1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Giovedi, 16 Settembre 12:41:pm

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Pandemia, microbiologo Crisanti: 'L'epidemia poteva essere fermata, politici inadeguati'

Italia Coronavirus Tampone2MILANO, 28 lug. – "Se ripenso ai tanti passaggi che si sono succeduti dall'inizio, da febbraio del 2020 ad oggi, emerge chiaramente che avevamo la possibilità di fermare e di bloccare l'epidemia sul nascere e non l'abbiamo fatto. Si potevano prendere misure più efficaci e più tempestive, questo è sicuro" ha ribadito il microbiologo padovano Andrea Crisanti.

"Se devo individuare un momento veramente cruciale – ha raccontato Crisanti al festival di Giffoni – è stato quando abbiamo avuto la notizia dei primi casi in Veneto. Ricordo che stavo per andare a un congresso in Australia. Tutto quello che avevo imparato nella mia vita scientifica, tutte le esperienze maturate nel controllo delle malattie improvvisamente si sono come fuse insieme".

"È stato un momento di una creatività esplosiva. Ricordo che il 15 marzo, quindi a poche settimane dai primi casi, abbiamo realizzato degli studi che poi sono serviti per capire la dinamica di trasmissione dell'epidemia e sono stati utilizzati come paradigma per numerosi Paesi, purtroppo non in Italia, per contrastare il contagio. Abbiamo mobilizzato tutte le risorse a disposizione ed è stato incredibile vedere la volontà, la dedizione, l'entusiasmo di contribuire e fare qualcosa di utile".

"Tutto questo – ha aggiunto Crisanti – si è scontrato con l'incapacità della classe politica di recepire tempestivamente questi messaggi. Questo è stato molto frustrante. Ho avuto modo di constatare come in centri decisionali importantissimi sono state selezionate persone non adeguate. Venendo da un posto come l'Inghilterra, mi è sembrato di sbarcare su Marte. Abbiamo assistito a decisioni prese per piccoli interessi di parte, senza avere minimamente a riferimento il bene comune. Il 3 febbraio 2020, venti giorni prima dei primi casi, l'Università di Padova aveva messo a disposizione degli studenti che venivano dalla Cina la possibilità del test ed abbiamo iniziato a testare alcune persone. La notizia è stata recepita dalla comunità cinese che aveva chiesto di essere interamente monitorata. Questa cosa è trapelata sui giornali e la Regione Veneto ce l'ha impedito. Alla luce di quello che è accaduto dopo, con la scoperta degli asintomatici, con la presenza di persone infette individuate sugli aerei, questa cosa avrebbe potuto cambiare il corso dell'epidemia".

(askanews)


Ultimi Articoli

16 Set, 2021

Corea del Nord, lanciati due missili balistici nel mar del Giappone

PYONGYANG, 16 set. – La Corea del Nord prosegue i suoi test…
16 Set, 2021

Completamento ponticello sul canale Degana - Loiolone, da lunedì interrotta la Sp 57 a Marcaria

MARCARIA, 16 set. - Chiusura temporanea al traffico della SP 57…
16 Set, 2021

Basket, Supercoppa serie A2: la Staff espugna il campo di Orzinuovi

ORZINUOVI, 16 set. - Dopo la sonora sconfitta subita contro…
16 Set, 2021

Sessualità, in pandemia impoverimento di esperienze per i giovani che sono più disinformati e soli

ROMA, 16 set. – Oltre un anno di restrizioni necessarie a…
16 Set, 2021

UE, Von der Leyen: 'Abbiamo bisogno di un sistema europeo di Difesa'

BRUXELLES, 16 set. – Per la presidente del Parlamento europeo,…

AIUTA L'Altra Mantova

Da giorni stiamo lavorando senza sosta e tra mille difficoltà per garantire un'informazione aggiornata e sempre precisa sull'emergenza covid-19.
Abbiamo bisogno del vostro sostegno. Un piccolo contributo che per noi è molto importante.
Grazie

Partner

OficinaOCM2 Dedicated
IlNotturno1 Dedicated

Sport media

Calcio Mantova1911 1
Basket Sting1

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information