1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Giovedi, 22 Ottobre 8:23:pm

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

La ripresa del campionato potrebbe portare denaro nelle casse del fondo emergenza COVID

Calcio SerieALa stagione calcistica è pronta a ripartire. Questo fine settimana prenderà il via la Serie A, con i tifosi pronti a gustarsi un campionato (si spera) senza interruzioni, nonostante la possibilità di seconda ondata di coronavirus che, secondo gli esperti, potrebbe arrivare nei mesi invernali.

Il ritorno del calcio giocato potrebbe anche fornire una sorta di risorsa finanziaria a cui attingere nel caso l'attuale pandemia colpisca ancora duramente.

In maggio è stato annunciato che il governo italiano avrebbe introdotto una tassa sulle scommesse sportive per creare un fondo per finanziare il settore in caso di emergenza, proponendo una percentuale pari allo 0,5%. Questo valore ha subito poi vari aggiustamenti da allora, che hanno spaziato dallo 0,3% iniziale fino all'1% proposto poi successivamente. È stato inoltre confermato che la misura rimarrà in vigore fino al 2021 e non fino al 2022 come era stato inizialmente incluso nella prima bozza del provvedimento. Questa tassa sulle scommesse si affiancherà al prelievo già esistente del 20% per le vincite raccolte su rete fisica, del 22% per quelle legate a eventi virtuali e del 24% per quelle da giochi online.

Ci sono stati inizialmente dei dubbi legati al fatto che questa stretta fiscale potesse in qualche modo penalizzare un settore che al tempo era già zoppicante. Nel periodo tra marzo e aprile, il mercato delle scommesse aveva registrato un calo dei profitti del 72%. Confrontando i dati con quelli di febbraio, ma dopo una lunga serie di eventi cancellati o rinviati, molti avevano iniziato a pensare che le scommesse sportive sarebbero ritornate molto presto: il fatto che i tifosi non abbiano la possibilità di partecipare eventi sportivi dal vivo, ha indubbiamente fatto crescere il numero degli spettatori che seguono gli eventi da casa, un aspetto che potrebbe risollevare il mercato delle scommesse nel suo complesso. Appena il calcio giocato riprenderà con regolarità, non ci vorrà molto per avere le prime risposte al riguardo.

Le scommesse sportive non sono state l'unico settore a essere duramente colpito in questo periodo; anche il gioco d'azzardo online sembra ora trovarsi di fronte a qualche difficoltà. Le ultime notizie hanno portato alla ribalta il caso Google, sotto inchiesta per l'utilizzo di Google Ads per promuovere il gioco d'azzardo online su siti stranieri che erano stati vietati in Italia. Nonostante i numerosi tentativi di indirizzare il traffico degli utenti verso piattaforme nazionali come casinos.it, uno studio ha osservato come molti giocatori continuassero a utilizzare siti stranieri forse senza nemmeno accorgersene. Con il settore in costante crescita, aiutato anche dal fatto che molte persone rimangono tuttora in casa, la tassa introdotta recentemente consente di accantonare somme di denaro da utilizzare qualora si verifichi una seconda ondata della pandemia durante i mesi invernali.

C'è anche la possibilità che il settore non tragga alcun vantaggio da questo provvedimento: molti potrebbero infatti decidere di optare per forme di intrattenimento alternative per evitare di pagare le tasse sulle scommesse sportive. Come già citato in precedenza a proposito del gioco d'azzardo, c'è stato un aumento dei giocatori che hanno utilizzato siti di gioco illegali durante il lockdown; se un numero di utenti sempre maggiore ha trovato siti alternativi, è possibile che altri optino per soluzioni simili anche nell'ambito delle scommesse sportive, vanificando così il tentativo di favorire i siti italiani e raccogliere il denaro per sostenere il mercato nazionale. Lo 0,5% sembra essere una percentuale piuttosto bassa, ma bisogna considerare che il suo impatto durante l'intero arco della stagione calcistica e soprattutto per coloro che scommettono grandi somme; si tratterà sicuramente di importi piuttosto consistenti e non stupirebbe se molti utenti cercassero di raggirare queste spese sempre più elevate.

In entrambi i casi, potrebbero esserci dei benefici inaspettati. La Serie A inizia questo fine settimana e vedrà la Fiorentina impegnata contro il Torino, con altre cinque partite in programma durante il fine settimana. I tifosi sperano che non si ripeta quello visto nel campionato francese durante la partita PSG-Marsiglia, dove l'arbitro ha estratto ben cinque cartellini rossi dopo una rissa in campo. Il ritorno a un calendario regolare, possibilmente senza interruzioni, è proprio quello di cui la Serie A ha bisogno per iniziare e concludere al meglio questa stagione.

(informazione commerciale)

Powered by Bullraider.com


 Festivaletteratura Speciale1b
NaturaSì Mantova1 Dedicated
APAM1 Dedicated
CinemasalediMantova1
RubricaOnline1

Tea Energia Srl

Pubblicita1

Ultimi Articoli

CineCity Mantova

Sport media

CalcioA5 Mantova1
Calcio Mantova1911 1
Basket Sting1

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information