Mantova, fissato al 23 settembre il termine per la concessione in deroga dei plateatici alle attività di ristorazione

  • Stampa

Mantova Coronavirus CentroStorico-18Maggio1MANTOVA, 08 lug. - E' stata fissata al 23 settembre la fine dei plateatici concessi in deroga dal Comune a sostegno alle attività di ristorazione. L'accordo è stato trovato questa mattina dopo un incontro fra l'amministrazione comunale e i rappresentanti dei commercianti che potranno beneficiare degli spazi per l'intera estate.

All'incontro il Comune era rappresentato dal Sindaco Mattia Palazzi e dagli assessori Iacopo Rebecchi e Giovanni Buvoli affiancati dal dirigente dello Sportello Unico Stefania Galli, mentre i rappresentanti delle associazioni di categoria erano rappresentati da Giampietro Ferri presidente Fipe Confcommercio, Davide Cornacchia direttore di Confesercenti e Francesca Chizzolini, direttore di Confartigianato.

Oggetto dell'incontro, come detto,  la data di scadenza dei plateatici concessi in deroga a sostegno alle attività di ristorazione e del conseguente ritorno alla situazione di normalità con i plateatici già autorizzati in epoca pre-covid.

Il confronto tra Amministrazione e Associazioni è stato positivo, all'insegna di una fattiva collaborazione e ha visto la piena condivisione della data di stop ai plateatici in deroga prevista per il 23 settembre, data nella quale con la rimozione di questi plateatici l'Amministrazione ha espresso l'intenzione di tornare, per la prima volta dall'entrata in vigore delle restrizioni anti covid, al mercato del giovedì nella forma originale pre-covid.

La misura attuata dall'Amministrazione ha visto concedere a numerose attività, grazie ad una forte semplificazione delle consuete procedure, la possibilità di ampliare un plateatico già autorizzato o di ottenerne uno dove non presente.

Le disposizioni nazionali anti covid infatti non permettevano di utilizzare gli spazi interni inibendo così a molte attività la possibilità di operare e ad altre la possibilità di integrare l'offerta esterna con quella interna. L'iniziativa ha dunque permesso a molti esercenti di ripartire e di potenziare la propria offerta al pubblico.

Tale misura ha da un lato rappresentato un significativo sostegno al settore ma dall'altro ha richiesto un sacrificio importante da parte dei cittadini residenti in termini di posti auto persi, perché destinati agli ampliamenti dei plateatici e a quelli nuovi, e in termini di costi per l'Amministrazione, essendo stati temporaneamente eliminati anche molti posti auto a pagamento.

Con il passaggio in zona bianca e con il prossimo venir meno della fase di emergenza nazionale, l'Amministrazione ha comunicato l'intenzione di compiere un passo avanti verso la normalità, recuperando la situazione pre-covid anche sul fronte dei plateatici, con lo smantellamento di quelli in deroga, essendo ora possibile utilizzare gli ambienti interni, ma naturalmente mantenendo tutti quelli autorizzati prima della misura.

"Così come è stato giusto intervenire con tempestività per aiutare il tessuto economico cittadino nel momento più acuto dell'emergenza, - ha dichiarato il Vicesindaco Giovanni Buvoli - è altrettanto giusto ora iniziare a ripristinare una situazione di normalità che vedrà inoltre il ritorno del mercato del giovedì nella sua formazione pre-covid''.

"Abbiamo concesso velocemente i plateatici in deroga per le attività che avevano necessità di ripartire dopo il lockdown. – ha ricordato l'Assessore Iacopo Rebecchi - Nonostante da giugno si possa consumare all'interno abbiamo deciso di aiutare le attività con le deroghe fino alla fine dell'estate. Dopo il 23 settembre e con l'inizio della stagione autunnale riteniamo che si debba tornare alla normalità, ridurre i plateatici e riassegnare a parcheggio quegli stalli oggi assegnati in deroga a plateatico. Crediamo che questa decisione rappresenti un giusto equilibrio tra esigenze delle attività ed esigenze di parcheggio dei residenti".

"Il nostro giudizio è positivo - afferma il vicepresidente di Confcommercio e rappresentante delle imprese mantovane della ristorazione Giampietro Ferri - sia per la collocazione della scadenza dei plateatici temporanei a fine estate, che consente quindi a bar e ristoranti di sfruttare a pieno questa inedita opportunità, sia per il ritorno dell'assetto originario del mercato, con il ripristino dei posteggi ambulanti nella loro consueta posizione. Decisioni da noi fortemente sollecitate, e accolte dall'Amministrazione che ha dimostrato attenzione e flessibilità, che agevolano i nostri imprenditori".

"Apprezziamo molto la proroga al 23 settembre per i plateatici, il termine coincide con la fine della stagione estiva e può permettere alla gente e alle imprese di poter fruire anche degli spazi esterni nella bella stagione. – ha dichiarato il direttore di Confesercenti Davide Cornacchia - Mentre con il termine dello stato di emergenza al 31 luglio crediamo si debba rivedere la posizione sul mercato e un ripristino in convivenza come prima nelle posizioni originarie. Per queste ci attendiamo un incontro a breve".


Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information