Campo Nomadi di via Guerra, la morosità per utenze e piazzole non pagate è di 246.269 euro. Baschieri: 'Corriamo rischio diventino crediti inesigibili'

  • Stampa

Mantova CampoNomadi1MANTOVA, 11 gen. - Ammonta a 246.269 euro, al 30 novembre 2019, la morosità maturata dai residenti nel campo nomadi di via Guerra a Mantova nei confronti del Comune per utenze e canone di locazione delle piazzole non pagati.

Morosità, definita "record" dal consigliere comunale di Forza Italia Pierluigi Baschieri che ha fatto richiesta di accesso agli atti ad Aster, società in house del Comune che si occupa della gestione del campo.

Una cifra considerevole, in aumento rispetto ai 183mila euro del 2018. Da quando Aster ha l'incarico della gestione amministrativa del campo sono stati versati solo 2720 euro per i canoni di occupazione, effettuati da otto famiglie, di cui il 50% da due soli nuclei. L'80% di questi pagamenti, effettuati saltuariamente, si è verificato nel 2019. Eppure l'Amministrazione Comunale ci sta provando in tutti i modi a recuperare questa somma.

"Non mi sorpende - dice Baschieri - che il Comune di Mantova, tramite la società Aster S.r.l. incaricata della gestione amministrativa del campo, si sia rivolto al Tribunale di Mantova per notificare tutte le ordinanze di ingiunzione ai soggetti morosi e stia predisponendo degli atti di pignoramento nei confronti dei debitori. Siamo arrivati addirittura alla predisposizione del fermo amministrativo sugli autoveicoli degli utenti".

Aster nella relazione inviata a Baschieri dettaglia tutti i tentativi e fatti per recuperare le somme dovute. "Abbiamo anche valutato - si legge nella relazione dell'Agenzia - la pignorabilità delle somme relative al reddito di cittadinanza che alcuni assegnatari del campo nomadi percepiscono (in base alle informazioni fornite da Aster al Comune a ottobre 2019 sarebbero sei soggetti tra quelli oggetto di Valutazione di Azionabilità Legale), ma da questo lato la possibilità giuridica di intraprendere questa strada risulta ancora dubbia...".

Un debito verso il Comune di Mantova maturato nel corso degli anni, durante i quali "non sono state versate nelle casse comunali - spiega Baschieri - le spese relative al canone di occupazione della piazzola e alle utenze".

Il consigliere di Forza Italia spiega anche che "per il regolamento comunale approvato dal centro destra nel 2011 chi non dovesse adempire ai pagamenti previsti per tre mesi consecutivi rischia l'espulsione dall'area (combinato disposto art. 4 e 6 del regolamento comunale approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 14 del 25 marzo 2011)".

Secondo Bschieri oggi il rischio concreto è che "le somme dovute possano diventare fra qualche anno dei crediti inesigibili e quel debito possa ricadere sull'intera collettività mantovana. Saremmo di fronte ad una vera e propria beffa nei confronti dei cittadini mantovani". E tutto ciò nonostante "l'attenzione di questa Amministrazione - continua Baschieri - per la messa a norma del campo nomadi e per la manutenzione straordinaria effettuata per rendere vivibile un'area vissuta anche da tanti minori".

"Non voglio strumentalizzare la questione del super debito maturato dalle famiglie sinti e rom che popolano l'area di via Learco Guerra, ma ne faccio solo una questione di diritto", chiude Pierluigi Baschieri.

Campo Nomadi: spese (Iva esclusa) sostenute dal Comune di Mantova per il periodo 2015-2019:

  • Gestione Amministrativa del Campo: 43000 euro (affidata ad Aster)
  • Spese Manutenzione (elettrica, idraulica, disinfestazione/derattizazione, raccolta rifiuti ecc...): 146.136 euro;
  • Trasporto alunni: 50000 euro.

(em.sa.)

Powered by Bullraider.com


Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information