Dati della Camera di Commercio per il secondo trimestre 2021: crescita dello 0,5% del numero di imprese mantovane

  • Stampa

Mantova PalazzoCameradiCommercio1 CarloAndreaniMANTOVA, 24 lug. - I dati sulla natimortalità delle imprese, in provincia di Mantova, elaborati dal Servizio Informazione e Promozione Economica della Camera di Commercio di Mantova, mostrano per il secondo trimestre dell'anno un bilancio tra aperture e chiusure in territorio positivo, con un aumento di +181 unità, contro le +56 del 2020.

La consistenza del Registro Imprese si porta quindi a 38.477 aziende registrate a fine giugno. Il tasso di crescita pari al +0,5% risulta di poco inferiore sia a quello regionale (+0,8%) sia a quello nazionale (+0,7%).

A livello territoriale ognuna delle province lombarde e limitrofe registra un tasso di sviluppo positivo. Nella classifica regionale Mantova si colloca in terz'ultima posizione, seguita solo da Pavia e Lecco; ai vertici troviamo, invece, Como, Milano e Monza Brianza.

Considerando le forme giuridiche, continuano a mostrare valori in crescita le società di capitali (+0,8%) e le imprese individuali (+0,6%). Le società di persona vedono una sostanziale stabilità, mentre le "altre forme" (cooperative e consorzi) registrano un calo del -0,1%.

L'analisi delle attività economiche della nostra provincia evidenzia una contrazione per le attività manifatturiere (-0,8%), le costruzioni (-2,5%), il trasporto e magazzinaggio (-0,6%) e i servizi di alloggio e ristorazione (-0,3%). Mostrano, al contrario, un trend positivo le attività professionali, scientifiche e tecniche (+2,1%), i servizi di supporto alle imprese (+0,8%), le attività finanziarie e assicurative (+0,5%), le attività immobiliari (+0,4%), i servizi di informazione e comunicazione (+0,2%), le altre attività dei servizi (+0,4%) e le attività artistiche, sportive e di divertimento (+0,5%).

Sostanziale stabilità emerge invece per l'agricoltura, il commercio, l'istruzione e la sanità e assistenza sociale. Il comparto artigianale, che rappresenta un terzo del totale delle imprese iscritte alla Camera di Commercio, tra aprile e giugno mostra anch'esso un saldo positivo tra aperture e chiusure di +47 unità, determinando una ripresa del +0,4%; a livello regionale e nazionale si registra un +0,6%.

Nel dettaglio dei settori nei quali opera l'artigianato mantovano, che alla fine del secondo trimestre 2021 conta 10.721 imprese, si evidenziano contrazioni per le attività manifatturiere (-1,1%), le costruzioni (-3,3%), la riparazione di veicoli e motocicli (-0,3%), il trasporto e magazzinaggio (-1,7%) e i servizi di supporto alle imprese (-0,5%). Risultano in ripresa, invece l'agricoltura (+1,1%), le attività legate alla trasformazione alimentare (gelaterie, gastronomie, pizzerie, ecc.) (+1,6%), i servizi di informazione e comunicazione (+1,4%), le attività professionali, scientifiche e tecniche (+1,3%) e le altre attività dei servizi (+0,2%). Sostanziale stabilità per attività immobiliari e attività artistiche, sportive e di intrattenimento.


Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information