Fridays for future, anche Mantova si mobilita contro la crisi climatica: alle 10 la marcia in centro. Iniziative nelle scuole: al Milione di Suzzara e Motteggiana niente merende con involucri usa e getta

  • Stampa

ThunbergGreta2MANTOVA, 15 mar. - Il mondo dei giovani oggi scende in piazza per combattere la crisi climatica che sta portando il pianeta sull'orlo del baratro. Per provare a invertire questa drammatica tendenza è nata l'iniziativa Fridays for future, lanciata su scala globale dalla 16enne svedese Greta Thunberg, divenuta famosa per il suo discorso di Katowice, in Polonia dove, nel dicembre scorso, si è svolto Cop24, il vertice delle Nazioni Unite sul clima.

Greta non le mandò a dire ai potenti del mondo che chiusero il summit con un pugno di mosche in mano e zero, o quasi, risultati a favore dell'ambiente. Greta lanciò il suo atto d'accusa contro le ipocrisie dei leader presenti e chiese un piano di azione collettivo.

A Mantova l'iniziativa partirà da Piazza Sordello, dove è previsto il ritrovo alle ore 10, e si snoderà poi per piazza Mantegna e piazza delle Poste, dove si susseguiranno vari interventi. Prevista una sosta anche davanti al Comune, in via Roma.

"Il 15 marzo - scrivono gli organizzatori sulla pagina Facebook di Fridays for future Mantova - scenderemo in piazza anche a Mantova per chiedere una tutela dell'ambiente e, di conseguenza, del nostro futuro. Lo sciopero si svolgerà in orario scolastico perché la domanda che porta avanti questo movimento è: per quale motivo andiamo a scuola per essere istruiti se poi i governi decidono di non ascoltare gli eruditi? Scienziati ed esperti ci hanno dato un ultimatum per salvare letteralmente la Terra dalla catastrofe dei cambiamenti climatici, perché quindi si continua a supportare un certo modello economico piuttosto che il "benessere sociale"? Agiamo. Ora".

L'idea dei Fridays for future prende proprio spunto dall'iniziativa della Thunberg che ogni venerdì  sciopera per andare a protestare al Parlamento svedese contro i cambiamenti climatici generati dall'attività antropica. Tutto partì nell'estate del 2018 quando la Thunberg iniziò una protesta di tre settimane davanti al Parlamento scedese contro l'assenza di azioni sulla crisi climatica. Da allora ogni venerdì si reca in protesta davanti al Parlamento del suo paese.

L'associazione Legambiente, che ha aderito allo sciopero, registra in tutta la Penisola 140 eventi in oltre 100 località diverse.

Diverse le iniziative anche nelle scuole mantovane. All'istituto comprensivo 'Il milione' di Suzzara, grazie al lavoro portato avanti da alcune insegnanti in una classe di una delle scuole primarie, i bambini hanno deciso di evitare il più possibile di produrre rifiuti per la giornata odierna, nella speranza di lasciare i cestini delle immondizie vuoti o quasi. I ragazzi hanno preparato un volantino nel quale sollecitano anche i compagni delle altre classi, sia di primaria che di secondaria, a portare a scuola merende senza involucri usa e getta, bensì con contenitori riutilizzabili. L'iniziativa è stata accolta con grande entusiasmo ed è stata così adottata, promossa e supportata da tutto l'istituto comprensivo.

Powered by Bullraider.com


Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information