1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Venerdi, 23 Agosto 7:26:am

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Cgil, il 65% dei delegati non si sente rappresentato politicamente. Landini: 'Rimettere al centro i bisogni delle persone, la Cgil non è un partito e non fa opposizione'. Sul lavoro: 'Negli ultimi 20 anni trasformato in merce da leggi come il Job Act'

Mantova Cgil Landini-18Luglio1MANTOVA - "Se oggi le persone vivono con distacco la politica è perché pensano non si occupi dei loro problemi. Per quello che ci riguarda il tema è rimettere al centro i bisogni delle persone nel senso di diritti, lavoro, stato sociale e fare in modo che queste siano le questioni di cui chi governa e la politica tornino a occuparsi". Risponde così il segretario generale della Cgil Maurizio Landini, ospite oggi della Cgil di Mantova nell'auditorium Mps di via Luzio, quando i giornalisti gli chiedono d commentare uno dei dati più significativi emersi nell'ambito dell'indagine politica e valoriale effettuata su delegati e funzionari della Camera del Lavoro di Mantova.

E il dato è che il 75% dei funzionari e delegati sindacali della Cgil di Mantova dice di sentirsi politicamente appartenente a un'area di sinistra o centro sinistra ma, al contempo, il 65% dello stesso campione rappresentativo afferma di non sentirsi rappresentato da nessun partito politico.

"Il sindacato - ha proseguito Landini nel corso del suo intervento, argomentando la risposta data più sinteticamente ai giornalisti - deve rafforzare il proprio carattere perché non è un partito e non fa opposizione. E' un soggetto che mette insieme le persone che lavorano in autonomia, slegato da partiti, governi e imprese. Per questo la Cgil si pone alla pari con tutti, ma non ha paura di nessuno e non fa sconti a nessuno. Il sindacato fa politica nella misura in cui rappresenta i lavoratori nel processo di trasformazione della società, porta a casa diritti e le migliori condizioni di lavoro". 

L'indagine, illustrata da Massimiliano Fontana alla folta platea presente nell'auditorium, ha fatto emergere anche altri dati interessanti. Come quello relativo ai partiti in cui i delegati, intervistati attraverso un questionario anonimo diffuso nello scorso ottobre in occasione del congresso provinciale del sindacato, hanno affermato di votare Movimento 5 stelle (8%) e Lega (1%). "Credo che il dato relativo alla Lega - ha detto il segretario provinciale della Cgil di Mantova, Daniele Soffiati - sia sottostimato".

Mantova Cgil Landini-18Luglio2La parte dell'indagine più tagliata sugli aspetti valoriali ha fatto emergere dati rassicuranti per la Cgil. I valori in cui i delegati e funzionari si sentono maggiormente rappresentati sono quelli dell'uguaglianza, della giustizia e della solidarietà. Ma un terzo degli intervistati ritiene che il sindacato debba occuparsi solo di lavoro. "Essere rappresentativi - ha detto Soffiati, analizzando quest'ultimo dato - vuol dire far sentire la nostra voce. L'articolo 39 della Costituzione ci dà il il diritto di dire come la pensiamo su temi dirimenti per il paese come lo sviluppo, le infrastrutture, le autonomie, l'accoglienza e l'immigrazione".

Landini, dopo aver brevemente analizzato i dati dell'indagine, si è concentrato sul problema del lavoro come diritto e non come una merce: "La questione - ha detto - è anche culturale e non solo politica. Pensiamo che negli anni '70 lo Statuto dei Lavoratori è stato votato da forze politiche di sinistra, destra e centro perché si partiva dal presupposto culturale che il lavoro doveva essere un diritto per tutti, poi veniva l'appartenenza politica. Negli ultimi 20 anni chi ha governato ha fatto leggi che hanno capovolto questa logica. Si pensi al Job Act, all'eliminazione dell'articolo 18 nello Statuto dei lavoratori. Si è verificata una regressione culturale e il lavoro è stato trasformato da diritto a merce che si può comprare o vendere. I diritti sono stati frantumati e si è arrivati a una guerra fra poveri, una competizione dove i lavoratori accettano quasi ogni condizione. Mancano politiche industriali, investimenti pubblici e una seria lotta all'evasione fiscale che potrebbe far recuperare risorse molto ingenti da reinvestire nella sanità, nella scuola e nelle politiche per creare lavoro e occupazione".

Questi ultimi concetti sono stati sottolineati anche da Soffiati che, concentrandosi sulla situazione mantovana, ha evidenziato come negli anni della crisi la provincia di Mantova abbia perso oltre 2700 imprese, la disoccupazione giovanile è salita e i giovani mantovani, come dimostra un'analisi Cgil Mantova basata sui dati della Fondazione Migrantes, se ne vanno sempre più all'estero a lavorare: dal 2006 al 2018 sono aumentati del 150% e per lo più si tratta di persone laureate con elevate competenze. E i primi dati del 2019 disegnano una situazione generale di contrazione dell'economia mantovana in diversi comparti.

Nel corso della giornata son intervenuti anche il sindaco di Mantova, Mattia Palazzi, e il professor Paolo Graziano, ordinario di Scienza Politica all'Università di Padova.

Powered by Bullraider.com


AgenziaImmobiliareDomus Dedicated1
NaturaSì Mantova1 Dedicated
Segni2019 DedicatedB
APAM1 Dedicated
CinemasalediMantova1
RubricaOnline1

Tea Energia Srl

Pubblicita1

Ultimi Articoli

23 Ago, 2019

Goito, alle Bertone torna il Festival Romantico

GOITO, 23 ago. - Torna al Parco delle Bertone il festival…
23 Ago, 2019

Consultazioni, per Meloni e Salvini il voto è inevitabile

ROMA, 23 ago. – Per Giorgia Meloni, presidente di FdI, le…
22 Ago, 2019

La ragazza non vuole appartarsi, lui la scaraventa giù dall'auto e fugge: denunciato 23enne nato a Suzzara

REGGIOLO, 22 ago. - Lei si rifiuta di appartarsi e lui la…
22 Ago, 2019

MANTOVA MEDIEVALE: da sabato 24 a domenica 25 agosto sul Lungolago Gonzaga la tradizionale rievocazione storica

MANTOVA, 22 ago. – Torna, da sabato 24 a domenica 25 agosto,…

Partner

Ocm Musicalmente2
IlNotturno1

CineCity Mantova

Sport media

Calcio Mantova1911 1
Calcio MantovaFC MantovaBiancorossa1
Basket Sting1
CalcioA5 Mantova1

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information