1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Sabato, 23 Giugno 11:37:pm

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Aggregazione Camere di Commercio Mantova, Cremona, Pavia: nulla di fatto alla conferenza Stato-Regioni

Mantova PalazzoCameradiCommercio2 CarloAndreaniMANTOVA, 12 gen. - Mercoledì 10 gennaio si è registrato lo stallo e la decisione sull'aggregazione tra le Camere di commercio di Mantova-Cremona e Pavia resta sospesa, probabilmente la partita sarà trasferita al nuovo governo.

La Conferenza Stato-Regioni non ha raggiunto un accordo sul tema perché il ministro Calenda si è mantenuto fermo sulla posizione del decreto di aggregazione, bocciato dalla Corte costituzionale, mentre le Regioni si sono espresse in senso opposto, quindi nulla di fatto.

Da ricordare che la partita interessava altre aggregazioni oltre a quella che riguardava Mantova, Cremona e Pavia. Con il decreto legislativo emanato dal governo nel novembre 2016 si stabiliva la riduzione da 95 a 60 delle Camere di commercio, salvaguardando la presenza di almeno una in ciascuna Regione. Lo stesso provvedimento contemplava la razionalizzazioni delle relative aziende speciali, che da 96 dovevano passare a 58. Il tutto in omaggio "spending review" cioè alla riduzione dei costi della pubblica amministrazione.

Se Mantova e Cremona dopo una lunghissima trattativa avevano deciso la fusione, ad accordo ormai assunto, era stata aggiunta in corsa anche la Camera di commercio di Pavia su proposta di Unioncamere. L'aggregazione tra le Camere di commercio di Mantova e Cremona con quella di Pavia resta in confermata poi dal decreto del ministro Calenda. La decisione aveva trovato una levata di scudi a Mantova, Cremona e Pavia, così anche dalla Regione Lombardia che poi ha avanzato ricorso alla Corte costituzionale. La contrarietà a questa fusione era data dal fatto che Pavia non confina con il territorio delle altre due e, oltre a questo, si sarebbe determinata una situazione di seria ingestibilità posto che si trattava di un territorio inframmezzato da Lodi, ma anche per una condizione territoriale ed economica profondamente diversa.

La Corte costituzionale aveva accolto il ricorso del Pirellone in quanto la decisione di aggregare le Camere di commercio era stata effettuata dal ministero dell'Industria senza un accordo con la Regione. La partita Camere di commercio, come ha detto la Corte, non è materia esclusiva dello Stato, ma appartiene alla sfera delle competenze anche delle Regioni e, quindi, la riforma deve essere assunta con un'intesa tra le parti e non con la prevaricazione di una sull'altra.

"Mi auguro che si possa giungere a una decisione positiva – afferma il presidente di Confartigianato Imprese Mantova, Lorenzo Capelli – perché con una sola Camera di commercio su tre province diverse e distanti e inframmezzate da un territorio che gravita su Milano, sarebbe più difficile gestire con efficacia le competenze attribuite all'ente a favore del mondo economico mantovano".

Powered by Bullraider.com
RadioBase1
CinemasalediMantova1
RubricaOnline1

Staff - Agenzia per il lavoro

Rubriche

Confcommercio CommerciocheImpresa1b
IlRovesciodelDiritto1c
VistidaNord1

Ultimi Articoli

23 Giu, 2018

Rapina al Carrefour di piazza Cavallotti, aggredito il vigilante

MANTOVA, 23 giu. - Ancora disordini in piazza Cavallotti venerdì…
23 Giu, 2018

Nordcorea, Trump: 'Già iniziata la denuclearizzazione'

WASHINGTON, 23 giu. – Per il presidente degli Stati uniti Donald…
23 Giu, 2018

Festa Provinciale de l'Unità, il Pd prova a ripartire dal territorio

MANTOVA, 23 giu. - Anche la Festa Provinciale de l'Unità, che si…
23 Giu, 2018

Biglietterie stazioni ferroviarie, Regione Lombardia si opporrà a chiusure

MANTOVA, 23 giu. - In relazione a notizie veicolate in…
23 Giu, 2018

Borgo Virgilio, al Parco Yoghi si combattono le ludopatie a colpi di subbuteo e ping-pong

BORGO VIRGILIO, 23 giu. - Un importante evento è in programma…

Partner

Ocm Musicalmente2
IlNotturno1

CineCity Mantova

Goparc

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information