Traffico sulla Cisa, Comitato: 'Usata come tangenziale dai camion, ormai è emergenza e non si dorme più'. Beduschi: 'Senza soluzione pronti a bloccare Cisa e Romana con trattori e animali'

  • Stampa

Borgovirgilio cisa code1BORGO VIRGILIO, 23 feb. - Cisa pericolosa, insicura e troppo trafficata.

Ormai i residenti riuniti nel Comitato Nuova Salute e Sicurezza 62 per scalare una montagna impervia come la risoluzione del traffico, soprattutto di mezzi pesanti, sulla Cisa nel comune di Borgo Virgilio, densamente abitato nei pressi dell'arteria, non sanno più in che lingua dirlo.

"Il problema rimane grave - spiegano dal Comitato - sia di giorno che di notte i tir, nonostante dalle 2 alle 6 sia in vigore un divieto di transito per i mezzi pesanti, passano indisturbati e a forti velocità, utilizzando, di fatto, la Cisa come una tangenziale". Dormire sta diventando sempre più difficile e l'altra notte non riuscendo a chiudere occhio qualcuno ha contato una trentina di tir in poche ore.

Dal Comitato sottolineano una situazione diventata d'emergenza, aggravata da un asfalto che si sta sbriciolando sotto il peso del transito di 27mila mezzi, leggeri e pesanti, al giorno. "Abbiamo scritto al Ministero dei Trasporti, ma per ora non abbiamo ricevuto risposte". Al problema quotidiano di un traffico insostenibile si aggiungono sempre più spesso episodi come quelli dei giorni scorsi, causati da incidenti sull'A22, che fanno aumentare ancor di più il traffico e i disagi. Giovedì il maxitamponamento sull'Autobrennero con chiusura dei caselli intorno a Mantova ha riversato sulla Cisa, ma anche sulla Romana, una quantità spropositata di auto e mezzi pesanti. Per ore il traffico è rimasto congestionato, code quasi continue fra Pegognaga e l'incrocio della Colonna a Cerese.

Insieme all'amministrazione comunale in questi ultimi mesi ci sono stati confronti e i controlli sono aumentati, anche se nell'ultimo mese i controlli notturni sono stati solo due, ma il comune deve fare i conti con le proprie forze limitate. Ora si è in attesa di alcuni dati che potranno ridisegnare il quadro: i dati della Prefettura e anche quelli della centralina Arpa da poco spenta dopo un mesetto di attività sulla Cisa. Centralina che dovrà fornire dettagli sugli inquinanti e quindi che aria si respira sulla Cisa. L'amministrazione comunale e il Comitato, che stanno cercando di agire in sinergia avendo lo stesso obiettivo, sono anche in attesa di conoscere i dati sulla velocità media rilevata dopo l'istituzione dei 30 chilometri orari, limite imposto dalla Provincia, titolare della strada, a causa delle condizioni pessime dell'asfalto e delle banchine: "Questi dati - spiega l'assessore Francesco Aporti - ci permetteranno di verificare se il limite è servito come deterrente per far diminuire la velocità. La prima sensazione è che qualche miglioramento ci sia stato".

BeduschiAlessandro3BEDUSCHI: "SENZA SOLUZIONE PRONTI A BLOCCARE CISA E ROMANA CON TRATTORI E ANIMALI". Il sindaco Alessandro Beduschi ha confermato che continua a fare pressioni sugli enti competenti per il bypass Arginotto-Pioppelle che, come opera accessoria della Mantova-Cremona e insieme al completamento dell'Asse Sud, risolverebbe i problemi di Cisa e Romana. E del paese in generale.

E aggiunge: "Dopo il caso apocalittico di giovedì su Cisa e Romana a causa degli incidenti sull'A22 che hanno riversato camion su camion sulle noostre strade, se non si troverà una soluzione a breve siamo pronti a bloccare Cisa e Romana con trattori, bovini e suini... Visto come siamo trattati..."

Powered by Bullraider.com


Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information