1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Venerdi, 16 Novembre 11:06:am

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Migranti, le buone prassi dell'accoglienza con realismo e caritĂ 

Immigrazione Clandestina Barca4Nell'Unione europea finalmente fa breccia il principio di un'equa distribuzione fra gli Stati membri dell'accoglienza dei profughi che scappano da guerre e persecuzioni, dal Medio Oriente e dalla vicina Africa.

Il sacrosanto vincolo dell'equa distribuzione rivendicato dal nostro governo in Europa, ha però un'applicazione zoppicante nel nostro Paese.

Lo dicono i numeri: la Sicilia, meta del 90% degli sbarchi, accoglie quasi il 22% dei rifugiati, o comunque di coloro che sono ancora in attesa di veder riconosciuto questo status. Una sola Regione quindi si adopera come altre quattro messe insieme: Veneto (4%), Lombardia (9%), Piemonte (5%) e Friuli Venezia Giulia (3%).

Il tema scabroso dell'immigrazione si presta come sempre a polemiche e strumentalizzazioni che nella perdurante crisi economica alimenta inquietudini sociali a maggior ragione in un Paese che sconta un deficit di conoscenza del fenomeno migratorio.

Gli italiani - complice anche una narrazione mediatica che tende a ingigantire i problemi- risultano infatti ancora i peggio informati sul tema tra gli Stati membri dell'Ocse, e i talk show piĂą populisti non fanno altro che alimentare questa disinformazione, senza analizzare il problema e senza mai proporre delle valide soluzioni.

In realtĂ  bisognerebbe battersi perchĂ© l'urgenza della povertĂ  diventi centrale nell'agenda del nuovo governo (oltretutto i fondi per i rifugiati spesso arrivano dalla Ue), invece di accusare indiscriminatamente di business tutti gli enti non profit che si prendono in carico l'accoglienza dei rifugiati (su cui in ogni caso andrebbe fatta chiarezza garantendo la massima trasparenza).

Ma al di là di tutto, la sensazione è che a livello di dibattito pubblico manchi il senso del dramma di ciò che sta avvenendo a sud del Mediterraneo.

Stiamo vivendo un periodo storico di gravi turbolenze geopolitiche, che chiamano in causa anche responsabilità dei nostri precedenti governi. Raccogliamo oggi le macerie del dilettantismo politico passato. Ma accanto a questo c'è da sempre un'Italia che lavora per rispondere alle ferite generate anche da quei conflitti, praticando le buone prassi dell'accoglienza con realismo e carità, una parola cristiana ormai in disuso.

(s.t.)

Powered by Bullraider.com


APAM1 Dedicated
CinemasalediMantova1
RubricaOnline1

Staff - Agenzia per il lavoro

Pubblicita1

Ultimi Articoli

16 Nov, 2018

Festivaletteratura, Massimo Recalcati stasera in piazza Alberti

MANTOVA, 16 nov. - Questa sera, venerdì 16 novembre, alle ore…
16 Nov, 2018

Castiglione, scontro frontale tir-auto: muore 80enne

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE, 16 nov. - Un grave incidente si è…
16 Nov, 2018

Gonzaga, sabato e domenica torna Bimbi...naria alla Millenaria

GONZAGA, 16 nov. - Torna alla Fiera Millenaria di Gonzaga…
16 Nov, 2018

Around the Club, gli appuntamenti dance di questo week end

Appuntamento settimanale con la rubrica dedicata agli eventi nei…
16 Nov, 2018

Salute, fumo spesso correlato a disturbi alimentari

MILANO, 16 nov. – Secondo recenti studi la nicotina si lega a…

Partner

Ocm Musicalmente2
IlNotturno1

Conservatorio di Musica Lucio Campiani

Sport media

Calcio Mantova1911 1
Calcio MantovaFC MantovaBiancorossa1
Basket Sting1
CalcioA5 Mantova1

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information