1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Domeinca, 13 Giugno 6:50:pm

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Severgnini ricorda l'amico Nicolini: 'Nonostante tutto sarà un Festival meraviglioso. E noi italiani siamo meglio di ieri'

Mantova Festivaletteratura Severgnini-ScansaniMANTOVA, 9 set. - In una piazza Castello esaurita, anche se con capienza ridotta a causa dell'emergenza covid-19, è tornato al Festivaletteratura il popolare e amato scrittore/giornalista Beppe Severgnini.

E non poteva iniziare con un ricordo all'amico Luca Nicolini, tra i fondatori della manifestazione: "Luca era un amico, e nonostante tutto questo sarà un festival bellissimo. Solo il fatto di averlo organizzato è ammirevole, un capolavoro".

"Sorprenderemo tutti", scriveva Severgnini lo scorso marzo in un editoriale del Corriere della Sera. Questi ultimi mesi così strani, difficili e spesso tragici hanno messo in luce, e portato talvolta agli estremi, molti aspetti positivi e negativi del vivere in Italia, in una sorta di "altalena emotiva" che ha saputo farci riscoprire l'orgoglio del coraggio ritrovato e di una battaglia apparentemente vinta contro taluni stereotipi sul popolo dello Stivale. Motivo per gioire del sentirsi italiani e continuare ad amare questa nazione nonostante tutto.

Di motivi, però, Severgnini ne ha raccolti molti altri, nei lunghi anni di viaggi e incontri e confronti e – insieme al giornalista Stefano Scansani – ne ha riproposti al pubblico presentando il suo ultimo libro/catalogo (Neoitaliani) che funziona come antidoto contro i momenti di sconforto.

"Cento motivi che parlano di noi, di cosa siamo stati e di cosa continuiamo a essere agli occhi del mondo" dice Servegnigni parlando del suo lavoro.

"Sono passati 15 anni dal libro 'La testa degli italiani', cosa è cambiato ?" incalza Scansani. "Sono cambiato io, è cambiato il mondo e sono cambiati anche gli italiani. Pensate al 1918, alla prima pandemia. Ne sono cambiate di cose. Ed è per questo che è difficile e ritrarre il cambiamento del paese" risponde Severgnini. "Ma il lockdown mi ha spinto e convinto a scrivere un libro sugli italiani. E sono convinto della sua utilità" prosegue.

"Volevo essere qui a Mantova a presentare il mio libro con la pandemia alle spalle, ma purtroppo non è stato così. Viviamo ancora questo difficile momento. Ho viaggiato tanto, e vissuto in molti paesi, ma l'Italia è un paese strepitoso anche con tutti i difetti che ha". "Pensate agli Stati Uniti, alla Francia, alla Gran Bretagna, alla Spagna, e quindi al razzismo, al separatismo, alle proteste a come è stato affrontata la pandemia: a conti fatti siamo un paese migliore di quello che pensiamo".

"Il problema in Italia è che abbiamo elevato il lamento ad arte" sentenzia Severgnini raccogliendo molti applausi.

A questo Scansani chiede: "Sei sicuro che sia possibile scattare una fotografia cosi ottimistica del cambiamento degli italiani ? E i problemi tra nord e sud ? il razzismo ?". "Io nei miei libri cerco sempre un minimo comune denominatore. E questo aiuta ad essere equi. Il sud è stato il nostro grande fallimento e la questione meridionale non è mai stata risolta: ma questo non può cancellare il fatto che la nazione sia più coesa e che i rapporti siano migliorati".

"Usciremo da questa stagione più sicuri, più coesi e più reattivi" prosegue Scansani citando una frase del libro "Su che basi hai avuto questa previsione ?". "Si poteva andare avanti o indietro e noi siamo andati avanti. In passato abbiamo perso competenza e altruismo. Oggi invece siamo stati salvati dalla competenza della scienza e dall'altruismo delle persone. Durante il lockdown siamo stati i migliori al mondo, e a mio avviso qualcosa abbiamo imparato" risponde Beppe Severgnini.

In conclusione il giornalista legge alcune righe del suo libro: un toccante ricordo di Luca Nicolini, la persona che "ha creato il Festivaletteratura più bello d'Europa". Il pubblico gradisce e si alza applaudendo.

(st)

----

Scaricate, consultate e stampate gratuitamente Speciale Festivaletteratura firmato L'Altra Mantova. La versione cartacea sarà reperibile nei principali punti di interesse del Festivaletteratura.

 


Ultime dal Festival

14 Set, 2020

La burocrazia è un iperoggetto che vagheggia su di noi. La storia dell’apparato pubblico raccontata da De Masi

MANTOVA, 14 set. – I giudizi sulla burocrazia italiana sono, da…
14 Set, 2020

Sparwasser e il gol che scosse l'Ovest

MANTOVA, 14 set. - Mondiale di calcio del 1974, Germania…
13 Set, 2020

Le ragioni storiche e culturali dell'antifascismo spiegate da Carlo Greppi

MANTOVA, 13 set. - È il docente mantovano ed esperto di cultura…
13 Set, 2020

Di migranti e terre promesse, Riva e Agus ne parlano al Festival

MANTOVA, 13 set. - Scrittori a confronto: Gigi Riva e Milena…
13 Set, 2020

Patrizio Roversi con Boscardin e Raffaelli: 'Il cibo è una ricchezza, storica, culturale ed etica'

MANTOVA, 13 set. - Coratella, trippa, lingua, lampredotto:…

AIUTA L'Altra Mantova

Da giorni stiamo lavorando senza sosta e tra mille difficoltà per garantire un'informazione aggiornata e sempre precisa sull'emergenza covid-19.
Abbiamo bisogno del vostro sostegno. Un piccolo contributo che per noi è molto importante.
Grazie

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information