1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Sabato, 19 Settembre 8:24:am

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Rawi Hage e la guerra civile libanese: 'In un regime di dittatura, gli artisti vengono messi a tacere'

Mantova Festivaletteratura HageRawiMANTOVA, 5 set. – La guerra civile libanese, iniziata il 13 aprile 1975 e durata 15 anni, è un conflitto che ha segnato profondamente gli assetti politici e sociali mediorientali, generando profonde riflessioni.

Rawi Hage, scrittore, fotografo e autore di Come la rabbia al vento (2006), affiancato dal giornalista Christian Elia, racconta di come i ricordi filtrino sulle sue pagine in forma di immagini vivide e acute della Beirut devastata.

"Il libro Il gioco di De Niro mi ha messo fortemente in discussione. È un reportage struggente che alterna un linguaggio visivo, costituito da immagini dure di guerra e un linguaggio puramente verbale" incalza il giornalista Elia.

Continua Hage: "Come scegliere una storia? C'è un forte processo di selezione alla base del romanzo. Lo scrittore ha necessità, per iniziare a scrivere, di partire da un evento che lo ha scosso. Il trauma è un evento che mi ha scosso particolarmente ed è stato necessario per iniziare a scrivere. Era inevitabile scrivere di qualcosa che facesse male ma che importasse contemporaneamente".

"Il libro di Samir Kassir Infelicità araba comunica un forte senso di claustrofobia dovuto a regimi autocratici, un'incapacità del mondo arabo di raccontarsi" afferma chiaramente Christian Elia. "Le vittime in un regime di dittatura o teocrazia, sono gli artisti che vogliono esprimere se stessi e la verità. Vengono messi a tacere", aggiunge il noto scrittore.

A seguito della fine della guerra civile libanese, ci fu molta euforia e i civili decisero di non parlarne: "Nessuno prendeva posizioni, non era possibile mostrare opposizioni all'interno del paese". Tuttora il paese rimane vulnerabile e diviso: persino gli intellettuali sono costretti a parlare della realtà del paese al di fuori del paese stesso, nella diaspora, esattamente come fa l'autore.

Il tema del suicidio e dell'esistenzialismo sono al centro del romanzo dell'autore "Il mio romanzo mi ha riportato con la testa a Beirut e a quelle atroci immagini". Dall'idea che sembra non esistere un dio giusto, Rawi Hage afferma "Nella vita è necessario scherzare. Se siamo stati creati da un Dio minore, possiamo prenderci gioco di tutto, dei limiti, della morte, del corpo".

"Scrivo per dimostrare l'assurdità della vita, della mia vita" conclude Hage, definendosi uno scrittore di transizione.

Marina Storti

----

Scaricate, consultate e stampate gratuitamente Speciale Festivaletteratura firmato L'Altra Mantova. La versione cartacea sarà reperibile nei principali punti di interesse del Festivaletteratura.

FarmaciaBeduschi3 Top
Powered by Bullraider.com


Ultime dal Festival

14 Set, 2020

La burocrazia è un iperoggetto che vagheggia su di noi. La storia dell’apparato pubblico raccontata da De Masi

MANTOVA, 14 set. – I giudizi sulla burocrazia italiana sono, da…
14 Set, 2020

Sparwasser e il gol che scosse l'Ovest

MANTOVA, 14 set. - Mondiale di calcio del 1974, Germania…
13 Set, 2020

Le ragioni storiche e culturali dell'antifascismo spiegate da Carlo Greppi

MANTOVA, 13 set. - È il docente mantovano ed esperto di cultura…
13 Set, 2020

Di migranti e terre promesse, Riva e Agus ne parlano al Festival

MANTOVA, 13 set. - Scrittori a confronto: Gigi Riva e Milena…
13 Set, 2020

Patrizio Roversi con Boscardin e Raffaelli: 'Il cibo è una ricchezza, storica, culturale ed etica'

MANTOVA, 13 set. - Coratella, trippa, lingua, lampredotto:…

AIUTA L'Altra Mantova

Da giorni stiamo lavorando senza sosta e tra mille difficoltà per garantire un'informazione aggiornata e sempre precisa sull'emergenza covid-19.
Abbiamo bisogno del vostro sostegno. Un piccolo contributo che per noi è molto importante.
Grazie

CineCity Mantova

Partner

OficinaOcm1 Dedicated
IlNotturno1 Dedicated

Sport media

CalcioA5 Mantova1
Calcio Mantova1911 1
Basket Sting1

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information