce letteralmente da una valigia per trovare il lato divertente anche nei cambiamenti improvvisi.

Le nuove location, tra spazi outdoor e luoghi d'arte. Le atmosfere gotiche di un grande classico della letteratura inglese rivivono, grazie allo spettacolo Il fantasma di Canterville (da 7 in su) di Factory Compagnia Transadriatica, nel suggestivo ambiente del Tempio di San Sebastiano realizzato dall'Alberti per i Gonzaga. L'evento rientra nel progetto "Partiamo dal Te" con il contributo del PIC – Regione Lombardia e regala al festival una nuova location tutta da riscoprire. Perché SEGNI è anche un'occasione per vivere il patrimonio artistico in maniera inedita e così risalendo dalla via del Principe, tra le stradine del centro, la Loggia del Grano ospita diversi spettacoli tra cui Area52 (dai 5 in su) con le sue atmosfere spaziali e clownesche, mentre Palazzo Ducale accoglie negli ambienti della Sala Capitani due spettacoli tra cui, Sii Gentile e abbi coraggio (da 6 anni in su) di Orto degli Ananassi. Tra i nuovi luoghi all'aperto del festival c'è il Chiostro del Museo Diocesano che diventa location ideale per le Favole della buonanotte (dai 4 in su): storie narrate in cuffie da un'attrice a lume di candela. Nell'ambito del progetto E se diventi farfalla sostenuto da Fondazione Con I Bambini sono previsti invece i laboratori I segreti del camaleonte (da 3 e per tutti) per sperimentare i linguaggi artisti e i colori come forme di espressione.

Per i più grandi. Tante e diverse le proposte per i ragazzi dai 12 ai 18 anni, le cosiddette TEEN Activity che rafforzano la relazione e implementano la comunità dei giovani spettatori attivi di SEGNI: tra gli spettacoli, Invincibili della compagnia La Pulce che è una radiocronaca appassionata e appassionante che ripercorre le storie di atleti che si sono battuti per un ideale, spingendosi oltre la sfida sportiva, contro ogni discriminazione; una nuova avventura de Le Canaglie di Carrozzaria Orfeo – Lighthouse days - creata in occasione di SEGNI 2021 a partire dal confronto con il gruppo dei TEEN Ambassador; gli scatenati danzatori olandesi, De Dansers, con il nuovo progetto Testmakers: un passo a due a cui è abbinato un workshop per far scoprire l'energia e la forza comunicativa della danza, adatto anche a partire dai 6 anni. E ancora l'appuntamento con Ippolito Chiarello che porta la sua esperienza del Barbonaggio teatrale e crea insieme a giovani artisti una performance itinerante e narrativa, (da 5 anni e per tutti), che va in scena con Subito in piazza nel chiostro del Museo Diocesano.

"Segni d'Estate - ha detto Serena Pedrazzoli, assessore ai Nidi, Scuola e Pubblica Istruzione del Comune di Mantova - è un augurio, un segno per la ripresa di un periodo più spensierato. Mai come in questo momento è importante la collaborazione e la coprogettazione e tra quella che è l'offerta classica, della scuola, e l'offerta del terzo settore, che è un arricchimento per entrambi. E il festival in questo senso è un'opportunità che si apre per la prima volta anche ai campi estivi e offre ai nidi e alle scuole dell'infanzia di chiudere quest'anno scolastico con uno spettacolo di SEGNI."

Un programma complementare con contenuti extra, spunti didattici, proposte di formazione e approfondimento sarà anche online sulla piattaforma segninonda.org che diventa anche progressive APP scaricabile sul proprio cellulare con il programma completo della manifestazione da consultare.

Prenotazioni e acquisto biglietti a partire da giovedì 10 giugno su vivaticket.it o presso la biglietteria del festival nella sede di Segni d'infanzia associazione, via L.C. Volta, 9/B. Contatti biglietteria: 0376.1514016 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  
Prenotazioni: Dal 10 al 18 giugno, dal lunedì al venerdì, presso la sede di Segni d'infanzia, dalle 13:00 alle 18:30. Poi dal 28 giugno al 16 luglio, dalle 17:00 alle 19:00.


Ultimi Articoli

24 Lug, 2021

Ambiente, al via progetto italiano per decarbonizzazione dell'industria del vetro con l'idrogeno

MILANO, 24 lug. – E' partito il progetto italiano per la…
24 Lug, 2021

Pandemia, Draghi: 'Gli italiani si vaccinino, il Green Pass non è un arbitrio'

ROMA, 24 lug. – Per il presidente del Consiglio, Mario Draghi,…
23 Lug, 2021

Covid, in provincia di Mantova altri 41 casi. In Lombardia 691 contagi e tasso di positività che sale all'1,91%

MANTOVA, 23 lug. - Sono 41 i nuovi casi di covid registrati oggi…
23 Lug, 2021

La Nazionale Italiana maschile di Pallavolo a Mantova in preparazione dei campionati europei di settembre

MANTOVA, 23 lug. – Una bella notizia e una manifestazione di…

AIUTA L'Altra Mantova

Da giorni stiamo lavorando senza sosta e tra mille difficoltà per garantire un'informazione aggiornata e sempre precisa sull'emergenza covid-19.
Abbiamo bisogno del vostro sostegno. Un piccolo contributo che per noi è molto importante.
Grazie

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information