1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Lunedi, 15 Ottobre 2:31:pm

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Cancro al seno, estate in sicurezza con i consigli dell'oncologo

Sole3ROMA, 12 giu. – E' iniziata la stagione estiva e con essa il desiderio di potersi esporre al sole. Un desiderio che nutrono anche le donne operate di cancro al seno, soprattutto per lasciarsi alle spalle le cicatrici, non solo fisiche, che l'intervento ha provocato, riappropriandosi della propria femminilità e riconciliandosi con il proprio corpo.

Ma come possono godersi i raggi solari e fare un bel bagno in tutta sicurezza? A spiegarlo sono il professor Giuseppe Petrella, oncologo e docente ordinario di Chirurgia Generale presso l'UniversitĂ  Tor Vergata di Roma, e il provider ECM 2506 SanitĂ  in-Formazione, in collaborazione con Consulcesi Club, attraverso un'apposita guida in 5 punti.

Grazie alle suture intradermiche con punti riassorbibili la qualità delle cicatrici post-intervento è migliorata moltissimo; ma se all'inizio la cicatrice è bianca dopo un mese diventa rossa perché c'è comunque un elemento irritativo. Meglio, quindi, aspettare almeno 3-6 mesi dall'operazione prima di esporsi al sole, proprio per evitare che la cicatrice diventi ipertrofica e si irriti ulteriormente. Chi ha già trascorso i 6 mesi dall'operazione non ha bisogno di indossare particolari indumenti al di là del costume: basta una protezione solare molto alta, con un SPF superiore a 50, tranne in casi particolari in cui la cicatrice non si possa coprire neanche indossando un costume intero; in quel caso conviene indossare indumenti protettivi come delle casacche. La regola fondamentale, indipendentemente dalla cicatrice, è sempre quella di esporsi al sole solo nelle prime ore del mattino o dopo le 17.

Fare il bagno al mare, sempre con la cicatrice coperta e non esposta al sole, non solo è possibile ma è addirittura consigliato: nuotare fa benissimo, soprattutto alle donne che hanno subìto lo svuotamento ascellare perché questo tipo di attività fisica evita l'accumulo di liquidi. Discorso diverso per le donne che stanno facendo chemioterapia perché ci sono dei farmaci che possono provocare danni notevoli sulla cute e l'esposizione al sole può peggiorare questi danni. Per chi ha affrontato la radioterapia, invece, niente sole per un anno per il problema delle radiodermiti, delle teleangectasie e di tutta una serie di complicanze che possono provocare seri problemi alla donna.

(askanews)

Powered by Bullraider.com


Segni2018 Dedicated
RadioBase1
CinemasalediMantova1
RubricaOnline1

Staff - Agenzia per il lavoro

Ultimi Articoli

15 Ott, 2018

Cresce il mercato dell'auto usata nel primo semestre, piacciono i modelli diesel

I dati riguardanti le vendite di automobili usate nel primo…
15 Ott, 2018

Pensioni d'oro, il taglio partirĂ  dai 4.500 euro netti in su

ROMA, 15 ott. – Fonti governative del Movimento 5 Stelle hanno…
15 Ott, 2018

Basket A2, la Pompea cade a Udine: troppo forte l'Apu

UDINE, 15 ott. - Troppo forte l'Apu Udine per la Pompea Mantova…
15 Ott, 2018

Home-sharing, Marriott Int. estende il progetto a Parigi Roma e Lisbona

ROMA, 15 ott. – Dopo il debutto a Londra, Marriott International…
15 Ott, 2018

Parti cesarei, quasi il doppio in cinque anni

ROMA, 15 ott. – Uno studio pubblicato dal Lancet evidenzia che…
15 Ott, 2018

Migranti, il Viminale blocca il progetto Sprar di Riace

ROMA, 15 ott. – Il Viminale ha confermato lo stop al progetto…

Partner

Ocm Musicalmente2
IlNotturno1

Conservatorio di Musica Lucio Campiani

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information