1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Giovedi, 22 Febbraio 9:55:pm

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Fake news, un problema che è diventato europeo

ParlamentoEuropeo Bandiera2Le fake news stanno animando il dibattito politico italiano ma a tutti gli effetti sono un tema che preoccupa sempre più anche l'Europa.

A dimostrazione di questo crescente interesse europeo nei confronti del tema, ci sono una serie di azioni recenti messe in campo dalle istituzioni comunitarie.

In particolare, il 13 novembre la Commissione Ue ha avviato due importanti iniziative: una consultazione pubblica sulle notizie false e la disinformazione online, e ha istituito un gruppo di esperti ad alto livello che rappresenta il mondo accademico, le piattaforme online, i mezzi d'informazione e le organizzazioni della società civile. Tutto ciò, nelle sue intenzioni, dovrebbe contribuire alla definizione di una strategia dell'Ue per contrastare la diffusione di notizie false, che sarà presentata nella primavera del 2018. Basterà tutto questo ?

Oggi il 60% della popolazione che naviga in rete ha dichiarato di essere incappato più volte in una fake news, per poi accorgersi nel tempo che si trattava di una menzogna abilmente pilotata. Per comprendere bene il pericolo, bisogna pensare che per il 62% degli italiani la rete attualmente è la principale fonte per ricercare notizie. Ovviamente, una stessa persona utilizza diversi modi per tenersi informato, ma su tutti prevale la rete in quanto è considerata di facile consultazione e di immediata fruizione.

È interessante notare come l'utilizzo del web in questo settore sia crescente di anno in anno, il che fa presupporre che nei prossimi anni queste percentuali continueranno ad aumentare. Pertanto è inevitabile ritenere che il problema della "falsa comunicazione nel web" sia una tematica molto importante e che difficilmente sarà regolamentata nel breve periodo.

I cittadini hanno però le idee chiare in proposito e il 65% ritiene che, anche se è legittimo che la rete sia libera da vincoli, non è corretto utilizzare il web per diffondere falsità e quindi c'è bisogno di una legislazione specifica. Il 52% è favorevole alla possibilità di punire con multe o addirittura con il carcere (dipende dalla gravità del contenuto delle fake news) chi genera bufale web, il 55% condivide l'ipotesi di creare un'authority specifica, o meglio un centro di coordinamento, che possa intervenire nei casi in cui una falsa comunicazione possa inquinare la formazione della libera opinione.

Se la rete, quindi, ha avuto il suo grande appeal nella popolazione proprio per il fatto di essere una piattaforma aperta alle idee di tutti, oggi gli stessi internauti ne evidenziano i limiti, il cattivo uso e le strumentalizzazioni.

È inevitabile che l'utilizzo del web continui ad aumentare nei prossimi anni. Probabilmente bisognerà intervenire cercando di non diminuire la libertà di espressione. Ma la presa di coscienza della gravità del problema da parte degli internauti è un primo passo importante che fa intravedere una luce.

(s.t.) 

Powered by Bullraider.com

Ultimi Articoli

22 Feb, 2018

Cgil Mantova, in 80 alla manifestazione contro il fascismo

MANTOVA, 22 feb. - Saranno 80 i lavoratori e i pensionati della…
22 Feb, 2018

Bozzolo, i carabinieri gli chiedono i documenti e lu li prende a calci e pugni: arrestato

BOZZOLO, 22 feb. - I carabinieri gli hanno chiesto i documenti e…
22 Feb, 2018

Torna “GIOCOSPORT 70 COMUNI”: 20mila bambini convolti nelle attività per il 2018

MANTOVA, 22 feb. - Saranno circa 150 le manifestazioni zonali e…
22 Feb, 2018

Farà tappa anche a Mantova il Museo del Calcio Internazionale targato Aics

MANTOVA, 22 feb. - Farà tappa anche a Mantova, nelle prime…
22 Feb, 2018

Economia, per Bankitalia la ripresa prende slancio

ROMA, 22 feb. – Per il vicedirettore generale della Banca…
22 Feb, 2018

Bigarello e San Giorgio, un piano rifiuti da 1 milione 200mila euro

BIGARELLO/SAN GIORGIO, 22 feb. - Un Piano finanziario dei…

Partner

Ocm Musicalmente2
IlNotturno1

CineCity Mantova

Goparc

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information