Corneliani, lunedì riaprono i cancelli della fabbrica, smobilita il presidio dopo 50 giorni. Prima di entrare colazione collettiva

  • Stampa

Mantova Corneliani ProtestaFilcams-24GiugnoMANTOVA, 02 ago. - Cinquanta giorni di lotta, di presidio sotto al sole davanti ai cancelli della fabbrica chiusa, valgon bene una colazione se questa è preludio alla riapertura della produzione.

Così domani mattina, prima di andare al lavoro, le lavoratrici e i lavoratori della Corneliani si ritroveranno alle 7,15 proprio fuori dai cancelli della fabbrica per una colazione tutti assieme.

"Ci piacerebbe che a questo nostro ultimo momento partecipassero tutte le persone che ci sono state vicine in queste bollenti giornate. Vorremmo aver con noi - scrivono i sindacati in una nota - i singoli cittadini che ci hanno portato una parola di conforto. Vorremmo avere con noi le tante fabbriche che ci hanno portato il loro abbraccio solidale: sono state moltissime e ogni lavoratore che è passato ci ha lasciato un po' di sè e si è portato via un po' di noi e della nostra lotta. Vorremmo aver con noi Anche tutti i politici, i partiti, i movimenti e le istituzioni che ci hanno dato una mano, che si sono umilmente messi al servizio della nostra causa fornendoci una sponda -chi più chi meno- importante: non volevamo sfilate, per molti di loro possiamo dire che assolutamente non lo sono state. Vorremmo avere con noi gli organi di stampa che ci hanno sempre aiutato a far emergere le nostre ragioni: la voce della fabbrica, quella dell'indotto, le nostre paure, il nostro spirito sempre solidale con il quale abbiamo cercato di declinare ogni nostra giornata davanti ai cancelli. Vorremmo: e vi aspettiamo!".

Il senso della colazione collettiva è quello di dire che se esiste un lunedì 3 agosto, se esiste una ripartenza, questo lo si deve achi ha lottato per il proprio lavoro: "Abbiamo ripetuto più volte che l'85% di questa vertenza dipendeva da noi e dalla forza e dall'intelligenza della nostra mobilitazione: siamo contenti che sia bastato, in mezzo al nostro sudore e alla nostra fatica, per far svoltare nel migliore dei modi la vicenda".

Ma, se dopo la decisione del Mise di 'investire' 10 milioni di euro nella Corneliani per la ripartenza dell'attività, non seguiranno mosse decise da parte dell'azienda si ritornerà al punto di partenza. E questo lo sanno bene i Sindacati e anche i lavoratori: "Non ci facciamo illusioni: sappiamo che non è una vittoria definitiva, una di quelle che congela ogni problema. Da domani pomeriggio Infatti Siamo pronti a tornare con la stessa determinazione di queste giornate a chiedere nuovi investimenti e un Nuovo piano industriale costruito per un vero Rilancio della nostra azienda. Da domani pomeriggio però".

Powered by Bullraider.com


Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information