1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Venerdi, 22 Giugno 1:24:pm

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Inceneritore Cartiera, il Tar boccia i ricorsi. Via libera a Pro Gest

Mantova Inceneritore Marcia-7Aprile4MANTOVA, 25 mag. - Una vera e propria mazzata sui comitati ambientalisti quella metaforicamente inflitta dalla sentenza odierna del Tar di Brescia che ha respinto i ricorsi presentati contro L'Aia 2016 e 2017 e contro l'entrata in funzione dell'inceneritore nella Cartiera Pro-Gest.

Una sentenza che, di fatto, autorizza la Pro-Gest a iniziare l'attività e a installare l'inceneritore.

Nelle 32 pagine della sentenza sono spiegate tutte le motivazioni per cui "il Tribunale Amministrativo regionale per la Lombardia sezione staccata di Brescia - si legge nella sentenza - definitivamente pronunciando: (a) riunisce i ricorsi; (b) dichiara in parte improcedibili e in parte respinge i ricorsi n. 1011/2016 e n. 1177/2916, come precisato in motivazione; (c) dichiara improcedibili i ricorsi n. 1123/2016 e n. 1159/2016; (d) condanna la Provincia a versare al verificatore l'importo di 7500 euro, oltre agli oneri di legge; (e) compensa per il resto le spese di lite in tutti i ricorsi".

In sintesi, il Tar ha ritenuto che i ricorsi presentati contro l'Aia del del 2016 siano stati superati dalle successive modifiche e riduzioni relative alla produzione di carta, una riduzione della portata dell'inceneritore, il divieto di bruciare scarti provenienti da altri stabilimenti Progest e un ridimensionamento dell'intervento edilizio presentate nell'Aia del 2017. Il Tar ha anche respinto i ricorsi presentati in merito all'Aia del 2017.

Ricordiamo che, all'inizio, i ricorsi al Tar erano tre, perché c'era anche quello contro l'autorizzazione integrata ambientale concessa alla cartiera dalla Provincia nel 2016. Ricorso presentato dai Comuni di Mantova, Borgo Virgilio, Curtatone, Porto Mantovano e San Giorgio e dal Parco del Mincio, ma ritirato in quanto, secondo i ricorrenti, le modifiche apportate dalla ProGest, proprietaria della cartiera, al progetto iniziale e il nuovo vincolo di Valutazione d'Impatto Ambientale-VIA rispettavano le esigenze dei ricorrenti per un costruttivo punto di partenza per giungere alla possibile ripresa dell'attività produttiva.

Contro l'inceneritore della Cartiera si è attivato da tempo un movimento di cittadini trasversale in quanto a ideologie e appartenenze politiche. Un movimento tenuto insieme dalla ferma contrarietà di avere un inceneritore in città. Un movimento che lo scorso 7 aprile aveva portato migliaia di persone a marciare in centro, fin sotto le finestre dell'ufficio del sindaco di Mantova, per ribadire la netta contrarietà non alla ripartenza della cartiera ma all'inceneritore.

Il sindaco di Mantova, Mattia Palazzi, sul proprio profilo Facebook, dopo la pubblicazione della sentenza del Tar che respinge i ricorsi contro l'inceneritore, scrive: "Il Tar ha respinto i ricorsi dei Comitati sulla vicenda Burgo, confermando così quanto avevamo previsto e dimostrando la nostra totale correttezza, nel rispetto del diritto e per il miglioramento della salute e ambiente della nostra comunità. Si dimostra chiaramente che se non avessimo ottenuto, stragiudizialmente, con l'aia 2017, il dimezzamento del termovalorizzatore (che il tar conferma esistere in autorizzazione dal 1997), oggi Progest sarebbe, legittimamente, autorizzata ad attivare un impianto il doppio di quello da noi ottenuto (era 80 mila tonnellate, ora 39 mila e con divieto sui rifiuti da fuori). Quindi e' stata corretta e ambientalmente importante la scelta dei Comuni e Parco del Mincio di abbandonare i ricorsi, per seguire una strategia volta a ridurre, come mai avvenuto prima, l'impatto del termovalorizzatore sul nostro ambiente e sulla nostra salute".

Dalla parte dei "No Inceneritore" è arrivato l'amaro commento dell'Associazione eQual: "La bocciatura da parte del TAR dei ricorsi presentati dai cittadini è una brutta notizia per tutti. Le istituzioni e gli amministratori locali hanno una responsabilità pesantissima".

Bruno Zago di Pro Gest ha commentato: "Siamo felici e soddisfatti di questo ottimo risultato. Siamo sempre stati ottimisti e continueremo a fare il nostro lavoro al meglio e con serietà".

"Il Gruppo - si legge in una nota stampa inviata da Pro Gest - esprime soddisfazione per il pronunciamento del Tar della Lombardia di oggi, che era atteso in quanto il dimezzamento della capacità produttiva, il dimezzamento della capacità del termovalorizzatore e il blocco dei rifiuti da altri stabilimenti unitamente alla presentazione di una richiesta di valutazione di impatto ambientale per il ripristino della totale capacità della sola produzione di carta, avevano tolto ogni dubbio sul fatto che la nuova configurazione rappresenti un miglioramento dal punto di vista ambientale. 

Il progetto di riavvio quindi continua, nella consapevolezza – tuttavia - che gli attuali limiti produttivi autorizzati non rendono economicamente sostenibile la cartiera. Il Gruppo auspica che si possa ora accelerare il procedimento di VIA avviato ancora nel mese di ottobre 2017. 

L'obiettivo è il ripristino della quantità di carta autorizzata in precedenza, che – come accertato dal Verificatore e ora anche dal Tar – non presenta alcuna criticità ambientale. Il gruppo ritiene importante evidenziare come la procedura di VIA in corso riguarda esclusivamente il ripristino della capacità produttiva della cartiera e non apporta alcuna modifica al termovalorizzatore così come già analizzata dal TAR. 

Il Gruppo continua con ancor più determinazione nella strada intrapresa a Mantova con l'obiettivo di avviare un sito produttivo che sia il massimo esempio di economia circolare nel panorama cartario italiano e che sappia conciliare le esigenze produttive con il rispetto dell'ambiente e della salute".

Daniele Soffiati, segreatrio generale Cgil Mantova, esprime soddisfazione per quanto sancito dal Tar: "Ciò che dichiara la sentenza - spiega Soffiati - corrisponde a quanto abbiamo a maggior ragione ribadito dopo il dimezzamento dell'inceneritore: attraverso le tecnologie che saranno adottate da Pro-Gest, il livello di inquinamento risulterà inferiore a quello consentito dall'AIA 2014. Inferiore cioè a quello prodotto dalla Cartiera Burgo negli anni passati. Mi auguro dunque che la sentenza stemperi il clima di preoccupazione se non di terrore per la salute che si è prodotto in molti cittadini. La sentenza afferma inoltre che è l'Aia, più che la Via, il procedimento adatto a esercitare il miglior controllo ambientale, rendendo compatibile il cambiamento dei cicli produttivi con il controllo delle emissioni e la qualità dell'ambiente, come sostenuto da sempre dalla Provincia. Procede dunque contestualmente al controllo ambientale, come abbiamo auspicato, questo investimento così importante per lo sviluppo industriale e l'occupazione del nostro territorio".

I ricorrenti ora possono decidere di portare la questione al Consiglio di Stato e sembra proprio, a giudicare dagli umori di chi si è visto respingere i ricorsi contro l'inceneritore della cartiera, che lo faranno.

 

Powered by Bullraider.com
RadioBase1
CinemasalediMantova1
RubricaOnline1

Tea Energia Srl

Rubriche

Confcommercio CommerciocheImpresa1b
IlRovesciodelDiritto1c
VistidaNord1

Ultimi Articoli

22 Giu, 2018

Caso Breivik, la Corte europea dei diritti umani respinge il ricorso del neonazista

BRUXELLES, 22 giu. – Con la sentenza di giovedì 21 giugno, la…
22 Giu, 2018

Dipendenti artigianato, ecco la prima guida Cgil per non rinunciare ai propri diritti

MANTOVA, 22 giu. - È pronta e disponibile nella sede Cgil di…
22 Giu, 2018

Eventi e spettacoli per il fine settimana mantovano: ecco le migliori proposte

MANTOVA, 22 giu. - Notte Bianca di Lunetta e Festa dei Popoli e…
22 Giu, 2018

Basket A2, gli Stings iniziano a muoversi sul mercato: preso l'esperto Ghersetti, piace Poggi

MANTOVA, 22 giu. - Inizia a delinearsi il futuro della…
22 Giu, 2018

Strade, situazione drammatica e sicurezza a rischio: interrogazione della senatrice Rauti al Ministro

MANTOVA, 22 giu. - La situazione in cui versano le principali…
22 Giu, 2018

Salute, malattie respiratorie terza causa di morte in Italia

ROMA, 22 giu. – Dopo le malattie cardiovascolari e quelle…

Partner

Ocm Musicalmente2
IlNotturno1

Conservatorio di Musica Lucio Campiani

Goparc

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information