Assunzione rider, Nidil Cgil Mantova spinge per inquadramento in CCNL già esistente. Un centinaio i mantovani interessati

  • Stampa

CGIL Manifestazione1MANTOVA, 28 feb. - Anche i riders, un centinaio nel mantovano, cominciano a intravedere qualche raggio di luce fra le nuvole della precarietà e dell'incertezza, anche di diritti e tutele, che ha caratterizzato fino ad oggi il loro importante lavoro di consegne a domicilio per colossi del food delivery.

A tracciare la rotta JustEat che ha deciso di procedere con 3mila assunzioni di rider entro il 2021 e 50 già entro fine marzo.

La subordinazione diverrà l'unica metodologia di assunzione, ma ora il confronto con i Sindacati è aperto sulla tipologia di contratto in cui questi lavoratori dovranno essere inquadrati. Lo scorso 18 febbraio Cgil ha incontrato i vertici di Just Eat per proseguire il confronto soprattutto sull'ultimo tema accennato. Si sta discutendo fra l'applicazione di un CCNL già esistente, la logistica e i trasporti ad esempio, e la possibilità di adottare un regolamento aziendale applicando solo i minimi contrattuali. Un nodo non ancora sciolto, ma di fondamentale importanza.

"Per quanto ci riguarda - spiega Elena Turchi, coordinatrice provinciale di Nidil Cgil Mantova - sosteniamo l'applicazione per i rider di un CCNL già esistente, come logistica e trasporti, che garantirebbe ai rider maggiori tutele, diritti e certezze. In particolare, come Nidil Cgil stiamo spingendo per l'applicazione di un CCNL esistente per poi di aprire una contrattazione per contemperare diritti e tutele per i lavoratori con la necessaria flessibilità e il fisiologico incremento dei costi derivante dal passaggio della totalità dei rapporti di lavoro da 'autonomi' a 'subordinati'".

in attesa di comprendere il quadro più complessivo delle scelte della Azienda, le condizioni di assunzione che verranno proposte ai primi rider che, a partire dal mese di marzo lavoreranno con il modello Scoober (a Monza), saranno condizioni che JustEat TakeAway proporrà unilateralmente, a partire dalla paga oraria di 7,50 euro, peraltro già formalmente comunicata agli organi di stampa anche dopo l'incontro precedente.

"A fronte di una decisione che non possiamo che apprezzare - precisa Elena Turchi - perché vedrà riconoscere ai lavoratori di Just Eat tutti i diritti tipici della subordinazione, rimane aperta una riflessione da parte aziendale sulle modalità con cui approdare a questo nuovo modello di organizzazione del lavoro".

E a rafforzare la posizione e le richieste del Sindacato anche l'indagine della Procura di Milano che l'altro giorno ha inviato verbali a società del settore (Uber Eats, Glovo, JustEat e Deliveroo) in cui si impone l'assunzione di circa 60.000 collaboratori in tutta Italia.

Info e contatti:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; 3421232935


Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information