Inflazione, Brunetta: 'Azzeramento Iva sui beni di prima necessità'

  • Stampa

Acquisti Market4ROMA, 15 lug. – Il ministro per la Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, ha ribadito l'idea di un azzeramento dell'Iva sui beni di prima necessità.

"Per le famiglie a basso reddito, a causa dell'inflazione, il carrello al supermercato rischia di restringersi" aveva detto Brunetta, intervenendo al nono Congresso nazionale del Siulp.

"Sto lavorando, assieme al ministro dell'Economia, a una serie di interventi per lasciare intatto quel carrello: l'idea è utilizzare l'extragettito Iva legato all'aumento generalizzato dei prezzi per azzerare l'imposta sui prodotti di prima necessità e largo consumo, in modo che le famiglie a basso reddito non debbano subire gli effetti negativi dell'inflazione".

Allo stesso modo, "puntiamo all'ampliamento dei fringe benefit, agevolando gli accordi aziendali in tal senso e la partecipazione dei datori di lavoro alla difesa del potere d'acquisto dei dipendenti, che così potrebbero avere una sorta di bonus incrementale oltre al bonus di 200 euro che eroga lo Stato. Stiamo lavorando a tutto questo. Sono i provvedimenti in campo tra fine luglio e fine settembre per contrastare l'inflazione, per difendere il potere d'acquisto, per garantire la coesione sociale che voi, come poliziotti, preservate ogni giorno nelle città, nei quartieri, nei vostri luoghi di lavoro, come 'volti della Repubblica'. Senza retorica, il vostro è un bellissimo mestiere, da una parte sola: dalla parte della gente", ha concluso.

(askanews)


Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information