1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Lunedi, 21 Gennaio 2:21:pm

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Basta morti sul lavoro, in centinaia al presidio davanti alla Belleli

Mantova ScioperoSindacatiMortisullavoro BelleliMANTOVA, 16 mag. - Centinaia di operai questa mattina davanti alla Belleli di Mantova, per manifestare contro le morti sul lavoro. Lo sciopero di 4 ore indetto da Fiom, Fim e Film è culminato in un presidio davanti allo stabilimento di via Taliercio, al centro di un continuo braccio di ferro tra azienda e rsu per la sicurezza all'interno della fabbrica.

Diversi anche i pullman giunti da Suzzara e Pegognaga con le rappresentanze sindacali delle maggiori aziende della Bassa.

Di fronte all'ingresso della Belleli, è stata allestita una installazione di croci bianche, caschetti di sicurezza rossi e lumini funebri, a testimonianza di una situazione molto sentita tra i lavoratori, esplicitata da uno striscione molto diretto: "basta morti sul lavoro". Dopotutto, le migliaia di lavoratori morti sul lavoro in dieci anni, insieme a tutti gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali sono la spia di un malessere sociale molto forte; senza contare che nel 2018 sono già morti 255 lavoratori, di cui cinque mantovani.

Mantova scioperosindacatimortisullavoro1Dalle 9.30 il presidio è stato animato dagli interventi dei sindacalisti e dai capannelli di operai che si confrontavano sulla situazione nelle rispettive fabbriche. Dopo il minuto di silenzio rivolto ai caduti, è intervenuto Marco Grendene, Rsu Fiom della Belleli, che ha spiegato ai partecipanti il pesante clima che si è instaurato all'interno dello stabilimento virgiliano, mettendo a rischio le libertà sindacali. Il segretario provinciale della Fiom, Mauro Mantovanelli, ha parlato apertamente di un: "bollettino di guerra quotidiano che non è più tollerabile e ha puntato il dito contro una classe politica e industriale che negli ultimi dieci anni ha agito per rimuovere tutele e sicurezze, esponendo i lavoratori a situazioni di ricattabilità e pericolo". Luciano di Pardo della Uilm ha ribadito che la sicurezza deve tornare ad essere una priorità per poter prevenire ed escludere che si ripetano eventi drammatici come a Monfalcone, Padova e La Spezia.

Presente alla manifestazione anche Fausto Banzi di Sinistra Italiana e una nutrita delegazione di giovani lavoratori di Associazione eQual – Potere al Popolo Mantova. Per Emanuele Bellintani di eQual: "Quello in cui muoiono due lavoratori al giorno non è un paese civile, è una Repubblica fondata sulla strage di lavoratori. Vanno abrogate quelle leggi che mettono a rischio la sicurezza e vanno dati fondi e maggiori poteri agli organismi di controllo".

Powered by Bullraider.com


APAM1 Dedicated
CinemasalediMantova1
RubricaOnline1

Tea Energia Srl

Pubblicita1

Ultimi Articoli

21 Gen, 2019

Carabinieri, bilancio attivitĂ  2018: reati in calo

MANTOVA, 21 gen. - Come consuetudine consolidata, il Comando…
21 Gen, 2019

Strage Migranti, Di Maio:'Colpa dei paesi che non decolonizzano l'Africa, come la Francia'

ROMA, 21 gen. – Per il vicepremier Luigi Di Maio per fermare i…
21 Gen, 2019

Gonzaga, Bovimac chiude a quota 9500 visitatori

GONZAGA, 21 gen. - Ha chiuso ieri raggiungendo 9.500 visitatori…
21 Gen, 2019

Basket A2, Pompea perfetta contro Udine: Raspino e Morse trascinano gli Stings alla vittoria

MANTOVA, 21 gen. - Una Pompea perfetta non lascia scampo a…

Partner

Ocm Musicalmente2
IlNotturno1

Conservatorio di Musica Lucio Campiani

Sport media

Calcio Mantova1911 1
Calcio MantovaFC MantovaBiancorossa1
Basket Sting1
CalcioA5 Mantova1

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information