Pubblica Amministrazione, Brunetta: 'Manteniamo lo smart working. Tolto obbligo al 50%'

  • Stampa

BrunettaRenato3ROMA, 05 mag. – "Ho tolto il vincolo dell'obbligatorietà della soglia minima del 50% dello smart working nella Pubblica amministrazione, che era stata introdotta nel passaggio dal lockdown all'emergenza" ha ribadito Renato Brunetta, intervenendo martedì all'evento online "Il cambiamento della Pa" promosso dal Dipartimento di Scienze sociali e politiche dell'Università Bocconi.

"Con il processo di riapertura, con le vaccinazioni e con la pandemia che si spera calante, si è ritenuto in sede di governo di dare un segnale alle amministrazioni per accompagnare il percorso di riapertura" ha detto poi il ministro per la Pubblica amministrazione.

"Saranno le amministrazioni a decidere in progress fino a fine anno come organizzare il lavoro negli uffici stabilendo il numero di dipendenti da collocare in smart working in ragione di tre parametri: produttività, efficienza e customer satisfaction". "Non si uccide affatto lo smart working", ha chiarito il ministro.

"Lo si libera e si lascia il massimo dell'autonomia organizzativa agli uffici. Ricordando sempre che la Pa non esiste in sé per dare uno stipendio a 3,2 milioni di dipendenti pubblici, ma esiste per fornire servizi a 60 milioni di italiani. La risposta è finora molto positiva. Gli uffici intelligentemente si stanno riorganizzando avendo come faro la soddisfazione di cittadini e imprese".

(askanews)


Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information