Asola, alcolizzato e violento 22enne per anni tiene in scacco la famiglia che lo denuncia: arrestato

  • Stampa

Carabinieri12ASOLA, 30 nov. - Maltrattamenti in famiglia, estorsione, lesioni personali e danneggiamento commessi nei confronti dei propri familiari dal 2017 a oggi. Con questa accuse, a seguito di accurate indagini svolte dai Carabinieri, un ragazzo di 22 anni è stato arrestato nel pomeriggio del 28 novembre a seguito di un ordine di custodia cautelare in carcere emesso dal Tribunale di Mantova a suo carico.

Una storia di violenza familiare durata anni che andava avanti da molti anni ma che le vittime, i familiari del 22enne, hanno trovato il coraggio di denunciare i Carabinieri nel 2017.

Ai militari raccontano delle continue violenze subite da parte del figlio che, oltre a non far nulla tutto il giorno e a non cercare un lavoro, a un certo punto inizia a pretendere soldi dai familiari i quali si trovavano già in difficii condizioni economiche a causa del licenziamento del capo famiglia. Ma l'escalation di volenze del figlio non si placa, anzi peggiora.

Il ragazzo inizia a uscire spesso e a rincasare ubriaco a tarda notte, prendendo a calci tutto ciò che si trovava davanti. Costantemente ala ricerca di alcol e superalcolici, ormai era precipitato nel vortice della dipendenza. E voleva soldi dai genitori per comprarsi da bere. A un certo punto i familiari l'hanno denunciato e lui se n'è andato in Germania a cercare la voro, ma anche lì l'alcol ha il sopravvento e gli fa perdere il posto di lavoro che aveva trovato.

Torna a casa e i genitori lo accolgono nella speranza, forse, di una sua redenzione che, però, non si è affatto verificata. Anzi, una sera di qualche settimana fa la famiglia è stata costratta a chiamare il 112 poiché il figlio era rientrato a casa ubriaco e violento. Il suo stato di agitazione aveva spaventato anche i bambini presenti in casa.

Una volta arrivati, i Carabinieri hanno riportato la calma e hanno inviato una relazione sui fatti accaduti all'Autorità Giudiziaria di Mantova che ha inoltrato al Gip la richiesta di misura cautelare in carcere. Il 22enne, nel frattempo, si era dileguato ma è stato ritrovato nel pomeriggio del 28 novembre nei pressi della stazione di Asola dove è stato bloccato dai Carabinieri che gli hanno notificato il provvedimento di custodia cautelare in carcere.

(am)


Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information