Camionista manomette dispositivo anti inquinamento, ma la Polizia Stradale scopre la truffa

  • Stampa

PoliziaStatale Volante13MANTOVA, 15 giu. - Nei giorni scorsi, gli Agenti della Polizia Stradale del Distaccamento di Ostiglia, durante i consueti controlli alla circolazione stradale in particolar modo rivolti ai veicoli pesanti, hanno scoperto un emulatore di AdBlue installato su un autoarticolato fermato poco prima in località Valdaro.

Gli Agenti, insospettiti dalla mancanza di un fusibile all'interno del vano dedicato al sistema che regola l'utilizzo di AdBlue e dei dispositivi antinquinamento del veicolo, hanno deciso di far trasferire il mezzo presso un'Officina specializzata per procedere ad un accurato controllo meccanico.

A seguito di detto controllo, veniva rinvenuto a bordo dell'autoarticolato un dispositivo elettronico in grado di emulare, bypassando la centralina predisposta al corretto utilizzo, l'uso di AdBlue ottenendo in questo modo un evidente vantaggio economico a scapito di un maggiore inquinamento ambientale.

Per tali motivi, gli Agenti della Polizia Stradale, procedevano al sequestro dell'apparecchio elettronico, al ritiro della carta di circolazione con contestuale fermo amministrativo del mezzo, nonché a sanzionare il conducente per un importo di € 430.


Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information