1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer
Lunedi, 11 Dicembre 12:14:pm

Seguici su:

FacebookTwitterYoutube

Città del Sole Mantova

Nordcorea, Trump minaccia il regime

TrumpDonald6WASHINGTON, 12 ago. – Martedì Donald Trump aveva promesso "fuoco e furia" alla Corea del Nord nel caso di altre minacce, ma a quanto pare "forse" quelle parole "non sono state abbastanza forti".

Il duello verbale tra lui e il regime di Kim Jong Un è tornato ad intensificarsi. I due giocano a chi fa la voce più grossa visto che la nazione più isolata al mondo ore prima era tornata a minacciare dicendo di avere piani per lanciare missili nelle acque al largo di Guam, un'isola nel Pacifico occidentale nonché territorio americano.

Parlando da Bedminster, New Jersey, nel suo Golf Club, il leader americano non ha usato mezzi termini. La Corea del Nord farebbe bene ad aggiustare il tiro, ossia a fermare i suoi programmi nucleare e missilistico, altrimenti finirà nei guai "come poche nazioni hanno visto" (riferimento al Giappone colpito dalle bombe atomiche Usa?).

"Gli succederanno cose che non hanno mai pensato sarebbero state possibili", ha continuato Trump che però non ha voluto commentare se Washington stia prendendo in considerazione un attacco preventivo: "Non parliamo di queste cose. Non lo facciamo mai". L'inquilino della Casa Bianca ha usato il bastone e la carota.

Pur usando parole dure, si è detto aperto a negoziati (a cui però lunedì Pyongyang aveva detto di non essere disposta "in nessuna circostanza"). E mentre Rex Tillerson – il segretario di Stato che ieri aveva tranquillizzato dicendo che si possono "dormire sonni tranquilli" – continua a massaggiare le relazioni con la Russia e la Cina per trovare una soluzione diplomatica, a Trump non è restato altro che minacciare e criticare. Anche le amministrazioni passate come quelle di Bill Clinton ("debole e inefficace") e di Barack Obama, che di Corea del Nord "non voleva nemmeno parlarne". E velatamente alla Cina ha fatto capire che può fare di più sul caso visto che è il principale partner commerciale di Pyongyang.

Il segretario alla Difesa Usa Jim Mattis, intanto, ha avvertito che una guerra con la Corea del Nord sarebbe "catastrofica" e ha detto che gli sforzi diplomatici stanno ottenendo risultati. Parlando a un evento in California, Mattis ha detto che la sua responsabilità quella di rendere possibile l'opzione militare "qualora ve ne fosse bisogno", ma ha avvertito che gli sforzi attuali degli Stati uniti sono ora concentrati sulla diplomazia.

(askanews)

Powered by Bullraider.com

Ultimi Articoli

11 Dic, 2017

Gerusalemme capitale, Netanyahu: 'Pace possibile con la svolta di Trump'

BRUXELLES, 11 dic. – Per il primo ministro israeliano Benjamin…
11 Dic, 2017

Basket A2, gli Stings vincono un difficile match contro Roseto al Palabam

MANTOVA, 11 dic. - La Dinamica Generale Mantova riesce ad avere…
11 Dic, 2017

Alzheimer, diagnosi più precoce con la Pet

ROMA, 11 dic. – La Risonanza magnetica è l'esame più utilizzato…
11 Dic, 2017

Turismo, previsioni buone per Natale e Capodanno. Preferenza per destinazioni al caldo

MILANO, 11 dic. – In base ai dati dell'ultimo report…
11 Dic, 2017

Politica, Salvini in piazza contro lo ius soli: 'Noi il futuro'

ROMA, 11 dic. – Per il leader della Lega Matteo Salvini "la…
10 Dic, 2017

Il forcing finale non basta: al Martelli il Mantova pareggia 0-0 con l’Ambrosiana

MANTOVA, 10 dic. – Ci ha provato fino all'ultimo a scardinare la…

Partner

Ocm Musicalmente2
IlNotturno1

Conservatorio di Musica Lucio Campiani

Goparc

Questo sito utilizza cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Continuando con la navigazione si accetta il loro uso. Per informazioni dettagliate sulla normativa dei cookies, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.

EU Cookie Directive Module Information