1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Lunedi, 15 Luglio 10:59:pm

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Agenzia Immobiliare Domus

SocietĂ  della Musica, sabato tocca alla Camerata RCO

CamerataRCO1MANTOVA, 08 mag. - Sabato 11 maggio alle ore 20.45, presso l'Auditorium Monteverdi di via Conciliazione, avrĂ  luogo per SocietĂ  della Musica l'attesissimo concerto della Camerata RCO, ensemble strumentale composto dai musicisti della Royal Concertgebouw Orchestra di Amsterdam, tra le piĂą prestigiose compagini orchestrali a livello mondiale.

A Mantova si esibirà il sestetto d'archi formato da Marc Daniel van Biemen, Annabeth Webb (violino), Santa Vizine, Vilem Kijonka (viola), Maartje-Maria den Herder e Clément Peigne (violoncello), i quali attraverso i loro strumenti dialogheranno su musiche di P.I. Tschaikovsky - con il celeberrimo Souvenir de Florence – a A. Dvorak (Sestetto per archi op. 48).

Il 20 novembre 1878 Tschaikovsky giunse per la prima volta a Firenze, dove in seguito tornò spesso: qui nacquero o furono ideati alcuni suoi capolavori e alla città egli dedicò un sestetto per archi che intitolò Souvenir de Florence. Tschaikovsky doveva riconoscersi "italiano" nell'uso della melodia ed il Souvenir ne è la riprova, per quanto la melodia sia tipicamente russa già dal primo movimento, il cui tema iniziale è di stampo folkloristico. Nell'Adagio cantabile dominano il primo violino e il primo violoncello, che si abbandonano ad un vero e proprio duetto, accompagnato dai pizzicati degli altri strumenti e ripreso dopo una breve e nervosa sezione centrale. L'Allegretto sfrutta il registro grave della viola e contiene un trio che ricorda da vicino le danze esotiche dello Schiaccianoci. Di nuovo un tema russo apre l'ultimo tempo, ricco di sorprendenti episodi. Ma il sapore "italiano" di quest'opera risiede al di là di tutto nel fatto che il souvenir è il ricordo dei giorni felici, ricchi di fermenti creativi, che Čiaikovskij aveva passato proprio a Firenze.

Il 1878 fu anche l'anno di composizione del Sestetto op. 48 di Antonin Dvorak, ricco di reminiscenze della musica boema, specialmente nel secondo movimento, una Dumka (elegia), articolata in varie sezioni: una malinconica polka cui segue uno struggente episodio di sapore zigano e poi una ninna-nanna, che sfocia nuovamente nella polka iniziale, sebbene il movimento sia concluso da una mesta coda. Il terzo movimento, un vivacissimo scherzo, porta anch'esso il titolo di una danza popolare ceca (Furiant).

INGRESSO POSTO UNICO EURO 10,00

GIOVANI UNDER 25 EURO 2,00

PRENOTAZIONE CONSIGLIATA TEL. 0376/355566 (da lunedì a sabato – dalle 10 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18)

Powered by Bullraider.com


AgenziaImmobiliareDomus Dedicated1
NaturaSì Mantova1 Dedicated
Segni2019 DedicatedB
APAM1 Dedicated
CinemasalediMantova1
RubricaOnline1

Staff - Agenzia per il lavoro

Ultim'ora

Pubblicita1

Ultimi Articoli

15 Lug, 2019

Tasse, pressione fiscale al 48%

ROMA, 15 lug. – In base ai dati dell'l'ufficio studi della Cgia…
15 Lug, 2019

Asfaltatura in via Frattini, modifiche alla viabilità fino a mercoledì. Oggi inaugura la ciclabile di Pompilio

MANTOVA, 15 lug. - Da lunedì 15 a mercoledì 17 luglio compreso è…
15 Lug, 2019

MobilitĂ  Elettrica, Enel X estende il suo progetto con oltre 800 punti ricarica in tutta Europa

ROMA, 15 lug. – Enel X estende il progetto di mobilitĂ  elettrica…
15 Lug, 2019

Cibo, musica e il mondo fuori: Alpitour con Sony per una nuova filosofia di vacanza organizzata

MILANO, 15 lug. – Alpitour è stata partner di Sony Music nel…

Partner

Ocm Musicalmente2
IlNotturno1

CineCity Mantova

Sport media

Calcio Mantova1911 1
Calcio MantovaFC MantovaBiancorossa1
Basket Sting1
CalcioA5 Mantova1

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information