Se Mantova-Milano non è diversa da Jönköping-Stoccolma: paese che vai, treni ritardatari che trovi

  • Stampa

VistidaNord TrenoJonkopingStoccolma1A pochi giorni dalla notizia dell'acquisto, da parte della Regione, di una sessantina di treni, con la speranza che parte di essi vengano a dar man forte agli agonizzanti vagoni della tratta Mantova-Cremona-Milano, qualche parola a conforto di quei pendolari che tutte le mattine si siedono sulle carrozze di Trenord non farà certo dispiacere. 

Quello che vedete nella foto, è un modernissimo, puntualissimo, pulitissimo treno svedese della ÖstgötaTrafiken, che ha portato il sottoscritto da Jönköping a Nässjö, remota cittadina del sud della Svezia dalla quale partono buoni collegamenti per arrivare a Stoccolma.

Salitovi a bordo, l'emozione (e la rabbia) di un ex-pendolare della tratta lombarda sopracitata era all'apice: "noi italiani sfigati viaggiamo in carrozze lerce, perennemente in ritardo, dove chi possiede il biglietto di 2a fa a gara per scippare il posto ai viaggiatori in giacca e cravatta, mentre questi algidi svedesi si godono un servizio da favola. Eccoli qua i benefici delle liberalizzazioni che in Italia si decantano in TV ma non si firmano mai in Parlamento!"

Più o meno, suonava così, anche su Facebook e Instagram. Arrivato a Nässjö la rabbia ha compiuto una clamorosa giravolta verso Nord, mentre il mio pur fievole orgoglio nazionale si è rinvigorito. Già, perché accanto al mio cambio, un treno Veolia (compagnia francese ma attiva a livello internazionale), la scritta "Ny tid" sanciva un ritardo di 20 minuti.

Ma come, in un paese così rigoroso! In un sistema ferroviario nel quale SJ, l'operatore al 100% statale - possiede solo il 55% del mercato! Convintomi si trattasse sicuramente di un'eccezione, salito sul treno, qualche certezza ha cominciato a vacillare.

Carrozze vecchiotte, treno rumoroso e abbastanza caldo, che viaggia accumulando ritardi su ritardi arrivando alle 15.30 anziché alle 14.30. Nel mentre, persino una signora svedese intellettualoide che, tra un appunto e l'altro annotato a bordo pagina dei suoi numerosi volumi, approfitta della mia assenza alla ricerca del bagno per appoggiare i piedi scalzi sul mio sedile. Sbigottito, cerco di dare la colpa all'estate eccezionalmente calda, abbia dato alla testa di questi freddolosi nordici?

Serviranno cinque giorni in quella meravigliosa città quale è certamente Stoccolma per riprendermi. Sulla via del ritorno, tuttavia, altre sorprese non mancheranno. Partenza puntuale a bordo di un SJ deente ma che come il Veolia di cinque giorni prima, ritarderà al punto da arrivare a Nässjö alle 18.30 anziché alle 17.50, facendomi perdere il cambio delle 18.18 e aspettare fino al treno successivo, delle 18.47, di nuovo un ÖstgötaTrafiken, bello tanto quanto il primo.

Rassegnato, cammino verso casa dicendomi che, forse, pecchiamo un po'troppo in esterofilia. O che forse sono stato molto sfortunato.

Nicola Roli
@NicolaRoli1

Powered by Bullraider.com


Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information