1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Giovedi, 20 Giugno 11:48:am

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Festa d'Estate

Pamela Villoresi, parole e musica per raccontare Eleonora Duse

VilloresiPamela1MANTOVA, 28 mar. - Venerdì 29 marzo alle ore 20.45 l'Auditorium Monteverdi di via Conciliazione ospiterà per Società della Musica uno spettacolo molto particolare, dedicato alla memoria della grande Eleonora Duse in un dialogo tra musica e parola. "La musica dell'anima - Ritratto di Eleonora Duse tra le note della sua epoca" sarà un viaggio nel tempo e nell'arte, in cui saremo condotti dalla grande attrice italiana Pamela Villoresi, accompagnata al pianoforte dal M° Marco Scolastra.

Abbiamo fatto una breve e interessantissima chiacchierata con Pamela Villoresi, i cui racconti ci introducono all'evento.

Questo spettacolo si presenta come un intreccio tra parola, gesto teatrale e musica: si può forse intravedere nella figura di Eleonora Duse un richiamo alla wagneriana opera d'arte totale?
In effetti Eleonora Duse parlava molto di Wagner, affermando che egli "con la sua musica mi conduce sul bordo di abissi sui quali è molto difficile con la sola parola planare". Dunque aveva coscienza del fatto che la recitazione ha molte più difficoltà di arrivare direttamente al cuore della gente, rispetto alla musica, che per questo lei ha molto amato. Credo pertanto che uno spettacolo che parli di lei, che parta dal suo diario, sia assolutamente appropriato se strutturato in relazione ai suoi pezzi dell'anima, che l'hanno accompagnata tutta la vita, da Rossini dell'infanzia, a Beethoven di cui si portava sempre un busto nelle camere d'albergo, a Chopin, a Boito che è stato il suo amante e Wagner che ha conosciuto – per finire proprio con autori assolutamente più contemporanei come Gershwin e Cage, cosa che dimostra quanto Eleonora sia stata una donna con una visione volta sempre verso il futuro. La sua vita è stata impregnata di musica anche se, come dice lei stessa, al suo tempo per ascoltare la musica bisognava suonarla o recarsi dove veniva suonata. Un pochino più complicato rispetto alle possibilità che abbiamo ora.

Questo viaggio ci porta oltreoceano, partendo da Rossini e Luciano De Crescenzo per arrivare a Gershwin e John Cage, passando per la Russia di Prokofiev. Come riesce la parola teatrale a travalicare i confini linguistici, "ostacolo" da cui la musica è in un certo senso esente?
Ero presente quando Giorgio Strehler e Jack Lang fondarono l'Unione dei Teatri Europei e per 20 anni della mia carriera ho recitato in tutti i festival internazionali. In conseguenza di ciò devo dire che è vero, la lingua può essere un ostacolo, tuttavia nei festival non abbiamo mai avuto problemi, per non parlare del fatto che oggi si ricorre alla soluzione dei sovratitoli con la traduzione simultanea. Però Strehler non li voleva, oltretutto portavamo all'estero testi come "Baruffe chiozzotte", in veneziano antico – che già in Italia faticavano a capire; c'era una sinossi cartacea che il pubblico poteva consultare prima dello spettacolo, in più notavamo un'attenzione ai movimenti, agli sguardi, che qualche volta tornando in Italia non ritrovavamo: ci sembrava che il pubblico non fosse così particolarmente attento, perché assorbito dalla sola parola. Recitare in paesi dove il pubblico non capisce la lingua che viene parlata sul palcoscenico è sempre una bella avventura. Detto questo, la lingua era un ostacolo che la Duse aveva assolutamente rimosso, in quanto lei recitò in tutta Europa, ma soprattutto in tutta America, sia nell'America del Nord che nell'America del Sud - altro che Teatri d'Europa, lei ha fatto i Teatri del Mondo! Inoltre teneva moltissimo alla lingua delle opere che recitava: imparò il francese e lesse in originale il testo che Dumas aveva scritto per lei proprio perché non voleva perdere nessuna sfumatura della sua scrittura. Personalmente ritengo sia importante e giusto portare la nostra tradizione - così come è importante conservare una propria identità culturale, perché altrimenti se andiamo a portare le imitazioni del piatto degli altri al desco comune del mondo siamo perdenti –, purché sia materiale di scambio con gli altri, un mezzo di apertura verso il mondo, non un arrocco sterile. E questo scambio culturale deve avvenire anche attraverso lingue comuni - perché sicuramente l'arte è una lingua comune - ma anche gli idiomi servono, pertanto credo che oggi ognuno di noi dovrebbe parlare almeno due o tre lingue.

In che misura la figura di Eleonora Duse è attuale, nella realtà teatrale odierna?
Eleonora è stata una grandissima apripista, tutte noi donne le dobbiamo molto, noi attrici in particolare. Innanzitutto, ad esempio, ha pagato sulla propria pelle la sua libertà: ha partorito fuori dal matrimonio e ha dovuto abbandonare suo figlio alla balia, in un'epoca in cui c'erano addirittura le frustate in piazza per le madri nubili; bisognava lasciare il bambino in orfanotrofio e lavorarvi due anni allattando però altri bambini e non il proprio. Forse malnutrito dalla balia, dopo poche settimane il suo bambino morì, evento che devastò la sua vita. Ma andò avanti e fu capocomica per la sua compagnia, regista e prima attrice, riuscendo a sfondare sui mercati mondiali. Non solo, ma quando lei si innamorò di D'Annunzio – e a differenza di quanto si pensi lei era più vecchia e molto più famosa - insieme concepirono il sogno di creare un nuovo teatro di poesia. E lei finanziò lui arricchendo la Capponcina, villa dove lui modestamente si era ritirato, con mobili del '400, uno stuolo di servitori, cavalli da corsa, una muta di cani ecc. Eleonora faceva le tournée internazionali per finanziare D'Annunzio e ci riuscì, così che insieme loro poterono ricreare un teatro di poesia. Poi lei lo lasciò. Eleonora Duse fu una donna che ottenne ciò che aveva deciso di perseguire, non abbandonando mai il suo lavoro, oltretutto mettendosi a capo delle cose che faceva. Non solo, ma in un periodo in cui la recitazione premiava i tromboni e chi si aggrappava alle tende, lei fu una delle prime che propose quella che oggi chiameremmo "recitazione cinematografica". Diceva "tanto più il sentimento è forte, tanto più io abbasso la voce", andava in zone assolutamente intime, tant'è vero che quando giunse in America Strasberg le si mise in ginocchio e le baciò le mani dicendo che lei aveva aperto la strada alla recitazione del futuro. La figura di Eleonora Duse è assolutamente attuale perché grazie a lei il mondo ha cambiato il suo modo di esprimersi sulla scena e poi dietro la macchina da presa, ma soprattutto perché ha fatto da apripista a noi attrici, soprattutto a noi operatrici culturali: è stata una di quelle donne che sulla sua pelle ha aperto la strada a tante libertà individuali.

LA MUSICA DELL'ANIMA. Eleonora Duse tra le note della sua epoca

Venerdì 29 marzo ore 20.45, Auditorium Monteverdi

Per informazioni e prenotazioni:
0376 355566
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Powered by Bullraider.com


PolisportivaBorgoVirgilio FestaDEstate2019 Dedicated
NaturaSì Mantova1 Dedicated
Segni2019 DedicatedB
APAM1 Dedicated
CinemasalediMantova1
RubricaOnline1

Staff - Agenzia per il lavoro

Pubblicita1

Ultimi Articoli

20 Giu, 2019

Eterotopie: Sonografie a Palazzo Te

MANTOVA, 20 giu. - Eterotopie – Mantova Piano City, festival…
20 Giu, 2019

Incitavano all'odio sui social, denunciati due haters

MANTOVA, 20 giu. - Sui social network bisogna fare attenzione a…
20 Giu, 2019

Usa, Trump: 'I Democratici vogliono distruggere il Paese, ma non accadrà'

WASHINGTON, 20 giu. – Durante un comizio il presidente Usa…
19 Giu, 2019

Festivaletteratura, giovedì in via Tasso la lettura dei nomi di tutti gli ospiti

MANTOVA, 19 giu. - Aria di Festivaletteratura a Mantova. Domani,…
19 Giu, 2019

Castel d'Ario, blitz della Guardia di Finanza sui banchi del mercato: sequestrati 4mila prodotti non sicuri

CASTEL D'ARIO, 19 giu. - Blitz della Guardia di Finanza di…
19 Giu, 2019

12 borse di studio da 1000 euro: il Comune di Mantova premia i migliori diplomati che proseguono gli studi

MANTOVA, 19 giu. – "E' un segnale concreto, ma anche simbolico,…

Partner

Ocm Musicalmente2
IlNotturno1

CineCity Mantova

Sport media

Calcio Mantova1911 1
Calcio MantovaFC MantovaBiancorossa1
Basket Sting1
CalcioA5 Mantova1

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information