Pandemia, la Sardegna anticipa il green pass: niente tampone per chi arriva

  • Stampa

Italia Coronavirus GreenPass3CAGLIARI, 18 giu. – In Sardegna niente più obbligo di tampone per chi arriva: all'ingresso nell'Isola non ci saranno più tamponi a tappeto per i passeggeri.

Serviranno vaccino o test negativo eseguito non più di 48 ore prima.

La scelta del governatore Christian Solinas precede di due settimane l'entrata in vigore del green pass europeo ma è anche un'apertura al turismo. Solinas inoltre non ha prorogato l'ordinanza adottata due settimane fa, in occasione delle riaperture in concomitanza con il ritorno in zona bianca. Un provvedimento, quest'ultimo, molto contestato soprattutto dai gestori di ristoranti e bar a causa di alcune prescrizioni molto difficili da far rispettare: su tutte, la capienza nei locali calcolata in base ai metri cubi d'aria per persona.

Sono scadute dunque le ordinanze con cui il presidente della Sardegna, Christian Solinas, dal 28 maggio scorso aveva stabilito o confermato alcune regole per gli arrivi in Regione. Le misure restrittive anti-Covid regionali non sono state prorogate e dunque si applicano le norme nazionali previste per le regioni in zona bianca.

Cadono, quindi, l'obbligo di registrazione sul sito della Regione o sull'app 'Sardegna sicura' prima dell'imbarco per i passeggeri diretti in Sardegna e quello di sottoporsi a tampone secondo le precedenti indicazioni. Dal 28 maggio erano stati revocati anche i controlli in porti e aeroporti affidati dal 22 marzo al Corpo forestale regionale.

(askanews)


Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information