1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Venerdi, 24 Settembre 11:40:pm

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Green pass, Landini boccia la proposta di Confindustria: 'Non spetta a loro decidere chi lavora'

LandiniMaurizio2ROMA, 22 lug. – "Spero che sia il caldo" ha dichiarato il segretario della Cgil Maurizio Landini commentando la proposta di Confindustria di vietare l'ingresso in azienda ai non vaccinati e di sospenderli dallo stipendio.

La proposta era contenuta in una mail interna e doveva rimanere riservata ma ieri è stata rivelata dal quotidiano Il Tempo.

"Un forzatura", la definisce Landini. "In questo anno di pandemia i lavoratori sono sempre andati in fabbrica in sicurezza. Rispettando i protocolli e le norme di distanziamento. Non sono le aziende che devono stabilire chi entra e chi esce. Una scelta di questo tipo la può compiere solo il governo. I lavoratori sono stati i primi, durante la pandemia, a chiedere sicurezza arrivando addirittura allo sciopero per ottenerla. Io mi sono vaccinato e sono perché tutti si vaccinino. Ma qui, diciamolo, siamo di fronte a una forzatura. Non va mai dimenticato che i lavoratori sono cittadini e hanno i diritti e i doveri di tutti i cittadini. Confindustria, piuttosto, si preoccupi di far rispettare gli accordi contro i licenziamenti".

"Siamo di fronte ad aziende che chiudono lo stabilimento italiano e proseguono la produzione altrove. In alcuni casi rifiutandosi, com'è accaduto nei giorni scorsi, di discutere con il governo e le istituzioni", osserva Landini. Come impedirlo? "Sottolineando che questi sono atteggiamenti che vanno contro le istituzioni italiane. Alle quali spetta il compito di tutelare il lavoro e il nostro tessuto produttivo. Serve una politica industriale che promuova investimenti in Italia e che faccia tornare qui il lavoro precedentemente delocalizzato".

"Non è sovranismo. E' mettere al centro il lavoro in Italia. E questo è vero soprattutto oggi, nel cuore di una trasformazione profonda del nostro sistema industriale ed economico. Ci sono nuovi prodotti per un nuovo modo di vivere. Ad esempio gli autobus elettrici, i treni a idrogeno dovremo comperarli all'estero o potremo produrli noi e venderli anche agli altri Paesi?", aggiunge il segretario della Cgil che teme un autunno difficile per il lavoro: "Lo sarà se non interverremo presto".

(askanews)


Ultimi Articoli

24 Set, 2021

Quistello, a spasso con due coltelli di 27 e 21 cm: denunciato

QUISTELLO, 24 set. - Nella giornata del 23 settembre 2021,…
24 Set, 2021

Coronavirus, oggi 3.797 casi e 52 decessi. Prosegue il calo dell'Rt al 0,82

ROMA, 24 set. - In Italia sono 3.797 i nuovi casi di Covid-19…
24 Set, 2021

Patologie renali e rischio oncologico, incontri di sensibilizzazione con gli esperti di ASST Mantova

MANTOVA, 24 set. - Sensibilizzare, migliorare le conoscenze…
24 Set, 2021

Truffe online, i Carabinieri di Viadana denunciano 5 persone

VIADANA, 24 set. - Nei scorsi giorni i Carabinieri della…
24 Set, 2021

Turismo, in Italia a ottobre prenotazioni di voli al +101%

MILANO, 24 set. – In base alle ultimi analisi di Sojer, le…

AIUTA L'Altra Mantova

Da giorni stiamo lavorando senza sosta e tra mille difficoltĂ  per garantire un'informazione aggiornata e sempre precisa sull'emergenza covid-19.
Abbiamo bisogno del vostro sostegno. Un piccolo contributo che per noi è molto importante.
Grazie

Gruppo Zurich - Carra Assicurazioni

Partner

OficinaOCM2 Dedicated
IlNotturno1 Dedicated

Sport media

Calcio Mantova1911 1
Basket Sting1

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information